Image default
Recensioni The Flash

The Flash 4×11 – Ridiamoci Su!

All’inizio avrei voluto intitolare la recensione “Crazy RUNS in the family” ma poi, ad episodio concluso, mi sono resa conto che è stato talmente ridicolo che prenderla sul ridere sarebbe stato l’unico antidoto ad una recensione infarcita di amarezza.

Non è stato un brutto episodio, sia ben chiaro: è stato scorrevole, ha divertito in più punti (più che altro la conclusione, con Ralph stile tenda che prima urla in preda al panico e poi si rende conto che non morirà) tuttavia la prima parte di stagione ci aveva abituato a ben altro.

Scomparsa la minaccia immediata di DeVoe, ci ritroviamo tra le mani il tipico episodio filler: privo di una trama orizzontale, denso di luoghi comuni e situazioni prevedibili, utile unicamente a fare riprendere gli spettatori da una premiere invernale carica di emozioni e – come direbbe la mia compagna di banco sceneggiatrice – a fare esercitare qualche sceneggiatore alle prime armi.

Sorvolando sul fatto che una serie tv dovrebbe essere ben altro, farei un riepilogo veloce delle ovvietà (aka TOP FLOP…8)

  1. Se sei Barry Allen e sei chiuso in carcere, vedrai che scoppierà una rivolta dei detenuti che tu dovrai sedare con l’aplomb di Flash per poi tornartene come nulla fosse nella tua cella, senza che NESSUNO si sia reso conto che un lampo scarlatto è fluttuato per tutto il braccio rimettendo nelle celle i detenuti.
  2. Se sei l’eroe supplente, avrai i tuoi dubbi: il nome, la sindrome dell’imbattibilità, il renderti conto che non sei immortale e quindi la pulsione a fare un passo indietro, il pep talk dall’eroe titolare e il ritorno sui tuoi passi con tanto di gesto coraggioso per cui ti frapporrai tra il pericolo mortale e le povere vittime.
  3. Se Killer Frost e Vibe vengono smascherati dai villain della puntata, le loro vere identità resteranno custodite in segreto: nessuno farà una piega ma soprattutto NESSUNO SI CHIEDERA’ CHE FINE ABBIANO FATTO GLI INNOCENTI. Voi li avete più visti?
  4. Se sei la prigione di massima sicurezza di Iron Highs avrai un sistema di sorveglianza talmente efficace che Barry non potrà vibrare attraverso il vetro per poter sfiorare dolcemente la manina della mogliettina ma Ralph potrà strisciare per tutti i buchi, non ripreso, fino alla cella di Barry, dove intratterranno una conversazione di circa 5-10 minuti senza che nessuno se ne accorga.
  5. Se il Trickster originale è interpretato da un certo Mark Hamill, attualmente in altre faccende (ben più importanti) affaccendato, tu fan sei un povero illuso se hai sperato di rivederlo anche solo per una manciata di secondi.
  6. Se i tuoi nemici sono famosi per i loro tranelli, tu – Killer Frost e Vibe – non controllerai minimamente che sotto il cappuccio ci siano effettivamente le vittime;
  7. Maaaaa, capisco rispettare Wally e le sue esigenze ma data la situazione non è il caso di chiamarlo e farlo tornare a Central City? Oppure le esigenze del Waverider sono più urgenti?
  8. Ma soprattutto, considerato tutto il discorso della passata recensione (sia nel mio articolo, sia nei commenti di voi lettori) su quanti buchi abbia il caso, l’intero preambolo di Iris su quanto sia inespugnabile il verdetto del giudice mi ha fatto salire il Savitar interiore.

Dell’intera puntata – che avrei potuto guardare tranquillamente facendomi la manicure- salverei tre cose, per cui ecco la mia TOP 3:

  • Ralph è sciocco, vanesio, arrogante ma anche innegabilmente divertente anche quando vorresti prenderlo a badilate.
  • Finalmente hanno sostituito il pigiamino dell’Enlogated Man (pora stella, manco un nome decente!) con qualcosa di più «robinesco» (cit. Batman) e meno ridicolo.
  • La ragazza misteriosa del matrimonio è tornata e scrive in maniera altrettanto misteriosa richiamando la scrittura di Barry al ritorno dalla Speedforce. Chi sarà? La figlia/nipote/bisnipote di Iris e Barry? Cosa vorrà? Solo ripercorrere il passato e studiare i viaggi nel tempo? Vedremo.

E dopo questa recensione lampo, vi lascio al promo della prossima puntata:

Cosa vi è parso dell’episodio? Ci sono altri particolari sui quali vale la pena scrivere insulti? Vi aspetto nei commenti.

Prima di salutarvi, vi ricordo le paginette dedicate al nostro amico Flash.

Arrow e The Flash

The Flash Italian Fans

There’s no Flash without Iris West

You make emotional Grant Gustin

 

Related posts

Supernatural | Recensione 10×06 – Ask Jeeves

Jules

Game Of Thrones | Recensione 5×10 – Mother’s Mercy

barricadeuse

Awkward | Recensione 3×17 –” The Campaign Fail”

chasseur

6 comments

Federicuccia 25 Gennaio 2018 at 18:13

grazie al cielo che hanno cambiato il costume a Ralph! più che altro sembrava un preservativo gigante 😀

Iris non mi è piaciuta quando Ralph vuole far uscire Barry di prigione e lei gli strappa il fascicolo dalle mani, odiosa!!
ma arrivarci a capire che il caso del marito fa acqua da tutte le parti? no eh? la sedia a rotelle!!! tanto per ricordarlo

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 1 Febbraio 2018 at 09:47

Grazie del commento 🙂

E meno male! Quel preservativo gigante è una delle cose peggiori che abbia mai visto!
Sono d’accordo su Iris e, in generale, sull’atteggiamento perennemente infastidito di tutti nei confronti di Ralph.
La sedia rotelle, invece, c’era: se guardi l’apertura della puntata, la stanza è ripresa da un’altra prospettiva e si vedono sulla destra le ruote della sedia.
Questo non toglie che il caso sia a prova di un neonato e invece questi ce lo stanno vendendo come il più inespugnabile dai tempi di “Codice d’Onore”.
A presto!

Reply
Sara 25 Gennaio 2018 at 18:22

Ho come l’impressione di essere al punto in cui guardo The Flash più per poter leggere con cognizione di causa la recensione che per la serie tv in sé.
L’episodio in effetti è stato divertente, però conferma sempre più la mia idea che serie tv di 24 episodi non servono a niente perché poi ti ritrovi episodi così il cui unico scopo è dare (finalmente) un nuovo costume a Ralph. (Non ho mai capito perché Cisco non si sia mai impegnato di più con lui…così come tutto il team, Caitlin a parte.)

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 1 Febbraio 2018 at 09:51

Grazie del commento 😉

Non posso che darti ragione su tutti i fronti: in particolar modo sulla questione dei 24 episodi (che affronterò nella prossima recensione) e sul fatto che non capisco perché Cisco abbia confezionato il costume di Wally in un lampo lampante ed invece per questo abbia impiegato un’eternità. Come scrivevo poco sopra, mi scoccia questo atteggiamento perennemente infastidito del team nei confronti di Ralph.
A presto,

Reply
TreAsterischi 26 Gennaio 2018 at 18:01

Mi hai citata nella recensione… Sono commossa… *^*

Questa puntata filler è un classico riempitivo da serie tv di 24 episodi… Ma è anche una manifestazione fisica di “Jimmy lo stagista”.
“Jimmy lo stagista” è una figura mitologica presente in ogni ambito lavorativo… Negli studios CW in particolare è uno sceneggiatore sempre al suo primo giorno…
Da quando è arrivato ha passato le giornate lavorative non stipendiate a fotocopiare i copioni altrui, ripetendosi con entusiasmo “sto contribuendo al successo della serie”.

Oggi ha avuto la sua grande occasione: gli hanno affidato una puntata tutta per lui!
Jimmy ha fatto del suo meglio, dal basso della sua totale inesperienza: ha seguito alla lettera il manuale “screenwriting for dummies”, ha ripreso tutti i clichè supereroistici “da grandi poteri derivano grandi responsabilità” e ha infarcito tutto di citazioni ai miti della sua infanzia! XD
Perché se c’è una cosa che non manca certo a Jimmy è quel sincero entusiasmo naif di chi è cresciuto con la serie tv di Flash degli anni 90 e da bambino tifava il Wrestling WCW! XD
Ed ecco che la puntata diventa una affettuosa fanfiction, piena di ricordi di un passato camp dove Trickster e Prank erano i Bonnie e Clyde del crimine clownesco (a base di gomma da masticare) e Bill Goldberg calcava i ring con la sua potenza imbattibile!
Jimmy si ricorda bene quei pomeriggi davanti alla tv e cerca di renderci partecipi del suo spensierato e puerile divertimento, passando da citazioni colte a “le ali della libertà”, a fanservice gratuito per nerd (“Puddin”!)
Senza chiedersi cose tecniche o seriose, tipo perché la videosorveglianza del carcere funzioni solo quando fa comodo, o dove diavolo sia Wally, oppure perché il processo farsa di Barry non si possa impugnare in appello…
A Jimmy interessa di più dare un senso all’assenza di Mark Hamill, la cui unica spiegazione sarebbe il fatto che il suo caché adesso sia diventato “stellare” per gli standard CW…

Il filler scorre via, si guarda mentre si è in treno e si sonnecchia parzialmente sulla spalla degli altri viaggiatori…
La prossima settimana la serie tornerà a concentrarsi su DeVoe e roba seria (sperando scrivano con cognizione di causa e non come il processo improbabile dell’altra volta), mentre Jimmy lo stagista tornerà a fare fotocopie e per lui sarà sempre “il suo primo giorno”…

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 1 Febbraio 2018 at 09:53

Ciao!
Grazie del commento e tanti saluti a Jimmy Lo Stagista, figura mitologica che un po’ di simpatia ci ispira per il suo entusiasmo.

Non posso che darti ragione, è stata una puntata assurda e…considerando la successiva, direi che è andata ancora bene. Altro che tornare a DeVoe, il caro cervellone è da qualche parte con la moglie che recuperano il tempo perduto.

A presto!!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv