Friendship Addicted | Jane Rizzoli & Maura Isles

Bentornati amici!

L’articolo di questa settimana è dedicato ad una delle più belle amicizie femminili del piccolo schermo: quella fra Jane Rizzoli e Maura Isles.

01

Prima di scrivere questo articolo, ammetto, di non essere stata minimamente a conoscenza del fatto che ci sia – moltissima – gente che le vede come una ship piuttosto che una friendship. Navigando su Tumblr ho scoperto come milioni di scene che io ho sempre interpretato in un certo modo, abbiano avuto per tanti altri una valenza romantica della quale, per l’appunto, io non vedevo l’ombra. Ciò che mi ha fatto piacere, però, è stato che, lungi dall’essere contrariata da una tale interpretazione del rapporto fra le due, non mi importa granché se gli shippers abbiano ragione o meno perché l’amicizia fra Jane e Maura è assolutamente meravigliosa.

Questo non toglie che io le veda DECISAMENTE più come amiche che come coppia perché le loro dinamiche assolutamente complici e affiatate, sono bellissime proprio perché non c’è alcun romanticismo dietro.

Fatta questa premessa di dovere, parliamo di loro.

Jane e Maura non potrebbero essere più diverse.

Jane è cresciuta in una famiglia prevalentemente maschile guidata a mano ferma da quella donna straordinaria che è Angela. È testarda, determinata, un maschiaccio armato di sarcasmo e poca delicatezza. Abituata sin da piccola a gareggiare coi fratelli minori, ha l’atteggiamento del capo branco più che della wasp, la leader femminile di un gruppo.

Dalla sua, Jane, ha una famiglia unita alle spalle ed un rapporto meraviglioso che la lega ai suoi fratelli – Frankie in particolare – e a sua madre. Un rapporto al quale, per quanto straordinario, è sempre mancata una controparte femminile, un’amicizia che potesse equiparare l’intesa con i suoi fratelli aggiungendo quel quid che mancava alla vita di Jane. Almeno fino all’incontro con Maura Isles, anatomopatologa pluripremiata, enciclopedia ambulante, incapace di mentire (laddove Jane è un asso della bugia, dopo anni di vita con la famiglia Rizzoli), la cui cabina armadio è composta per l’80% da vestiti e scarpe di lusso, sempre diplomatica e composta, perfetto esempio di un’educazione nella buona società.

Maura, al contrario di Jane, però non ha una bella famiglia alle spalle. Figlia di un medico e di un boss della mafia irlandese, venne data per morta e adottata da una famiglia della Boston bene. Una madre perfettamente inserita nell’elite, un padre professore fedifrago delle cui scappatelle Maura ha dovuto a lungo tenere il segreto.

Quando Maura e Jane diventano amiche, Maura ottiene ciò che ha sempre agognato: una famiglia. I Rizzoli la adottano, la considerano membro integrato del clan e non c’è dubbio che per tutti è la sorella della quale nessuno sentiva la mancanza finché non è arrivata.

11

Di pari passo all’amicizia con Jane, si sviluppa il rapporto con Angela che arriva a considerarla come un quarto figlio, e benché entrambi i fratelli di Jane abbiano perso un po’ la testa per Maura, con il passare del tempo abbiamo assistito ad un’estensione della protettività tra fratelli, anche a lei.

Maura e Jane sono coinvolte in ciascuno dei passaggi importanti della vita di ognuna ed è meraviglioso vederle affrontare le difficoltà che la sorte pone loro davanti, come un unico solido team.

02Sempre pronte a consigliarsi e supportarsi, nel corso delle serie sono riuscite a trasmetterci una tranquilla familiarità legata non solo ai numerosissimi momenti esilaranti degli episodi, ma soprattutto alla precisa routine che tanto sa di rapporto consolidato. Un po’ come quando si fanno le cene tra amici e si sa già chi porterà cosa, chi finirà per dire parole di troppo, chi si lascerà andare al pettegolezzo, e così via.

Le battute sarcastiche di Jane, la pazienza di Maura (e la sua conoscenza enciclopedica dello scibile umano), le intuizioni di entrambe e le capacità di persuasione di Rizzoli, et voilà l’assassino è servito.

Perché adorare la loro amicizia?

Perché sono diverse in milioni di cose ma uguali in altrettante.

08Perché sono lo Yin e lo Yang: perfettamente bilanciate.

Jane: Yin and Yang!Which one am I?
Maura: Well, you’re Yin, of course. Shady and cool.
Jane: No, I want to be Yang.
Maura: Nope, that’s me – sunny and bright.
Jane: What?How come you alwayes get to be the sunny one?
Maura: Because of attitude like that!

Perché dopo non essersi parlate per settimane quando Jane sperò al padre mafioso di Maura, sono riuscite a scherzarci su.

03bis04

Perché ci sono sempre l’una per l’altra, anche quando non ne avrebbero voglia o va contro tutto ciò in cui credono. Voglio dire, Maura ha convinto Jane a fare yoga!…Ed ha assecondato l’assurda intenzione di Jane di imparare a fare i ravioli in casa…

03Perché Maura è il quarto Rizzoli. Punto.

10

Perché non si può immaginare l’una senza l’altra.

09

Chi, come me, segue da sei anni questa magnifica serie, sa che malgrado le numerose sfide a cui sono stati sottoposti tutti i personaggi (citatemene almeno uno che amate meno…forza su…vi aspetto al varco), la solidità dell’amicizia fra Jane e Maura è il cuore del telefilm e non importa quanto io possa scriverne, le parole non saranno mai abbastanza per esaltare questo rapporto assolutamente maturo e paritario che si nutre dal reciproco supporto e incoraggiamento, dal costante confronto e rispetto reciproco, dal non aver paura di dire all’altro quando sta sbagliando perché si sa che quel legame è inscalfibile. Ancora una volta, degli autori televisivi, sono riusciti a rappresentare un’amicizia genuina e straordinaria più nei gesti quotidiani che nei grandi eventi. La grandezza di Jane e Maura è proprio la loro consolidata routine che non viene mai a noia, sono le chiacchiere a vuoto di Maura e gli occhi al cielo di Jane, è la comprensione e l’accoglienza dell’altra, senza riserve.

Jane e Maura si fanno da trampolino a vicenda: due personaggi meravigliosi (soprattutto Jane, che è uno dei miei role model telefilmici) che insieme fanno faville e si rendono migliori.

A me non resta che salutarvi e augurarmi di essere riuscita a trasmettervi almeno un po’ del mio amore per questa bellissima amicizia e per farlo non posso che usare le parole di Sasha Alexander/Maura Isles…

07…e BUONE FESTE!

The Lady and the Bandhttps://illabirintodellestorie.com/
Ha un passato da ladra insieme alle sorelle Occhi di gatto, ha difeso la Terra nel team delle guerriere Sailor e fatto magie con Terry e Maggie. Ha fornito i sigari sottobanco ad Hannibal e il suo A-Team, indagato con gli Angeli di Charlie Townsend, ha riso con la tata Francesca ed è cresciuta con i 6 Friends di NY. Ha imparato ad amare San Francisco difendendo gli innocenti con le Streghe, è stata un pivello insieme a Jd-Turk-Elliott, ha risolto crimini efferati con praticamente il 90% di poliziotti e avvocati del piccolo schermo e amato la provincia americana con Lorelai e Rory Gilmore. Avrebbe voluto che il Fabbricatorte non chiudesse mai e non ha mai smesso di immaginare Chuck e Sarah che «sedano rivoluzioni con una forchetta». Lettrice appassionata, Janeites per fede, amante delle storie sotto ogni forma fin da piccola. Segue serie poliziesche, comedy e sit-com soprattutto, uniche allergie riconosciute sono quelle allo sci-fi e all'horror.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,320FollowersFollow

Ultimi Articoli