Teen Wolf | Recensione 4×03 – Muted

“Wendigos don’t need help.
We need food!”

E’ tempo di ritorni a Beacon Hills! Ritornano infatti due elementi caratterizzanti delle prime due stagioni, di cui  però ci eravamo quasi dimenticati, quali? Beh, il Lacrosse e il Teen Drama.
Partiamo subito dal secondo, anche perché ho da fare un piccolo appunto a riguardo.
Teen Wolf presenta già nel titolo la parola ‘TEEN’, però è anche vero che l’ elemento in questione è stato toccato veramente poco nella 3A e interamente inesplorato nella 3B, dove tematiche più cupe e adulte hanno predominato. Questa quarta stagione vuole segnare un ritorno alle origini, un ritorno ad una serie che nel contempo può essere leggera e frizzante, ma che non manca di momenti ad alta tensione e ricchi mistero.

“Muted” mi è piaciuto un sacco, è stato un episodio fenomenale in grado di far volare il tempo e di coinvolgere come non mai… ma… sì ho un piccolo ma, ho un appunto su una cosa che, a caldo non avevo notato (anzi forse era uno dei fattori che più mi avevano trasportato), ma che durante la seconda visione mi ha fatto storcere leggermente il naso. Mi riferisco a quanto detto qui sopra, al lato adolescenziale che nei 40 minuti ha avuto così tanto spazio. La mia è una falsa critica, perché aver visto gli ormoni in visibilio a Beacon Hills mi è piaciuto, però mi sono domandato se fosse così necessario dare tanto spazio ad alcune scene. Devo ammettere una cosa, per la prima volta sono contento che Allison non ci sia stata, perché?! Beh, perché nella fase teen non riusciva a dare il suo meglio, era un personaggio comunque più maturo e mai autoironico come le ragazze attuali (su cui però tornerò dopo perché continuo a non amare il ruolo di Lydia che viene bistrattata in maniera ignobile).







Due erano i miei grandi punti interrogativi per questo terzo episodio: come avrebbero introdotto il primo beta di Scott e come avrebbero giustificato il cambiamento di Derek. Devo dire che sono pienamente soddisfatto dalle risposte che ho avuto per entrambe (ovviamente per la soluzione al mistero degli occhi era ovvio ci volesse tempo).Da molto ormai, grazie anche a tutti gli spoiler trapelati, sapevamo che doveva uscire una lista di creature soprannaturali e un cacciatore (IL MUTO) pronto a eliminarle.
Scott per salvare il suo “amico”, verso il quale al momento nutre un senso di colpa oserei dire “bestiale”, è costretto a morderlo. Ma è un morso strano se ci pensate, è un morso dato con l’unico intento di salvare una persona, è un morso dato a fin di bene, ma è anche un morso che temo potrebbe privarlo del suo status di TRUE ALPHA e farlo “retrocedere” (che poi retrocessione non sarebbe) a quello di ALPHA soltanto.

True alphas are rare. Rather than taking their power by defeating (killing) an existing alpha, true alphas gain their status and power through force of will and character.

E’ un gesto che probabilmente gli costerà il venir braccato dai Calavera (la vecchiarda ha ben sottolineato il fatto che sarebbe andata a cercarlo non appena lo avesse fatto) ed è un morso che amplificherà i già grandi sensi di colpa che il povero Scott nutriva nei confronti di Liam.
Ora mi sorgono dei dubbi, potrà  un morso dato a fin di bene (vuole salvare a tutti i costi una persona) non cambiare il suo status di VERO alpha e  non farlo risultare una minaccia agli occhi dei  cacciatori?! Credo di sì, la dinamica è completamente diversa, lui non lo fa per il potere, lo fa per una buona causa, un atteggiamento che ci si aspetterebbe da Scott e pienamente in linea con la descrizione del Vero Alpha.

OK, detto questo però ora facciamo qualche passo indietro e ricominciamo dall’inizio. Questo terzo episodio riparte esattamente una settimana dopo la scomparsa dei soldi, del Benefattore, dei Berserkers e di Kate. Per farla semplice ciò che voglio fare è analizzare personaggio per personaggio e le storyline che lo hanno coinvolto.

SEAN
Prima creatura soprannaturale della famigerata lista (che ora sappiamo essere in mano sia ai buoni che hai cattivi), un WENDIGO.

A LEZIONE DI MITOLOGIA: IL WENDIGO
In Teen Wolf mythology, wendigos look like humans but dine on human flesh in order to survive. They have double rows of pointed teeth, much like a kanima, and their eyes glow white.

Sean è un essere leggermente diverso da quello che abbiamo visto in altri show (Streghe e Supernatural giusto per citare i primi due che mi vengono in mente), è una creatura attanagliata dalla fame e non in grado di controllarla e l’attacco al deputy è un esempio, i suoi occhi brillano e la sua famiglia è appena stata massacrata. L’opening è stata spettacolare, mi è piaciuta un sacco, è riuscita a tenermi incollato allo schermo, a farmi venire  i brividi quando è stata ritrovata la piccola Willow e a farmi persino sorridere quando il nostro ragazzo impaurito ha preferito rompere la finestra per scappare piuttosto che aprirla (è una finestra di un bagno, non ditemi che era impossibile aprirla!).
Una domanda: possibile che nessuno sospetti di lui come carnefice della sua famiglia? Papà Stilinski non l’ha preso minimamente in considerazione… però torniamo sempre allo stesso punto, 12 episodi sono troppo pochi per dare spazio ad elementi di contorno!
Sean comunque è stato il nostro tramite per introdurci il cacciatore muto (NON E’ IL BENEFATTORE!), per portare Scott alla sua azione e per far fare qualcosa alla povera Lydia.

LYDIA
Mi rimangono altre due critiche da fare a questo episodio (forse tre) e il personaggio di Lydia è una di queste. Abbiamo un’attrice con un potenziale e una bravura fenomenale, abbiamo un “mostro” inesplorato di cui sappiamo praticamente nulla eppure continuiamo ad usarla SOLO come GPS SCOVA CADAVERI. Perché?! C’è un motivo particolare per cui si è meritata questo?
Spero che il fatto di aver ritirato in ballo la sua SCRITTURA AUTOMATICA (vi ricordate vero quando disegnava il Nemeton?) possa ridare spazio al suo personaggio che al momento mi lascia alquanto interdetto. JEFF RIDACCI LA LYDIA CHE CONOSCEVAMO!


PARRISH
Ormai è ovvio (secondo me) che nasconda qualcosa, se così non fosse sarebbe una delusione immane. Mi è piaciuto nella scena con Lydia per un semplice motivo: ha tirato in ballo il fatto di avere una mente molto aperta e di prendere in considerazione anche l’ipotesi che la ragazza sia una sensitiva.
Certo la scena di per sé è stata alquanto surreale, la sua prima reazione quando trova una civile sulla scena del crimine è coinvolgerla nelle indagini, ma questo ci serviva per proseguire nella trama… quindi non mi lamento.

MALIA
Mi sta piacendo sempre di più, il suo sorriso mi fa impazzire esattamente come il suo personaggio così fuori dalle righe. Sa essere dolcissima (la scena in cui Stiles collega il modo di evidenziare della ragazza al suo modo di investigare è stata di una tenerezza unica) e ‘ruvida’ (la scena in cui scommette con Coach è stata di un esilarante pazzesco così come quando “costringe” Kira a dirle quello che non va) allo stesso tempo. Se al momento dovessi scegliere un personaggio preferito della stagione farei il suo nome (oltre a quello di Peter ma per altri motivi!), è perfetta nel contesto… anche se… Ancora nessuno ha cercato di mettere una pezza per spiegare come faccia a trovarsi nella stessa classe di matematica di Lydia (che invece è un genio!).
Malia e Stiles assieme sono fantastici, mi piacciono proprio, mi piace il modo in cui l’uno cerca di aiutare l’altra e viceversa, due modi completamente diversi eppure così teneri, mi spiace leggere in giro ancora chi critica Jeff per aver tolto lo Stydia, perché veramente si stanno perdendo dei bei momenti su una coppia improbabile che però ha un suo equilibrio fantastico.




KIRA
OUCH! Nuovi problemi in ballo, sembra che la sua famiglia voglia tornarsene a New York e la nostra povera Kitsune è troppo coinvolta dalla sua non-relazione con l’alpha per poter metterci una pietra sopra e andare avanti. Per gli Yokimura la missione a Beacon Hills è finita, ma per gli ormoni di Kira è appena iniziata. Mi torna in mente il rumour sul possibile spin-off del quale Kira dovrebbe essere la protagonista: è mai possibile che possano aver gettato un indizio in questo episodio accennando così al suo possibile ritorno nella Grande Mela?
Mi ha fatto così tenerezza, i suoi momenti con Scott, seppur forzati e puramente scenici (soprattutto quando lui torna per darle un vero primo bacio dopo quello sbalgiato bacio sulle note di Stakes), sono stati fantastici.
Il primo bacio dopo il vero bacio è stato veramente esilarante, non poteva non strapparci qualche sorriso ebete e sognante. Well Done! Love is in the air!

DEREK
Ok ho appena detto “Love is in the air!” e mi sa che anche il nostro lupo ha qualche problemino ormonale dovuto al suo recente ‘Viaggio nell’adolescenza’.  Mi è piaciuta la sua risolutezza (o forse sconsideratezza visto che al momento sembra di capire siano dei barboni senza una lira) con Peter, il suo prendere una decisione ferrea e il suo mangiarsi con lo sguardo Braeden. Beh, visto che al momento uno Sterek sembra fuori discussione fate almeno trombare questi due! La tensione sessuale si poteva tagliare con un coltello durante la loro scena.
Il mistero legato al cambiamento di colore degli occhi rimane, ma ora la mercenaria ha una missione: trovare Kate. E Derek spera veramente che tale ritrovamento possa fornirgli le informazioni che sta cercando, ma possiamo partire con delle ipotesi.

Significa che la vera natura di
qualcuno si riflette nei suoi occhi.

Ebbene sembra sempre più plausibile la teoria seconda la quale il cambiamento interno, l’altruismo e il voler aiutare chi è in difficoltà possa aver creato un nuovo Derek e aver cancellato il suo “peccato”. Che sia semplicemente questo o che ci sia dell’altro nascosto?


STILES
Ok, questa è la parte più difficile da scrivere, perché è una critica che magari non tutti condividono, ma questa spina devo togliermela. Sembra che gli old dello show stiano avendo un ridimensionamento del loro personaggio, così come è successo a Lydia, pure Stiles non è più quello di una volta. Non fraintendetemi, lo adoro, ma in questa 4×03 il suo ruolo (quando non in funzione della coppia con Malia) è stato quello di scemo del villaggio, che per l’amor di Dio, ci sta, Stiles è ANCHE questo, ma non SOLO QUESTO! Le sue scene sono state da togliere il fiato dalle risate, le sue espressioni alla Ace Ventura strepitose (mi riferisco alla scena della corsa), ma dai, Stiles è anche altro! Prego veramente che sia stato un caso, che sia stato usato in questo modo il suo personaggio solo per contrastare le scene alla luce da quelle al buio (se avete notato c’è una netta separazione dei momenti, non appena la luce diminuisce sappiamo che qualcosa sta per andare nel verso sbagliato).
Tolta questa pecca, mi è piaciuto veramente tanto, è tornato lo Stiles della prima stagione, quella persona che riesce a farti sorridere sempre e comunque.

SCOTT
Il nostro Alpha ha dovuto affrontare delle sfide: affrontare l’amore, difendere il suo ruolo di capitano, dimostrare di essere all’altezza (una bella similitudine che si ricollega al suo ruolo di Alpha), ha dovuto affrontare il suo senso di colpa per aver fatto prevalere la sua individualità e il suo orgoglio e ha preso, inconsapevolmente, la decisione più dura della sua vita: dare il morso.
Ho detto inconsapevolmente perché era palese che Scott abbia morso Liam senza rendersene conto, lui voleva salvarlo, era questo il suo obiettivo e solo in un secondo tempo si è accorto della “cazzata” che aveva fatto, solo nel momento in cui lo vede a terra mentre si tampona la ferita realizza la serietà della situazione.
Scott comunque nel corso di tutto l’episodio si è dimostrato quel ragazzino, alle volte un po’ tonterello, tipico della prima stagione.
“Muted” è stato proprio questo, un ritorno alle origini, un reset su quello che è stato Teen Wolf per portarlo ai suoi binari originari, una mossa astuta e ben programmata che non posso non apprezzare nella sua interezza.

IL MUTO
Il Muto, mi viene continuamente da chiamarlo ‘l’albino’, è un bel “mostro”, mi incuriosisce ed è piuttosto pauroso, sono veramente curioso di scoprire il prossimo nome/prossima creatura che dovrà cacciare e soprattutto di saperne di più sulla sua “missione” e sulla sua origine! L’altro quesito fondamentale che mi rimane è quello riguardo al suo modo di nutrirsi quando gli compare la lista davanti agli occhi!

E dulcis in fundo…

LIAM
Ok, al momento non mi ispira tutta questa simpatia, vuoi per la sua spocchia (anche se poi hanno aggiustato il tiro facendolo sembrare solo un ragazzino indifeso quando parla col patrigno in ospedale), vuoi non so perché, ma mi ricorda tanto, forse troppo, Jackson. Comunque sicuramente ci rivelerà molte carte nascoste e il suo ruolo nel branco sarà fondamentale, spero esca un bel personaggio e spero vivamente non facciano LA CAZZATA (farlo diventare l’interesse amoroso di Lydia!).

COMMENTI VARI
PETER è sempre Peter e vederlo impanicato per il suo nuovo status da “povero” è stato divertente, ma tanto sappiamo che lui è un Hale e in un modo o nell’altro troverà una soluzione.

Cosa credi che faro’, a quel punto?
Mi trovero’ un lavoro?

 

-Quanto tenero è stato Derek mentre fissa il suo riflesso negli occhiali da sole scuri? Nemmeno lui riesce a capire ‘cosa’ sia tornato di sé.

PROBLEMI ECONOMICI: ormai ci è fin troppo noto che tale argomento sarà centrale d’ora in avanti e in questo episodio è stato tirato in ballo ben 3 volte: Styles e la Echo House, Melissa e il lavoro e… LA PIU’ BELLA DI TUTTE CHE MI HA FATTO PIEGARE IN DUE DAL RIDERE:

STILES: Hai parlato con Argent?
SCOTT: Gli ho mandato un sms, ma non mi ha risposto.
STILES: Gli hai detto tramite sms che sua sorella Kate e’ resuscitata?
SCOTT: Non avevo abbastanza credito per chiamare in Francia.

Menzione a parte va fatta per i problemi di Scott che cerca di risolvere ogni problema (anche nel caso di Kira) con un SMS.

-Il primo non vero bacio tra Scott e Kira è stato fantastico:

– Era sulle labbra?
– Si’.
– Con la lingua?
– No… era come quando baci tua nonna a 5 anni.


-Ho adorato Braeden e il modo in cui si finge senza il ben che minimo problema US Marshall. L’ho amata invece nella scena con Derek in cui vigeva la regola MANGIAMOCI CON GLI OCCHI!

COACH IS BACK!!! Il Coach è il Coach e nessuno potrà mai essere così grandioso e spettacolare. Le sue battute sono sempre le migliori! Ma aver scoperto le doti di Kira come giocatrice di Lacross comporterà qualcosa?

Terribile.
Orribilante.
Patetico.
Incredibilmente patetico.



“Qualcuno le chieda se ha mai giocato a lacrosse.”

-Nuovamente abbiamo visto il tetto dell’ospedale come teatro delle vicende che coinvolgono i lupi e Beacon Hills!

ANCHE QUESTA SETTIMANA MI SONO DILUNGATO TROPPO I KNOW, e mi sono trattenuto dal dilungarmi su un altro paio di cosette (come il tempo che scorre in modo particolare in Teen Wolf).

In ogni caso ora vi invito CALDAMENTE a passare da queste pagine ricche di news, foto e chi più ne ha più ne metta!
LASCIATE UN BEL LIKE MI RACCOMANDO!!!!!

Teen Wolf ϟ My life
Ian Bohen Italia
Teen Wolf italia
Hobrien
Teen Wolf Italia
Teen Wolf ___A Sterek Tale

https://www.youtube.com/watch?v=ksgeEvH4Iag

4 comments
  1. Concordo pienamente con te con te su Lydia. Mi sembra quasi che venga trattata come Caroline Forbes di TVD, cioè personaggio con gran potenziale ma che viene usato solo per creare relazioni amorose e basta. Così Lydia, ha un potenziale enorme, ma viene usata solo per cercare cadaveri. Ma perchè? Come ho detto l’altra volta, è giusto dare più spazio ai personaggi nuovi, ma se abbiamo un vecchio personaggio così interessante e di cui sappiamo pochissimo, perchè non approfittarne? Per me lei è la protagonista femminile e mi irrita che venga messa così da parte (magari facessero lo stesso con Elena Gilbert XD)
    Per gli altri personaggi, è stato bello rivedere lo Stiles ironico, dopo la terza stagione credo che sia anche giusto fargli respirare una boccata d’ironia, tanto sappiamo che tra un pò saranno impegnati con ben 4 nemici e non è poco. Io non penso che Scott subirà conseguenze negative per questo morso, lui l’ha fatto per salvargli la vita, è stato un gesto altruista. Malia non riesco ancora ad inquadrarla bene, però devo ammettere che con Stiles mi fa tenerezza, sono dolci insieme. Kira invece mi piace sempre di più. Liam alla fine era solo bravo a giocare e ora lo sarà anche di più.
    Spero davvero di vedere una prossima puntata con maggiore spessore per Lydia.

  2. Bellissima recensione come sempre!!!
    Concordo su Lydia, tra l’altro io avevo letto che la 4a stagione sarebbe stata incentrata su di lei e le Banshee,per adesso non mi sembra affatto!! Spero che tornino a farla interagire con Stiles e Scott come prima, non solo buttarla lì 5 minuti a episodio, e spero con tutto il cuore che non le rifilino la storiella con Liam, anche perchè adesso che l’ho visto “dal vivo” è proprio un pischello, con lei non c’azzecca niente…
    Anche su Stiles sono d’accordo, questo episodio mi ha fatto sbellicare, soprattutto grazie al coach, ma mi sembra strano che non si siano ancora soffermati sui sensi di colpa che dovrebbe sentire Stiles dopo tutta la storia del nogitsune…

    Sul discorso di Scott e del morso, io ho un quesito enorme:
    Allora, so che Scott è un true alpha perchè non ha dovuto uccidere l’alpha che lo ha morso per diventare alpha, e che un true alpha è anche colui che non ha mai morso/ucciso un innocente…
    Ora, avendo morso Liam potrebbe non essere più un true alpha ma semplicemente un alpha (come peter, derek,…).
    Ma quindi, un true alpha non può avere beta, dato che non può mordere nessuno??? O_o

    1. Ciao!!! Grazie mille!! Gli spoiler dicevano che questa sarebbe stata la stagione di Lydia, incrociamo le dita per i restanti episodi!

      Il dubbio su Scott è lo stesso mio, ma al momento attuale Jeff non ci ha fornito alcun elemento per poter azzardare delle ipotesi certe (anche perchè la mitologia del True Alpha non è stata sviluppata ancora -a parte il fatto che per essere un vero alpha non devi averne ucciso un altro-), spero chiariscano al più presto questo dilemma. Sicuramente, e su questo sono certo, ora Scott sarà un bersaglio per i Calavera perchè lo vedono esattamente un lupo come gli altri (la vecchia aveva ben messo le mani davanti a sé prima di salutarlo). Grazie mille per il commento!!!

  3. Anche io ho amato questo ritorno alle origini. Non nascondo che ho faticato a vedere la terza stagione, troppo cupa e seria, anche se poi, alla fine, l’ho cmq amata. Ma hai pienamente ragione quando dici che il tempo vola. La puntata scorre che è una meraviglia e arrivi alla fine senza accorgertene.
    Concordo pienamente su tutto, soprattutto sulle riflessioni su Lydia e Stiles, troppo sacrificati. Coach è tutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.