Telefilm Addicted consiglia…Utopia

utopia0Immaginate una piccola fumetteria di quartiere, la Doomsday Comics,  gestita dalla tipica coppia di nerd, un paio di giovani clienti annoiati che sfogliano i volumi in silenzio. D’un tratto irrompe una strana coppia di persone, uno alto, stiloso, in completo blu, l’altro tarchiato, con l’espressione da ritardato, porta una borsa di un giallo acceso e ripete ossessivamente una frase (apparentemente) senza senso: “Where is Jessica Hyde?” (Dov’è Jessica Hyde?). Stanno cercando una graphic novel che si chiama The Utopia Experiments.

Quando i proprietari della fumetteria, straniti e un po’ inquietati, dicono di non averla, l’uomo in completo blu estrae una bombola di gas e lo fa inalare a tutti i presenti, uccidendoli.

Utopia-1

Queste sono le scene iniziali di Utopia, miniserie inglese di sei episodi, creata da Dennis Kelly e andata in onda su Channel 4 a partire dal 15 gennaio 2013.

Tutto ruota intorno a questa misteriosa graphic novel, disegnata da un vecchio scienziato pazzoide, che pare nasconda tra le sue pagine un misterioso segreto, una potente arma batteriologica basata su complicate ricerche genetiche.

Un gruppo di ragazzi appassionati di fumetti e del tutto ignari dei pericoli in cui si sono imbattuti, entrano quasi per caso in possesso di Utopia. Sono una stramba e variegata squadra di casi umani disadattati, che si sono conosciuti (ovviamente) su un forum per nerd irriducibili: abbiamo il ragazzo di colore in cerca di un’avventura (gli appassionati di serie inglesi lo riconosceranno subito, visto che è interpretato da Nathan Stewart Jarrett, il Curtis di Misfits), la giovane medico affetta da incurabile patologia degenerativa, l’arabo ossessionato per le cospirazioni e il quattordicenne schiacciato da una famiglia violenta che ha nei fumetti la propria via di fuga.

Utopia-Series-2-300x200

Quando i terribili killer della Domsday Comics si mettono sulle loro tracce per impadronirsi di Utopia, dal nulla compare a salvarli Jessica Hyde, la figlia del vecchio autore della graphic novel, che rivela ai ragazzi di un’inquietante cospirazione internazionale, che ha corrotto anche i più alti vertici del governo inglese, orchestrata da un’associazione segreta guidata da Mr. Rabbit, che sta sviluppando una tecnologia tanto potente da essere in grado di sterminare tutto il genere umano.

utopia-03

Nata come una miniserie, dato l’enorme successo in patria, Utopia è stata rinnovata per una seconda stagione, che partirà dall’incredibile cliffhanger dell’ultimo episodio.

Utopia non è solo una bella storia intrigante raccontata bene: tra gli oscuri misteri si intrecciano le vite e i sentimenti dei personaggi, tutti molto riusciti, nonostante rappresentino un po’ i vari cliche del thriller politico di stampo X–Filesiano. Non manca il classico humor inglese a sdrammatizzare anche i momenti più cupi e paradossali.

Guardando la serie, fatevi incantare dalla fotografia curatissima, dai colori quasi accecanti: i cieli azzurrissimi, le distese di prati verdi e il ricorrente color giallo acceso, che diventa quasi un protagonista della vicenda.

utopia-blogs

Utopia è coloratissimo, appassionante, molto intricato, girato e recitato splendidamente, come nella miglior tradizione delle serie made in UK.

Ve lo consiglio come recupero estivo, rimarrete folgorati dall’originalità della storia (un fumetto che nasconde un’arma di distruzione di massa ammettetelo, è geniale) e ripeterete per giorni in loop “Where is Jessica Hyde?” ai vostri amici.

Fidatevi, ci sono passata!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.