10 momenti e personaggi indimenticabili di Marvel’s Agents of SHIELD

Alcuni momenti e personaggi di “Marvel’s Agents of SHIELD” restano indimenticabili. 

Marvel’s Agents of SHIELD” si è concluso ormai da mesi ma io mi sento ancora un po’ orfana. Complice l’essere approdato su Netflix, ho deciso di riguardarmi in maratona l’ultima stagione e concluderla consapevole (ma soprattutto memore) di quel che ho salutato.

Chi ha seguito lo S.H.I.E.L.D. in questi 7 anni di alti e bassi ha a cuore una serie di scene e personaggi. Ecco i miei.

1.Phil Coulson

La sua morte nel primo Avengers ha spezzato il cuore dei fan. Nell’arco di una manciata di comparsate, Coulson era riuscito a conquistare il pubblico con la sua simpatia e professionalità e quando Loki lo trafigge, ci siamo sentiti trafitti anche noi. Ogni suo ritorno, dal primo all’ultimo “Hey Guys!”, ci ha fatti sorridere come la prima volta.

2. I Fitzsimmons

Quale ship nasce già con il nome da ship? Solo loro. Dalla prima stagione – con i loro piccoli momenti culminati con la dichiarazione in fondo all’oceano – ci hanno tenuti col fiato sospeso e il cuore trepidante. Una delle mie OTP di sempre, ha saputo conquistare il mio cuore riottoso allo schema degli star-crossed lovers grazie a due personaggi straordinari singolarmente ma eccezionali insieme, due ragazzini appena usciti dal laboratorio che nell’arco di due stagioni si ritrovano addestrati come i migliori agenti dello S.H.I.E.L.D. preservando però la loro innata purezza nonostante le numerose sfide alle quali sono stati sottoposti. La mia scena preferita resterà sempre il loro primo – sospiratissimo – bacio ma confesso che una compilation dei loro momenti alberga spesso nella mia cronologia di Youtube.

3. Il tradimento di Grant Ward

E per un cuore che sospirava e gioiva, ce n’è un altro che da quel tradimento non si è mai ripreso. Siamo alla fine della prima stagione, Hydra assedia lo S.H.I.E.L.D. e tutto sembra perduto. Si delinea improvvisamente la consapevolezza che ci fosse una talpa all’interno dell’agenzia e Skye scopre (e noi con lei) che “Ward is Hydra”. Con lei si ruppe anche il nostro cuore e dopo il tentato omicidio dei Fitzsimmons, non lo abbiamo mai più perdonato.

4. La verità sull’origine del nome “Cavalleria” di May

Uno dei momenti più strazianti della serie televisiva. Ero a metà tra lo shock e il dolore per la scelta terribile che Melinda si era ritrovata a compiere e che l’aveva segnata per sempre. Una scelta che l’ha perseguitata per anni e che ancora nell’ultima stagione le è stata rinfacciata. Ma allo stesso tempo una scelta che l’ha resa il personaggio che è e che amiamo.

 

Momenti e personaggi indimenticabili di Marvel’s Agents of Shield

 

5. L’arrivo di Mockingbird

L’aggiunta all’inizio della seconda stagione di Bobby, Hunter e Mack è ancora una delle scelte migliori che gli sceneggiatori abbiano fatto. I tre personaggi erano più che riusciti ed il percorso più o meno lungo che ciascuno ha avuto nel corso delle stagioni è stato molto ben scritto e li ha resi cari al mio cuore. Il momento mitico in cui Bobby entra in scena, però, resta uno dei miei preferiti in assoluto.

6. “Spy’s Goodbye”

Volendo restare in argomento: l’addio di Bobby e Hunter allo S.H.I.E.L.D. Non ho altro da aggiungere.

7. Skye/Daisy e la Terrigenesis

Con un colpo di scena inaspettato (ahahah, certo), ci siamo ritrovati nella frazione di un minuto a dire addio ad un personaggio amato e a fare da spettatori alla trasformazione definitiva di un altro a noi ben noto. Il momento in cui il monolite raggiunge Daisy e Trip la crede morta ho iniziato a trattenere il respiro e poi ho ripreso a respirare – o meglio, a singhiozzare – solo quando a terrigenesi completata, Daisy si è rivelata Inumana mentre Trip è svanito in una nuvola di polvere.

8. Ghost Rider

La quarta stagione è stata per me piuttosto contraddittoria: da un lato ho odiato con tutta me stessa Aida, dall’altro ho adorato la crisi di Daisy e l’introduzione di Ghost Rider. Lo spessore che hanno saputo dare alla storia di Robbie Reyes (oltre all’interpretazione di Gabriel Luna) e il legame che hanno saputo costruire con una Daisy psicologicamente distrutta, mi hanno fatto adorare l’intera storyline. Al punto che ho sperato fino all’ultimo di rivederlo.

9. Yo-Yo e Deke

La prima mi è stata simpatica fin dalla prima volta che è comparsa sullo schermo, il secondo avrei voluto prenderlo a badilate il 50% delle volte. Ma Yo-Yo è stata il perfetto comic-relief per numerosi episodi, la spalla di Mack e suo perfetto contraltare. Mentre Deke – e i mille modi in cui riusciva a fare spazientire Fitz – ha saputo conquistarmi a mano a mano. Soprattutto dopo la grande rivelazione e la curiosa costruzione di un rapporto nipote/nonni quando questi ultimi hanno l’età del nipote in questione. E la Deke’s Band? Mi sono rotolata dalle risate.


10. Il destino di Daniel Sousa

Chi non ha avuto la fortuna di guardare “Marvel’s Agent Carter” – a parte dover tassativamente correre a recuperarlo – si è perso il personaggio di Daniel Sousa. Confesso che quando alla fine di Avengers-Endgame fu rivelata l’identità del padre dei figli di Peggy Carter, il mio secondo pensiero – il primo ovviamente è stato “Oh, che tenerezza!” – è stato “Povero Daniel!”. Adoravo il suo personaggio e non solo perché – a parte Jarvis – era l’unico uomo che trattava Peggy come la donna eccezionale che è, ma perché aveva saputo costruirsi un ruolo di ineguagliabile rispetto nel nascente S.H.I.E.L.D. senza mai essere meschino o scorretto con coloro che lo sottovalutavano e lo prendevano in giro per via del bastone. Il pensiero, poi, che sarebbe stato comunque destinato a morire giovane, mi rendeva ancora più triste perché l’happy ending che era stato scritto per lui avrebbe avuto un’ending molto precoce. Ed invece, la settima stagione ha deciso di riportarlo a noi dandogli un destino differente e rendendolo parte del team…e complice nell’happy ending di un altro personaggio amato.

https://directrix-zelda.tumblr.com/post/626225100624117760/marvels-agents-of-shield-september-24-2013

Questi sono i miei momenti e personaggi indimenticabili di “Marvel’s Agents of Shield”: quali sono i vostri?

The Lady and the Bandhttps://illabirintodellestorie.com/
Ha un passato da ladra insieme alle sorelle Occhi di gatto, ha difeso la Terra nel team delle guerriere Sailor e fatto magie con Terry e Maggie. Ha fornito i sigari sottobanco ad Hannibal e il suo A-Team, indagato con gli Angeli di Charlie Townsend, ha riso con la tata Francesca ed è cresciuta con i 6 Friends di NY. Ha imparato ad amare San Francisco difendendo gli innocenti con le Streghe, è stata un pivello insieme a Jd-Turk-Elliott, ha risolto crimini efferati con praticamente il 90% di poliziotti e avvocati del piccolo schermo e amato la provincia americana con Lorelai e Rory Gilmore. Avrebbe voluto che il Fabbricatorte non chiudesse mai e non ha mai smesso di immaginare Chuck e Sarah che «sedano rivoluzioni con una forchetta». Lettrice appassionata, Janeites per fede, amante delle storie sotto ogni forma fin da piccola. Segue serie poliziesche, comedy e sit-com soprattutto, uniche allergie riconosciute sono quelle allo sci-fi e all'horror.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
2,988FollowersFollow

Ultimi Articoli