Image default
Cotte Telefilmiche Rubriche & Esclusive

Cotte Telefilmiche | Jess Mariano

C’era un tempo, anni fa, quando non esistevano ancora lo streaming e i sub ita, in cui i miei amati telefilm li guardavo in TV (sembra assurdo da pensare, ma sì, un volta eravamo schiavi della pubblicità, del doppiaggio e della programmazione italiana, cosa che, adesso, mi fa rabbrividire e ringraziare l’evoluzione della vita del telefilm addicted). Un bel giorno, facendo zapping, ho beccato Gilmore Girls, da noi ribattezzato Una mamma per amica, e da brava addicted in erba ho cominciato a seguirlo, registrando gli episodi quando non riuscivo ad essere davanti alla TV all’ora della messa in onda (che tempi preistorici!). Tutto è andato bene, finché, un pomeriggio, è arrivato lui. Jess Mariano, il nipote di Luke.
È sceso da un autobus a Stars Hollow, con le sue cose in una borsa, un broncio che faceva impallidire quello dello zio e un brutto, bruttissimo carattere. Da odiare, si potrebbe dire a istinto. E invece no, perché quello che non potevo immaginare era che quel pomeriggio (sicuramente passato a perdere tempo anziché fare i compiti, ma quella è un’altra storia), avrei incontrato una delle mie più grandi cotte telefilmiche di sempre, e la metà della mia ship del cuore, quella che ancora mi fa mangiare le mani dalla rabbia perché non si è avverata, quella che mi ha tenuta incollata allo schermo per settimane. Non esistevano ancora Twitter, Facebook e Tumblr, ma se fossero esistiti sarei stata una frequentatrice abituale dell’hastag #literati.
Quando Jess Mariano ha fatto il suo ingresso a Stars Hollow e nelle vite delle Gilmore e di Luke Danes, però, tutto questo non lo sapevo, e ho semplicemente visto un ragazzo problematico, mandato via dalla madre e spedito dallo zio, senza neanche chiedere il suo parere, catapultato dalla grande e confusionaria New York in una cittadina piena di gente strana, dove basta poco per fare il giro completo del posto e dove tutti conoscono tutti. Non solo Jess non si integra a Stars Hollow, ma finisce col farsi odiare facendo dispetti un po’ a tutti, e divertendosi un mondo nel farli.

stara1 stars2

stars3 stars4

Scontroso, chiuso e indisponente, Jess Mariano riesce a fare una cattiva impressione su tutta la città, guadagnandosi il titolo di bad boy cittadino e legando con una sola persona: Rory.
Dopo il loro primo incontro, lei gli mostra i suoi libri, lui ne ruba uno e glielo riporta con le sue annotazioni perché l’ha già letto. E qui vediamo la prima delle sorprese che ci riserva Jess: gli piace leggere, come a lei. Ama commentare i libri che legge, ha spirito d’osservazione, non è un semplice delinquente di New York che guarda tutti dall’alto in basso. E così, inizia ad acquistare spessore, e, man mano che la serie va avanti, ti accorgi che Jess è molto più di quello che appare: sa essere rissoso, maleducato, incapace di socializzare, è introverso e taciturno, ma ha anche un intero universo di emozioni dentro che riesce a condividere con poche persone, e una di queste è Rory.  Lei e Luke sono gli unici a dargli fiducia: lui lo difende a spada tratta da tutta la città, cerca di accoglierlo al meglio, si fa carico di questo ragazzo che gli assomiglia tanto, sa essere severo con lui. Entrambi sono dei lupi solitari, persone che a parole dicono di non sopportare il mondo e chi lo abita, ma sono molto più teneri di quanto non vogliano mostrare, purché trovino qualcuno che riesca ad aiutarli a tirar fuori la loro parte migliore. Anche se non cominciano la loro convivenza nel migliore dei modi, finiscono col volersi bene e Luke è una delle pochissime persone a cui Jess tiene veramente, anche se sono entrambi troppo contorti e chiusi per dirselo in maniera chiara. Se lo dimostrano, però, in tante piccole cose, nel loro modo particolare, nei loro battibecchi e nelle sporadiche dimostrazioni di affetto. Non hanno un rapporto convenzionale, litigano molto, a volte anche pesantemente, e si mentono a vicenda più volte, per egoismo o per proteggersi. Jess mente allo zio perché non vuole ammettere di aver problemi a scuola e non vuole condividere i suoi problemi con lui. Non ci è abituato; per tutta la sua vita ha avuto a che fare con una madre che non è mai stata una figura stabile, e non ha avuto un padre vicino. Luke è la prima persona a prendersi davvero cura di lui, a preoccuparsi del suo benessere e del suo futuro,  a sforzarsi di dargli il meglio in tutto. Per quanto possa essere un orso, Luke cerca di comunicare con Jess, ma è difficile instaurare un dialogo quando si è, in prima persona, introversi e quando si ha a che fare con un adolescente che non ha mai avuto alle spalle una famiglia solida che lo proteggesse e lo aiutasse ad affrontare qualunque problema, dal più stupido al più serio. Luke gli mente a Natale, per non ferirlo, quando sua madre non lo vuole e lui cerca di evitare a Jess un dolore. Jess lo capisce comunque, ma ho sempre pensato (ingenuamente?) che, nonostante abbia capito la verità e si sia sentito abbandonato di nuovo, abbia realizzato che almeno Luke ha a cuore la sua felicità, e questo è del tutto nuovo, per lui. Nonostante le incomprensioni, il sarcasmo, i problemi di comunicazione, questi due sono una famiglia: Luke è il padre che ama suo figlio anche se gli dà parecchi grattacapi, e, che, troppo spesso, crede che quel ragazzino che gli gira per casa sia un alieno con un linguaggio completamente diverso dal suo, e Jess è il figlio adolescente che non vuole sentirsi dire cosa fare, non pensa che il padre possa essere di aiuto, e gli vuole bene, anche se non riesce sempre a dimostrarglielo. E insieme, questi due sono sempre esilaranti.

luke1luke2

luke3luke4

E poi c’è Rory. È il totale opposto di Jess: brava, gentile, ben inserita a Stars Hollow, amata da tutti, intelligente e con futuro brillante davanti, una madre meravigliosa alle spalle e il fidanzato che tutte vorrebbero vicino. Nonostante anche lei sia cresciuta senza un padre, non ha mai provato il senso di abbandono che ha provato Jess, perché gli è capitata Lorelai come madre. Eppure, due ragazzi così diversi riescono a trovare dei punti in comune, a capirsi e a scuotersi l’esistenza a vicenda. Non sono più gli stessi, dal momento in cui si incontrano. Jess cambia, s’illumina, quando c’è lei. Rory e Jess si innamorano nonostante le differenze, gli ostacoli, i problemi di lui… s’innamorano e basta, senza riuscire a farne a meno, e soffrono come potrebbe soffrire ogni adolescente di fronte al grande amore quando le cose non vanno bene. Jess è riuscito a farmi fare il tifo per lui, a sperare che Rory scegliesse lui, e non Dean. Pian piano, fa vacillare questa ragazza che sembra avere tutto, sembra sia perfetta e non possa chiedere altro. Jess riesce a spingere Rory oltre i confini entro cui la sua vita è sempre stata circoscritta. Per lui, Rory salta un giorno di scuola, per rivederlo. Lo bacia anche se sta con Dean, e per molto tempo entrambi combattono con dei sentimenti che non riescono a scacciare. Jess è sempre stato più consapevole di quello che prova, lei ha avuto bisogno di tempo per dare un nome ai suoi sentimenti, per ammettere che non era Dean, il prototipo del bravo ragazzo, che amava, ma Jess, il bad boy di Stars Hollow. Il loro bacio al matrimonio di Sookie è uno dei più belli che mi è capitato di vedere, e all’epoca credo di aver mandato avanti e indietro la cassetta su cui avevo registrato l’episodio non so quante volte, perché quello è l’attimo in cui capisci che Rory, anche se non l’ha mai detto, lo ama e che lui non riesce a starle lontano.

literati1 literati2

literati4roryjess5

Jess è cambiato, nell’anno trascorso a Stars Hollow: quando viene rimandato a New York, dopo l’incidente con Rory, decide di tornare, un po’ per lei, ma anche perché a Stars Hollow c’è Luke, l’unico vero genitore che abbia conosciuto in vita sua. Tornare non rende facili i rapporti con Rory e Luke; anzi, le discussioni con lo zio non mancano, e anche quando lui e Rory arrivano a mettersi insieme, dopo episodi di tensione, sguardi intensi, scenate di gelosia, la loro storia non è semplice. Jess sbaglia molto con Rory, ma di certo la ama. Purtroppo, è ancora lontano, in quel periodo, dall’essere una persona capace di gestire la sua vita con maturità. Ha ancora tanta strada da fare, si ritrova, non intenzionalmente, a tradire e perdere le uniche due persone che per lui contano davvero: Rory, che ama profondamente e che lo ricambia, e Luke, che lo ha accolto due volte e ha sempre voluto il meglio per lui.
Il grande problema di Jess è la difficoltà che ha nel comunicare quello che prova, nel confidarsi, anche con le persone che ama. Per questo, quando viene bocciato, il tenersi tutto dentro finisce con l’ingigantire il problema, lo macera dentro, finché il suo carattere peggiora, diventa dispotico, finisce col ferire Rory e tutta la situazione peggiora gradualmente finché non lascia Stars Hollow di nascosto, senza neanche salutare Rory e Luke.
Tendiamo a pensare che Jess, quando abbandona Stars Hollow, spezzi solo il cuore di Rory (e i nostri), ma in realtà fa molto più di questo: abbandona l’unico posto che può veramente chiamare “casa”, delude Luke per la seconda volta. Spezza anche il suo, di cuore, gli fa avvertire l’enorme dolore di un genitore che, per la seconda volta, sente di aver fallito come educatore. Jess non ha saputo comunicare né con Rory, né con Luke, le uniche due persone che lo avrebbero ascoltato, aiutato, sostenuto. Avrebbe potuto affrontare tutto con loro, ma è abituato alla solitudine, e ha paura di perderli e deluderli, perciò li taglia fuori… e li perde davvero.
Il cattivo ragazzo che poteva sembrare all’inizio è un ricordo: a questo punto della serie, sappiamo che Jess è molto più di questo, ma sappiamo anche che non ha ancora la maturità necessaria per capire determinati meccanismi dei rapporti con le persone e che non è ancora capace di affidarsi completamente agli altri. E’ ancora un lupo solitario.
Jess impiega anni per riprendere possesso della sua vita: noi non assistiamo al suo percorso per intero, lo rivediamo solo qualche altra volta, nelle stagioni successive. In una, dice a Rory che la ama; in un’altra, le chiede di scappare assieme. Anche se il gesto sembra molto romantico, è una follia: le sta dicendo che vuole stare insieme a lei, che la ama ancora, ma sceglie il modo sbagliato di dimostrarglielo. Rory ha amato molto Jess, ma ha il terrore di essere ferita di nuovo, e il fatto che lui sia piombato nella sua vita con un’idea così assurda non l’aiuta a rassicurarsi. Jess avrebbe potuto gestire meglio la situazione, ma non lo fa. Sappiamo, alla fine, che trova il suo posto nel mondo, che scrive un romanzo, che ha un lavoro che manda avanti con passione, che è maturato.
E’ lui che riesce a far tornare in sé Rory quando la ragazza perde la sua strada e il modo in cui lo fa è tipico di Jess: diretto, senza mezzi termini. Perché quando riesce a trovare il modo di comunicare con gli altri, lo fa schiettamente e dice la verità.
Nonostante i suoi errori, riesce a riappacificarsi anche con Luke: conosce sua figlia, riesce a far vedere sia a lui che a Rory cos’è diventato.
Jess è un personaggio che ha avuto un percorso difficile, ha sbagliato, ha ferito le persone che amava, ma alla fine, con enorme fatica, è riuscito a realizzarsi. In ultima analisi, è riuscito a non deluderli, a ripagarli della fiducia che hanno avuto in lui quand’era solo un adolescente che nessuno credeva avrebbe mai fatto niente di buono. E’ riuscito a farsi perdonare, e io, che ho sempre fatto il tifo per lui e l’ho amato e odiato a fasi alterne, l’ho visto trovare, finalmente, il suo posto nel mondo e sono stata davvero felice.
Nonostante le sue imperfezioni, anzi, proprio grazie a quelle, Jess si è aggiudicato nel mio cuore un posto speciale che ha condiviso con pochi altri, dopo, e che mai nessuno gli toglierà. E’ imperfetto, sa essere irritante, ha rovinato da solo i rapporti con le due persone più importanti della sua vita, senza neanche averne l’intenzione, ha causato la sua stessa infelicità, ma è anche sarcastico, acuto, sensibile, e, quando mostra il suo lato più tenero e vulnerabile, tutte le maledizioni che gli avevo lanciato contro sparivano, portandomi a dire che non era cattivo, ma solo poco abituato ad essere amato da qualcuno che si fida di lui e vuole prendersi cura di lui. Hanno annunciato il revival di Gilmore Girls, prossimamente: se non ci sarà, avrò la sensazione che manchi qualcosa, come l’ho sentita quando se n’è andato dalla serie. Volevano fare uno spin-off su di lui, ma non è andato in porto. Rivederlo sullo schermo sarebbe un sogno che si avvera perché, si sa, il primo amore non si scorda mai.

Related posts

Telefilm Addicted consiglia… Scream Queens

MooNRiSinG

Le date dei finali di stagione 2010

Prince

Pilot Addicted | Pitch

MooNRiSinG

2 comments

Sel 1 Febbraio 2016 at 19:27

Ciao! Complimenti per l’articolo. 🙂
Anche io avevo un debole per Jess. Mi piaceva il suo essere così sveglio e intelligente.
Quando andò in onda la puntata del primo bacio con Rory non ero riuscita a vederla, ma una mia amica l’aveva registrata e quindi mi ero fatta prestare la cassetta: credo di avergliela consumata a colpi di rewind.
Spero davvero di rivederlo nel revival della serie. Chissà che non arrivi il lieto fine che ho sempre desiderato per lui e Rory.

Reply
Eilidh
Eilidh 2 Febbraio 2016 at 21:21

Grazie mille! Spero anch’io che ci sia nel revival, senza di lui non sarebbe sempre la stessa cosa. E spero anche che lui e Rory abbiano un lieto fine. Ci sono rimasta davvero male quando non sono finiti insieme, nella serie. La puntata l’avevo registrata, anni fa, perché non ero a casa, ed era una di quelle cassette che custodivo gelosamente, perché ogni tanto la rivedevo! Mi ricordo che avevo altri episodi registrati di quella stagione, e ogni tanto partivano i rewatch… che bei tempi che erano!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv