Pilot Addicted | Black Sails

Il pilot di cui parliamo in quest’articolo ci porta direttamente nel mondo dei pirati. Black Sails è la nuova serie di Starz e funge da prequel al romanzo di Robert Louis Stevenson “L’isola del tesoro”, va in onda il venerdì sera.

black-sails-poster

Dimentichiamo quei simpaticoni di Johnny Depp e Geoffrey Rush in Pirati dei Caraibi: quelli di Black Sails sono pirati “duri e crudi”. Questo pilot, con i suoi 65 minuti, avrebbe tutto il tempo per presentarci l’universo raccontato in questa nuova serie (in onda su Starz per 8 episodi in tutto) ma mentre non ho nulla da dire su costumi e ambientazioni, per me perfetti, in un’ora credo si sarebbe potuto fare di più a livello di caratterizzazione dei personaggi. Unica eccezione è il Capitano Flint, che conosciamo già da “L’isola del tesoro” (la serie si pone come una sorta di prequel a questo racconto). Devo dire che Toby Stephens mi ha convinto in questo ruolo fin dal primo sguardo in camera nel pre-cut e tuttora lo trovo uno dei pochi a essersi guadagnato l’appellativo di interessante, con il suo essere così ambivalente da non farti capire se lo apprezzi o meno come personaggio. Gli altri, mi dispiace, mi hanno lasciato poco e niente, da John Silver (che se ci affidiamo al libro di Stevenson dovrebbe ricoprire un ruolo abbastanza rilevante ma che, al momento, non mi dice nulla) ai vari personaggi femminili (quelli parlanti) per ora completamente insipidi (in primis la biondina che vuole fare la dura sboccacciata ma a mio parere risulta poco credibile nella parte). Per il resto un buon pilot per una serie che non prometterà magari di essere una delle più memorabili in circolazione, ma che credo farà felici gli amanti del genere e, perché no, anche in generale chi cerca un telefilm che mescoli avventura e azione esplorando un setting meno comune (con il misto di sesso, violenza, linguaggio scurrile e quant’altro che non può prescindere da un prodotto via cavo, ma d’altronde da un pirata nessuno si aspetta un “corbezzoli” come esclamazione!).
Ale

Se vi piacciono intrighi, lotte interne tra pirati e cacce al tesoro, questa serie potrebbe fare per voi, perché in questo pilot c’è tutto questo, e la promessa di molto altro negli episodi a venire.
Il cast è composto da attori che, almeno io, non avevo mai visto (eccetto Tom Hopper, che qui è Billy, ma che è già comparso in altre serie: era Jeff nel primo episodio di Doctor Who in cui compare Eleven e Percival in Merlin), e i due che interpretano John Silver (con la gamba intatta) e il capitano Flint spiccano, riuscendo a tirare fuori dei personaggi con delle buone personalità. Il secondo, in particolare, promette di essere molto carismatico ed è anche, a dire la verità, piacevole da guardare.
Personalmente, non mi sono ritrovata molto coinvolta, ma obiettivamente devo ammettere che si è cercato di creare un intreccio che potrebbe avere dei risvolti potenzialmente interessanti, se verranno ben scritti. Ci si potrebbe ritrovare a fare il tifo per Flint, o John Silver, o anche per Vane e le potenzialità, in questa serie, ci sono, e sono buone. A prescindere dal fatto che abbiate letto o meno “L’isola del tesoro”, di cui “Black Sails” è il prequel, questa potrebbe essere una bella serie da vedere.
Eilidh

Dopo aver scoperto che Black Sails altro non era che una sorta di prequel dell’Isola del Tesoro di Stevenson son corsa subito ad informarmi su questo nuovo tv show della Starz.
L’ora e poco più di visione è volata e mi son ritrovata senza quasi accorgermene a fine episodio e con la voglia di saperne di più. Molto di più.
Ottima sigla, veramente favolosa, buone scelte per il cast, ottima colonna sonora, e personaggi che incuriosiscono e affascinano anche se ancora tutti molto abbozzati. L’attenzione di questo pilot si focalizza essenzialmente sul Capitano Flint, su un personaggio che inizialmente non appare come l’inarrivabile, carismatico e inarrestabile capitano di una nave, ma nel finale recupera tutta la sua forza e anche la sua brutalità se vogliamo. Vengono introdotti una miriade di nuovi personaggi ma non vengono approfonditi a sufficienza così come la trama orizzontale non pare del tutto delineata. Questo però è solo il primo episodio e apre la strada verso un nuovo mondo, quello piratesco, che non ricordo di aver mai visto riadattato in una serie tv. Ho trovato qualche scena di nudo un po’ forzata e il personaggio di Max parecchio ambiguo ma Black Sails mi ha trascinato e appassionato e pur non essendo comunque un pilot perfetto c’è un buon margine di miglioramento.
Claw

Voi cosa ne avete pensato di questo pilot? Seguirete la serie? Ditecelo nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.