The Night Shift | Recensione 4×08 – 4×09

Carissimi addicted, bentornati alla recensione di questa settimana di The Night Shift, eccezionalmente dedicata a due episodi, “R3b0ot” e “Land of The Free”.

Come avrete modo di notare, stavolta la recensione è stata elaborata sotto forma di un file audio di alcuni minuti, in modo da non tediarvi con papiri e papiri di sproloqui e da darvi modo di gustarvela anche mentre vi occupate di altro. Fatemi sapere se la novità è stata di vostro gradimento o se preferite una classica analisi nero su bianco.

Vi allego di seguito un breve sommario dei punti trattati all’interno della recensione, in modo che abbiate a disposizione una sorta di scaletta con cui orientarvi durante l’ascolto:

  • Drew e il suo inspiegabile “Da grande volevo fare il Ranger”, che lo porta completamente a dimenticarsi del fatto che a) ha un marito, b) ha una figlia adolescente.
  • la scabrosa relazione fra Bella e Kenny e il delirio di immaturità che ne è conseguito (praticamente idiozia a grappoli).
  • TC sta alla Siria come Amira sta alla patata.
  • Scott blasta la gente ed è superefficace.
  • Annie è diventata la vicina di casa di uno storione.
  • I tecnici della TAC hanno un tasso di morte più alto di quello dei kamikaze.

Non mi resta che augurarvi buon ascolto!

https://soundcloud.com/patrick-destro-lestblue/recensione-the-night-shift-4×08-4×09

Come promesso vi lascio con il trailer del prossimo episodio, l’attesissimo season finale dal titolo “Resurgence”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.