Game of Thrones | George R. R. Martin: “7 stagioni non saranno abbastanza”

got

Gli showrunner di Game of Thrones showrunners David BenioffD.B. Weiss non hanno mai fatto segreto del fatto che il loro obiettivo sia concludere la serie di HBO in sette stagioni. Tuttavia, l’autore George R.R. Martin spera che non rimangano fedeli a questo progetto.

Durante un’intervista con Entertainment Weekly, Martin ha detto di pensare che la serie avrà bisogno di più di sette stagioni – cosa che, inoltre, gli consentirebbe di avere del tempo extra per completare i libri di A Song of Ice and Fire. “Non penso che sette stagioni saranno sufficienti per raccontare la storia che stiamo raccontando nei libri” ha detto Martin.

Aggiungere stagioni extra allo show, tuttavia, non è l’unica soluzione che Martin considera. Sarebbe d’accordo con la realizzazione di film di Game of Thrones, se fatti nel modo giusto.

“Da quando ho sentito parlare di questa idea, sono al tempo stesso entusiasta – penso che sarebbe grandioso – e scettico, dal momento che ho sentito di altri show che avrebbero dovuto avere una versione cinematografica, come Deadwood, Rome e The Sopranos…ma l’unico che ho effettivamente visto è Sex and the City” ha detto Martin.

L’ editor di Martin, Anne Groell, in una recente intervista ha detto che The Winds of Winter uscirà “ragionevolmente presto” e ha ammesso di iniziare “a domandarsi” se Martin scriverà più di sette libri per A Song of Ice and Fire. I giornalisti l’hanno interpretata come l’affermazione che Martin finirà con lo scrivere otto libri, cosa che lui stesso ha chiarito.

“Il mio progetto è di finire in sette” ha detto a EW. “Ma il mio piano originario era di finire in tre. Scrivo storie e queste crescono. Mi occupo di certe cose e a volte mi ritrovo non alla fine della storia. Al momento il mio progetto è ancora quello di concludere la storia in sette libri, ma prima devo concludere il sesto. Tornate a chiedermelo quando sarò a metà del settimo libro e forse vi dirò qualcosa di più significativo”.

Fonte

Cecilia
Con il corpo è in Italia, con il cuore è in Giappone, con la testa è negli USA. Ritiene di avere ottime potenzialità come sceneggiatrice di “finali alternativi” e come moglie di attori talentuosi e affascinanti (magari con l’accento british e le fossette). In una serie cerca persone e non semplici personaggi, mondi più che location, non un sottofondo ma vere e proprie emozioni musicate, vita, non una storyline. Nel suo universo ideale la birra è rossa e il sushi è in quantità abbondante, le Harley Davidson sono meno costose, la frangia non è mai né troppo lunga né troppo corta e il suo favorito arriva incolume al finale di serie. Forse ha troppi smalti, mentre per i tatuaggi, i cani, i gadget di Spongebob e i libri troverà sempre il posto. Tiene pronti la balestra, i viveri e l’hard-disk zeppo di serie: l’Apocalisse Zombie non la coglierà impreparata!

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,328FollowersFollow

Ultimi Articoli