Mr Mayor

Mr Mayor – La nuova serie comedy di Ted Danson

Giovedì 7 gennaio la NBC ha mandato in onda le prime due puntate della nuova serie comedy con Ted Danson “Mr Mayor”.

Trama. In un futuro post Covid, il ricco ma sprovveduto imprenditore Neil Bremer (Ted Danson) si candida alle elezioni come sindaco di Los Angeles. Una volta eletto si accorgerà che non è così facile amministrare L.A. e dovrà non solo guadagnarsi la fiducia del suo staff ma anche curare il rapporto con la figlia adolescente Orly (Kyla Kennedy).

Il cast ha nomi che assicurerebbero il successo. Oltre al già citato protagonista abbiamo il ritorno in tv di Holly Hunter (“Saving Grace”), Kyla Kennedy (“Speechless”), Bobby Moynihan (“Saturday Night Live”), Vella Lowell (“Crazy Ex Girlfriend”) e Mike Cabellon (“Orange is the New Black”). Tutti attori, anche i più giovani, che hanno dimostrato di essere capaci in passato. Non vi dico il salto di gioia che ho fatto quando ho rivisto Kyla Kennedy che ho adorato in “Speechless”. Tra l’altro, se non aveste mai visto questa comedy ve la consiglio: è una piccola perla in una mare di banalità e melodrammi sulla disabilità e, soprattutto, è esilarante.

Dietro il progetto “Mr Mayor”, poi, ci sono due nomi importantissimi: Tina Fey e Robert Carlock. E non a caso. Infatti questa comedy avrebbe dovuto essere lo spin-off dedicato a Jack Donaghy, il personaggio di Alec Baldwin in “30 Rock”, destinato ad avere una carriera politica a NY. Dopo un anno di trattative, però, Baldwin si ritirò dal progetto che quindi fu offerto a Danson. L’attore però impose come condizione il girare la serie a Los Angeles e così è nata “Mr Mayor”.

L’impatto sul pubblico americano non è stato dei migliori. Sicuramente il vedere un politico incompetente che assurge alla carriera politica e poi non sa come comportarsi facendo un errore dopo l’altro, non deve aver ben disposto un popolo che sta vivendo una situazione non facilissima per colpa di un altro politico improvvisato. Questa volta in carne e ossa.

  • Il cast e la produzione. Avere al timone della nave-serie tv due capitani ed equipaggio capaci è foriero di cose buone. La telefilm addicted che è in me adora almeno metà di loro e confida che per lo meno da quel punto di vista sapranno fare cose buone. Ted Danson sta recitando in pratica una versione più terrena del suo personaggio di “The Good Place” (personaggio amatissimo, tra l’altro), la giovane assistente Mikaela/Vella Lowell è una giovane entusiasta e dipendente dai social convincente e accattivante, l’irriconoscibile ma sempre eccellente Holly Hunter è l’elemento imprevedibile che trascina lo spettatore e i personaggi in un girone di inganni, i due PR del sindaco sono bilanciati e convincenti nei loro ruoli di spalle comiche del protagonista. Kyla Kennedy, infine, convince nei panni di Orly, la figlia del protagonista, e sa essere decisa e sarcastica al punto giusto.

  • Sembra tutto un po’ già visto. Dalla gag dei biscotti alla marijuana all’avversario del protagonista che si prende gioco della pischella di turno. Tuttavia, si tratta dei primi episodi e non ho dubbi che sapranno lasciare alcune classiche gag della comicità per escogitare nuovi modi per divertire.

 

“Mr Mayor” – La nuova serie comedy di Ted Danson

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jacquelynn Candace (@jacquelynn_candace)

Arpi Meskimen/Holly Hunter. Per ora è molto stereotipata ma la vice sindaco è stata presentata molto bene e mi ha molto divertito vederla sorprendere tutti con i suoi trucchetti miranti a vincere la sua battaglia.

Neil Bremer/Ted Danson sotto effetto di marijuana visita alcuni operai vittime di infortuni sul lavoro e inizialmente sembra nascondere bene il suo stato “stupefacente” ma crolla miseramente davanti a Manny Penny, operaio infortunatosi alle dita delle mani e dei piedi (la gag era il gioco di parole fra il nome dell’uomo, le parti del corpo infortunate e mani-pedi, manicure-pedicure).

 

“Mr Mayor” – La nuova serie comedy di Ted Danson

La nuova serie comedy di Ted Danson si presenta con una prima puntata che diverte ma non conquista. Tuttavia, poiché mi ha fatto ridere parecchio, sono incline all’ottimismo. Ci sono precedenti importanti – “The Office USA” e “Parks and Recreation” – che non mi hanno convinto subito e poi sono diventati dei classici della comicità. Come ho ribadito più volte il cast e la produzione ci sono per cui le premesse sono buone.

L’ambiente di lavoro, l’ufficio comunale e i suoi intrighi, ben si prestano a sketch divertenti (basti vedere il giro di favori che Vella Lowell/Mikaela è costretta a chiedere per ottenere dello scotch!) ed i personaggi sono stati scelti accuratamente per incastrarsi in dinamiche divertenti.

Ted Danson, come scritto poco sopra, sembra replicare il suo Michael di “The Good Place” ma aggiungendogli una serie di caratteristiche tipicamente umane che contribuiscono a renderlo almeno un po’ diverso dal personaggio del sindaco del Good Place. Un po’ come se il Michael che abbiamo lasciato alla fine della serie di Michael Schur si fosse poi fatto una famiglia ed avesse deciso di diventare sindaco anche sulla Terra.

Insomma, la stanchezza della scrittura tipica dei primi due episodi, una scrittura che si basa molto su classici della comedy americana, potrebbe essere superata da sceneggiatori che, di fronte alla richiesta di nuove puntate, guadagnino in fiducia in se stessi e inizino a creare qualcosa di originale.

Non è una novità che il mondo comedy negli ultimi anni sia un po’ in crisi e, a parte qualche eccellente eccezione – come la già citata “The Good Place” – è un proporsi e riproporsi di cose già viste e idee stantie. Questa comedy prova a muoversi verso qualcosa di brillante e nuovo ma nei suoi primi episodi, di questo movimento, se ne vedono solo le scintille. Non resta che continuare a guardare gli episodi successivi per verificare se un buon cast e una buona produzione siano lo sprint giusto per una sceneggiatura che sappia sfruttare questi pregi iniziali e portare ad una serie di valore.

 

65/100

 

Queste le mie impressioni su “Mr Mayor” la nuova serie comedy con Ted Danson. Voi l’avete vista? Siete interessati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.