Red Band Society | Parla Charlie Rowe

red-band-society-spoilers-charlie-rowe-interview-leo Red Band Society si è preso una pausa dall’Ocean Park Hospital – con una fuga tutta sbagliata alla festa di una confraternita – nel suo secondo episodio.

“Leo oltrepassa i limiti. Li oltrepassa di brutto, per quel che riguarda le sue abilità fisiche,” anticipa la star della serie Charlie Rowe, il cui personaggio insieme all’amico Dash (interpretato da Astro di X Factor) scappano dal campus ospedaliero per uscire con dei ragazzi del college. “Pensa, ‘andrà tutto bene’. Ma alcune cose vanno storte, e capisce di non avere la forza fisica per farlo.”

Ovviamente non è d’aiuto il fatto che la piccola avventura di Leo sia alimentata dalla gelosia per il fatto che alla nuova recluta dell’ospedale, Jordi – che, come Leo, sta combattendo contro il cancro – non sia stata amputata la gamba durante l’intervento che abbiamo visto alla fine del pilot.

“Lo capisco perfettamente,” afferma Rowe parlando dell’invidia di Leo e della sua lotta per accettare la protesi che ha al posto della gamba (più tutta la dolorosa terapia che vi è annessa). “Leo vuole assolutamente far parte di un gruppo. A scuola faceva parte di un gruppo e ora, in ospedale, sente che questo gruppo si sta inesorabillmente allontanando.” Avere qualcun’altro con la gamba amputata nel gruppo dei “braccialetti rossi”, sarebbe stato “importante”, ragiona Rowe.

red-band-society-spoilers-charlie-rowe-interview-leo-rothIn ogni caso, la piccola gita di Leo ha i suoi pro – incluso un incontro ravvicinato con un’attraente studentessa. “Alcune ragazze amano il look pelato,” scherza Rowe, che spiega che girare quella scena è stato piuttosto imbarazzante. “È stato il giorno che i miei genitori sono venuti a trovarmi sul set, quindi è stato un pochino imbarazzante. Pensavo solo a quello – ‘Spero che mia madre non stia guardando.'”

Parlando di genitori, non sono ancora stati citati i genitori di Leo – il che è strano considerando il fatto che il figlio sta combattendo contro una malattia potenzialmente mortale. ” Mi è stato detto che i genitori di Leo esistono, ma non si vedono spesso. Sono impegnati. Cercano di andare a trovare Leo ogni due o tre settimane,” spiega Rowe. “Spero che li incontreremo. Ma al momento è piuttosto solo, e non è bello.”

Nel frattempo, aggiunge Rowe, l’infermiera Jackson interpretata da Octavia Spencer fornisce a Leo una sorta di figura materna. “Anche se si arrabbia con lui, ha un ruolo importante,” dice. “A lui piace quella rabbia, gli piace che qualcuno si occupi di lui e ci tenga a lui.”

Fonte

 

Elsa Hysteria
Nella sua testa vive nella Londra degli anni cinquanta guadagnandosi da vivere scrivendo romanzi noir, nella realtà è un’addetta alle vendite disperata che si chiede cosa debba farne della sua laurea in comunicazione mentre aspetta pazientemente che il decimo Dottore la venga a salvare dalla monotonia bergamasca sulla sua scintillante Tardis blu. Ama più di ogni altra cosa al mondo l’accento british e scrivere, al punto da usare qualunque cosa per farlo. Il suo primo amore telefilmico è stato Beverly Hills 90210 (insieme a Dylan McKay) e da allora non si è più fermata, arrivando a guardare più serie tv di quelle a cui è possibile stare dietro in una settimana fatta di soli sette giorni (il che ha aiutato la sua insonnia a passare da cronica a senza speranza di salvezza). Le sue maggiori ossessioni negli anni sono state Roswell, Supernatural, Doctor Who, Smallville e i Warblers di Glee.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,381FollowersFollow

Ultimi Articoli