Image default
Pretty Little Liars Recensioni

Pretty Little Liars | Recensione 6×20 – Hush, hush, sweet liars (Season Finale)

Credetemi quando vi dico che sto davvero lottando contro la mia stessa natura dialettica e contro l’istinto del tutto giustificato di cominciare questa recensione con un WHAT THE FUCK che riassumerebbe degnamente questo season finale. Che dire miei liars, dopo una 6B forse inevitabilmente sottotono perché doveva in fondo ricostruire storie e personaggi come in un nuovo inizio, Pretty Little Liars ricomincia a giocare sul serio, come SOLO questo show sa fare soprattutto nei season finale, dando vita a un episodio dannatamente dark, in cui romanticismo e sfumature vagamente horror si sposano perfettamente, mentre nell’aria aleggia un’atmosfera di oscurità e pericolo che richiama alla mente la pura essenza di questa serie, quella che si respirava nelle prime due stagioni ma con un aspetto adesso più maturo, riportando la scena nelle due locations a mio parere più importanti in questa storia: la chiesa e il resort. E così, dopo nove episodi dall’andamento altalenante e dubbio, Marlene King ci dimostra ancora di che pasta è fatta e sì, sono certa che ad oggi in molti avranno già trovato mille incongruenze, errori e ogni sorta di proverbiale capello nell’uovo per lamentarsi della credibilità di questo show ma per me, ancora una volta, la verità da affrontare è una: Pretty Little Liars ci è riuscito ancora, Marlene King ci è riuscita di nuovo, il web è in agitazione dal momento in cui l’episodio è andato in onda, nuovi misteri tengono banco lasciando lo spettatore con risposte esaltanti ma anche con domande e paure ancor più importanti e angoscianti e soprattutto, per l’ennesima volta, la vita di una delle ragazze è davvero appesa a un filo mentre la settima stagione diventa improvvisamente un pensiero fisso, un miraggio adesso terribilmente lontano che porta l’hype alle stelle perché, alle porte del suo ultimo traguardo, Pretty Little Liars è ufficialmente tornato, non ha rivali, ed è sempre dannatamente grandioso!

Come ho anticipato, credo che questo finale abbia fatto convivere con straordinario equilibrio due tra le componenti indubbiamente più importanti dello show: quella romantica e privata per ognuna delle ragazze che rende la serie umana e quella geneticamente thriller (sì, che vi piaccia o no questo è il termine da utilizzare, accettatelo), che vive da sempre nello show, che lo rende vivo e in costante trasformazione e rinascita, che lo rende semplicemente unico nel suo genere e sempre fedele alle sue origini. Accontentando tutti gli shipper del mondo (gente, quella donna non ha lasciato fuori un fandom … forse solo la fazione Paily ma hey, esiste ancora?), Marlene King ha costruito un episodio in cui, nonostante la preponderanza del romanticismo, ogni storia è stata trattata con il dovuto rispetto ed equilibrio, con ritmi a volte più blandi a volte più passionali, a seconda delle dinamiche ma soprattutto dell’evoluzione coppia e persino io, che non considero le agguerritissime ships l’elemento più importante di questa serie, mi sono ritrovata ad adorare ogni singolo momento, ogni riferimento al passato, ogni conferma di ciò che sappiamo tutti e per cui in fondo dobbiamo solo aspettare.

C’est dommage
c’est la guerre

tumblr_o44x478dFU1sb8lu1o2_250 tumblr_o44x478dFU1sb8lu1o1_250

Ad aprire le danze da questo punto di vista sono stati Spencer & Toby, forse una delle coppie che personalmente più ho amato in passato ma che nonostante tutto sono ad oggi quelli più lontani dalla riconciliazione che tanto auspichiamo. Eppure, oltre le differenze, oltre gli ostacoli e i diversi piani su cui entrambi troppo spesso si sono ritrovati a vivere, Spencer e Toby ritrovano in questo episodio quella particolarità unica che li accomuna da sempre, quel carattere simile che li porta a infrangere le regole, a spingersi al limite pur di inseguire e scoprire la verità, quella complicità straordinaria nel lavorare fianco a fianco, nello scoprirsi partner prima di ogni cosa, così come in fondo era nata la loro storia, tra indagini, sospetti e partite a scarabeo. Per quanto, nonostante gli sviluppi del precedente episodio, la storia tra Spencer e Caleb sembri proseguire fin troppo bene, la chimica tra Spencer e Toby torna a fare da padrona in quei momenti in cui esistono soltanto loro due, in cui anche solo per pochi minuti il mondo esterno quasi si annulla, proprio come accadde all’inizio di tutto, quando il loro legame quasi da Romeo & Giulietta sembrava assurdo agli occhi di tutti ma non a loro due che su quei gradini, durante le ripetizioni di francese, si scoprivano più vicini di quanto avessero mai immaginato.

tumblr_o442mxboZO1sfeb4jo1_250 tumblr_o442mxboZO1sfeb4jo2_250 tumblr_o442mxboZO1sfeb4jo3_250 tumblr_o442mxboZO1sfeb4jo4_250

L’aspetto più bello della loro storia al momento sta secondo me nel totale coinvolgimento di Toby nel quadro generale della situazione, così come non succedeva infatti dalla prèmiere di questa stagione mentre le ragazze erano rinchiuse nella Dollhouse, per la prima volta il gruppo è al completo, senza più segreti, senza più dubbi o bugie, sono semplicemente insieme, con naturalezza, come se dopo tanto tempo tutto andasse per il verso giusto, come se ogni pezzo del puzzle trovasse ora il suo spazio, nonostante il pericolo incomba drasticamente su di loro. Toby sceglie di mettere a repentaglio il suo futuro con Yvonne pur di restare al fianco di Spencer, pur di aiutarla a mettere nuovamente la parola fine al suo incubo, e nonostante lei pronunci quelle tre parole a Caleb, quando è con Toby, Spencer sembra tornare in un attimo la ragazza combattiva e astuta che abbiamo conosciuto in questi anni e che in qualche modo al fianco di Toby ricomincia a brillare, ma soprattutto si riappropria di quella sicurezza che finora purtroppo è stata soltanto un’ombra di ciò che era. Come ho sempre pensato ed espresso, io credo che Spencer e Caleb si siano trovati al momento giusto nel posto giusto ma anche in quel periodo particolare delle loro vite in cui nulla era deciso, nulla sembrava davvero chiaro ai loro occhi e i contorni del loro futuro erano certamente sfumati ma per la prima volta, con Toby in questo episodio, Spencer mi è apparsa nuovamente se stessa, determinata a prendere in mano la sua vita come solo lei sa fare, decisa ad affrontare a viso aperto qualunque sorpresa l’aspetti al di là dell’ennesima porta che Spencer non apre ma sfonda nel più tipico stile Hastings.

tumblr_o44179af4D1qjame9o1_500

E con lo stesso identico percorso, anche Hanna e Caleb sembrano ritrovarsi per la prima volta nelle persone che sono sempre state e soprattutto in quel legame che rendeva la loro storia unica e perfetta a modo proprio. In realtà, al di là della coppia, ciò che ho riconosciuto dopo troppo tempo è stato il cuore di Hanna, oltre le sue ambiguità, oltre le bugie e i comportamenti assurdi, Hanna si è mostrata finalmente nella sua umanità, senza più maschere, senza più barriere, si è aperta alla verità dei suoi sentimenti anche se faceva male ammetterlo ma soprattutto si è rivelata nelle sue debolezze, nelle paure, nelle fragilità che l’hanno sempre resa la ragazza forte e coraggiosa che abbiamo visto crescere e maturare in questi anni. In questo finale, Hanna ha il coraggio di fare ciò da cui fugge dall’inizio di questa 6B: guardarsi indietro, riconoscere i suoi errori e poi abbracciare l’unica realtà da cui ormai non può più sfuggire, perché farlo l’ha allontanata mille miglia dalla persona che era e che deve tornare ad essere. Così come per Spencer e Toby, anche Caleb e Hanna riescono in alcuni momenti a fermare il tempo e a chiudere fuori il resto del mondo come se questi cinque anni non siano mai esisti, mentre lei affida la sua vita a Caleb, spaventata ma determinata a chiudere la partita a modo proprio.

tumblr_o4413p6lFl1qb4op4o2_250 tumblr_o4413p6lFl1qb4op4o6_250 tumblr_o4413p6lFl1qb4op4o10_250 tumblr_o4413p6lFl1qb4op4o9_250

Ma a raggiungere nella loro storia un punto da cui non si torna indietro sono inevitabilmente Aria & Ezra. Fin dal primo episodio di questa seconda parte di stagione, fin dal loro ritorno a casa, Aria & Ezra hanno percorso un cammino diverso da quello delle altre coppie, tra loro non ci sono mai state distanze, al di là dei problemi irrisolti di lui e della nuova relazione di lei, dal momento in cui i loro sguardi si sono incrociati nuovamente al Brew, Aria e Ezra hanno semplicemente ricominciato a stare insieme, contro ogni logica, contro ogni sospetto o paura, loro continuavano a tornare l’uno dall’altra, a proteggersi a vicenda, a vegliare sull’altro nel momento di maggiore difficoltà, senza il bisogno di definire il loro rapporto, senza etichette, uniti quasi incondizionatamente in un legame che anche dopo cinque anni, era sempre lì, pronto a vivere nuovamente come se nulla fosse accaduto. Ciò che per le altre coppie è accaduto in questo finale, per Aria e Ezra va avanti ormai da diversi episodi e quel ritorno alle origini di cui parlo dall’inizio è rappresentato per loro da quell’amore comune per la letteratura che li ha avvicinati per la prima volta quel pomeriggio nel pub, un amore che adesso prende vita in una sintonia artistica che toglie il respiro, in un libro in cui Ezra riesce finalmente a dire addio a Nicole e soprattutto ad accettare tutto ciò che è successo e in cui Aria invece affronta con onestà i suoi sentimenti, affronta quella leva che le permette di esprimere tutta la sua passione e che non può fare a meno di riconoscere nel suo amore per Ezra.

tumblr_o448c1WZLD1qff77eo2_250 tumblr_o448c1WZLD1qff77eo3_250 tumblr_o448c1WZLD1qff77eo4_250 tumblr_o448c1WZLD1qff77eo8_250 tumblr_o448c1WZLD1qff77eo7_250 tumblr_o448c1WZLD1qff77eo1_250 tumblr_o448c1WZLD1qff77eo6_250 tumblr_o448c1WZLD1qff77eo5_250

Aria è stata per Ezra ossigeno puro mentre affogava (sì ho rubato la citazione), è stata la mano che lo ha costretto a rialzarsi, a tornare l’uomo che amava ma soprattutto ai suoi occhi, lei è stata da sempre ciò che di più bello potesse succedergli e giunti alle ultime pagine del loro libro, Aria lascia cadere ogni remora e ogni dubbio, sapendo di essere destinata ad Ezra da sempre e in quel momento in fondo non conta nient’altro, nessuna conseguenza, nessun ostacolo, soltanto loro due che si riconoscono pienamente insieme, nel loro mondo, nella loro arte.

tumblr_o43zygQ3Cg1qdwasao1_500 tumblr_o441kpb3181sn063bo2_250 tumblr_o441kpb3181sn063bo4_250

Anche Ezra, come Toby e Caleb, resta al fianco di Aria nella realizzazione di quel piano che doveva essere la loro via di fuga e che invece rischia di diventare ora l’incubo peggiore che abbiano mai dovuto affrontare.

tumblr_o441ppcJ141qiiay5o1_250 tumblr_o441ppcJ141qiiay5o2_250

E persino Emily sembra aver ottenuto in questo finale un momento di complicità con quella persona che nel bene e nel male, rappresenta in fondo la metà che lei ha sempre voluto al suo fianco. Ma questa adesso è un’altra storia, perché se mi aspettavo il focus sulle coppie principali dello show in quanto Marlene King lo aveva promesso da tempo, ciò che non ho visto arrivare è stata quella sfumatura a tratti horror che Pretty Little Liars non aveva da diverso tempo, quella mirata commistione di regia, musica, storia e make-up che, come nella migliore delle tradizioni, se non te lo aspetti, ti causa inevitabilmente un paio di extra-sistole in piena regola.

tumblr_o42canqAX81sb8lu1o5_250 tumblr_o42canqAX81sb8lu1o4_250 tumblr_o42canqAX81sb8lu1o7_250 tumblr_o42canqAX81sb8lu1o8_250

Al centro di tutto ancora lei, Alison DiLaurentis, il suo passato, le sue scelte, i suoi tentativi di provare a riemergere da ciò che è stata e da ciò che ha vissuto, la sua speranza di essere finalmente libera dall’oscurità che circonda da sempre la sua vita e che adesso più che mai è tornata a tormentarla con più determinazione e tenacia che in passato. In balia dei segreti della sua famiglia che sembrano non avere mai fine, Alison viene braccata dai suoi incubi che diventano sempre più reali, viene inseguita dai fantasmi di un passato che secondo lei adesso torna a riscuotere e a punirla per ogni sua decisione, per ogni azione che ha comportato delle conseguenze. Ma la verità giace ancora una volta al Radley, in quell’archivio che forse anche Sara cercava di raggiungere, in quel dossier che apre un nuovo capitolo nella storia di Charlotte Drake e di Jessica DiLaurentis.

tumblr_o43wzcBSJY1rvq9xoo1_500

Il cognome scelto da CeCe infatti per la sua nuova identità non era poi così lontano dalla sua verità, essendo figlia biologica di Mary Drake, gemella identica di Jessica e anche lei paziente di lunga data del celebre sanitarium. Ancora una volta, la famiglia che Charlotte credeva di conoscere si rivela essere una bugia, le cui conseguenze però si riversano nuovamente su Alison, ignara di tutto ma soprattutto vittima inconsapevole di un gioco crudele condotto perfettamente da Mary e dall’unico uomo che Charlotte abbia mai amato: Elliott Rollins.

tumblr_o44chvJkCX1s7g0dao2_500 tumblr_o44chvJkCX1s7g0dao3_500

Nonostante Emily provi con tutta se stessa ad ancorare Alison alla realtà, il gioco di Elliott e Mary è troppo concreto per la mente di Alison, che rivede di fronte a sé la peggior versione di sua madre e una delle figure più inquietanti direttamente dai suoi incubi peggiori, ossia il detective Wilden o almeno colui che ne indossa le sembianze. E soltanto dopo aver compromesso finalmente la sua stabilità mentale, le maschere di Elliott e Mary cadono definitivamente, raggiungendo il loro obiettivo e riappropriandosi di ciò che credono spetti loro, ossia l’eredità di Charlotte tramite il Carissimi Group. Per quanto le teoria delle gemella non mi convincesse particolarmente all’inizio, credo ora che questa storyline sia una delle più incredibili raccontate nella serie, nonché un mezzo straordinario per permettere allo show di aprire il suo ultimo capitolo nel modo più eccitante e oscuro possibile. L’inserimento inaspettato e improvviso del volto di Wilden ha riportato un po’ indietro nel tempo la serie mentre la rivelazione della vera identità di Rollins ha permesso un passo in avanti in cui per la prima volta siamo noi spettatori a conoscere di più della storia rispetto alle sue protagoniste.

tumblr_o43xp6Ip8D1rvq9xoo1_1280

E infine tutto ritorna alla chiesa di Rosewood e al Lost Woods Resort. Al Lost Woods Resort, il luogo che aveva svelato l’identità di MonA e da cui tutto ha avuto inizio, Hanna cade vittima della sua stessa trappola, davanti agli occhi impotenti e increduli delle persone che più la amano e che avrebbero dovuto proteggerla mentre alla chiesa di Rosewood, forse una terza parte sconosciuta del team Mary/Elliott riavvolge il nastro del primo season finale e al posto di Spencer, adesso è Hanna a camminare in bilico tra la vita e morte, quando spetterà alla sua più autentica famiglia correre contro il tempo per salvarla.

tumblr_o43xfhvwIG1rvq9xoo1_500 tumblr_o43xg9NnYU1rvq9xoo1_500

In definitiva, mai come in questa 6B, Pretty Little Liars aspetta il suo ultimo atto per esplodere in tutta la sua più tipica e assurda genialità ma ancora una volta colpisce e affonda il suo obiettivo: ti accontenta quanto basta per concederti un senso di chiusura ma allo stesso tempo ti riprende all’amo, costringendoti ad attendere la prossima stagione con la stessa ansia e trepidazione di un bambino alla vigilia di Natale.

See you soon, Walkerit-A

Related posts

How I Met Your Mother | Recensione 9×21 – Gary Blauman

Awkward | Recensione 3×15-3×16- “A very special episode of Awkward” e “Less than a hero”

chasseur

Hart of Dixie | Recensione 1×22 – The Big Day

LuigiT

4 comments

Elisa 16 Marzo 2016 at 21:05

Recensione perfetta! Bellissima puntata e molto coinvolgente. Anche se si era già intuito dalla scorsa volta che la madre di Alison potesse avere una gemella, la tensione è stata alta fino all’ultimo.
Ho adorato Hanna e Caleb e l’unione di tutti nei momenti finali!

Reply
WalkeRita 17 Marzo 2016 at 10:42

Grazie mille!!! Sì, che la gemella fosse di Jessica lo si era capito dal precedente episodio ma è stato comunque un colpo di scena ben fatto secondo me! Adesso però rivoglio il legame tra le ragazze come cuore dello show, com’è sempre stato!

Reply
_Chiara 17 Marzo 2016 at 12:27

Non vorrei sembrare troppo dura (di solito non lo sono) però per rialzare il livello di questa 6B ci voleva un episodio diverso, che riportasse gli elementi per cui abbiamo conosciuto questo show: l’amicizia delle ragazze, che è sempre stata la costante, senza se e senza ma. Ogni puntata ha sempre portato dubbi ma non ricordo mai di aver avuto dubbi sull’amicizia delle quattro ragazze (Alison è un discorso a parte…); alla fine di questo episodio, invece, mi sono chiesta se 5 anni bastino a spazzare via un sentimento così profondo e spontaneo così com’era sempre stato. A me la situazione di Hanna, Caleb e Spencer non è piaciuta: mi sarebbe piaciuta se fosse stata trattata in modo diverso, perché ho sempre saputo che gli Haleb sarebbero tornati, ma per me il chiarimento ci doveva essere senza rendere Hanna e Claeb “colpevoli” di un tradimento (lei ha tradito un’amica, lui la sua ragazza attuale). Insomma, questa 6B è già stata troppo incentrata sulle ship (a me sono mancate le indagini vere, in cui si vedeva un sacco la complicità e la spontaneità delle ragazze), allora che fosse almeno trattato il tutto in modo tale che si rispettasse l’evoluzione dei personaggi, senza stravolgere i loro caratteri! Quando guardo PLL sospendo sempre le aspettative di verosimiglianza ma in questo episodio mi è sembrato un po’ troppo costruito, come se si volesse dare un contentino per gli Haleb e pure per gli Ezria. Certo, il riavvicinamento degli Ezria mi è piaciuto, perché è avvenuto proprio con la condivisione di una passione, quella per la letteratura, che li ha uniti all’inizio (e poi Liam lo conosciamo poco, possiamo essere diaspiaciuti che sia stato tradito ma io non mi sono sentita ferita come lo sono stata pensando a Spencer…). Ma continuo a pensare che dovessero essere le ragazze, tutte insieme, ad affrontare -A, con i ragazzi un passo indietro: penso alla 6×10, in cui tutto questo c’era, si sentiva che stava per succedere qualcosa di epocale ma l’amicizia era lì, è sempre rimasta la vera protagonista; ora il gruppo si è diviso per il piano, certo, ma mi è sembrato più un modo per riportare attenzione sulla questione coppie quando magari non era veramente necessario.
Per quanto riguarda il mistero, mi è piaciuto, anche se non capisco com’è che le ragazze siano sempre tirate in ballo quando tutto riguarda i DiLaurentis xD Adesso come si fa a stare mesi senza sapere Hanna come riuscirà a salvarsi e come Alison scoprirà di Elliot? Chapeau a Marlene che, nonostante tutto, riesce sempre a stupirci e tenerci col fiato sospeso.

Comunque ti devo ringraziare perché leggendo le tue recensioni, anche quando non concordo pienamente su qualcosa, riesco a capire meglio le puntate: a volte a fine visione resto con una confusione di emozioni e confrontarmi con il tuo punto di vista mi aiuta sempre a mettere a posto!

Reply
WalkeRita 17 Marzo 2016 at 19:46

Innanzitutto ti ringrazio davvero per le tue parole e sono felicissima che le mie recensioni rappresentino per te un motivo di confronto, è tutto ciò che ho sempre voluto fare! E come avrai letto nei pezzi precedenti, io sono ossessionata dall’amicizia delle ragazze, come te penso che sia l’unico vero cuore dello show e avrai notato che neanche io ho apprezzato questo allontanamento, penso che sia purtroppo la debolezza maggiore di questa 6B, concentrarsi troppo sulle ship di cui mi importa meno e non sul rapporto più bello della serie. Nonostante tutto però, in questo episodio non posso negare di aver amato le dinamiche delle ship che onestamente ho scelto di considerare per ciò che significavano AL MOMENTO, senza pensare almeno per un po’ alle conseguenze! La situazione Caleb/Spencer/Hanna non è facile e non è delle migliori, io credo che quel momento che hanno condiviso Hanna e Caleb fosse in qualche modo inevitabile anche per il modo in cui la loro storia è finita, ho condannato aspramente Hanna nei precedenti episodi ma in questo, in un contesto di pericolo e di paura come quello che stava vivendo, mi sono sentita di abbracciare una zona grigia che non fosse bianco o nero, giusto o sbagliato, perchè onestamente, così come sono stata felice per Aria & Ezra, lo sarei stata ugualmente se il bacio fosse avvenuto tra Spencer & Toby, quindi per amor di coerenza non posso sparare a zero su Hanna e Caleb, se la storia in futuro dovesse continuare, lì mi infastidirebbe molto! Sta di fatto comunque che, per quanto ora accetti con entusiasmo questo finale, PRETENDO anch’io che lo show ritorni a concentrarsi più sul legame tra le 4 ragazze (come sai anch’io non considero Alison una di loro) che sulle dinamiche di coppia e ciò che voglio infatti è che siano le ragazze a salvare Hanna, così come corsero contro il tempo nel finale della prima stagione per salvare Spencer! Di base, come hai detto anche tu, ciò che mi ha entusiasmato è il fatto che Marlene ci sia riuscita di nuovo, quella sfumatura thriller/horror dell’episodio è stata una delizia! Non ci resta che aspettare e fidarci di Marlene! Grazie ancora di tutto!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv