Skins | Recensione 6×01 – Everyone

Benvenuti nel mondo di Skins, o meglio, ben tornati.
Skins come spesso fa promette 100 ma riesce a darci mille e anche qualcosina in più.
Li avevamo lasciati, felici, liberi, quasi spensierati ma soprattutto amici e così li troviamo in Marocco per il grandioso inizio di questa sesta stagione.
Ma non è mai così semplice per i ragazzi, infatti, pur sembrando una situazione idilliaca quella in cui si trovano, vacanze, feste e un bel po’ di erba gratis, le cose non tardano ad andare male.

I nostri prodi hanno affittato una casa ancora in costruzione in Marocco, manca quindi acqua corrente elettricità e anche un tetto sopra l’attico riservato a Rich e Grace. Ma loro non si fanno scoraggiare e continuano imperterriti a strafarsi e ad imbucarsi alle feste.
I primi problemi si presentano con l’arrivo di Frankie e Matty, da quanto capiamo i due sono stati in vacanza in Tunisia da soli e Frankie non ne può già più del rapporto di coppia ( “It gets boring Matty, all the fucking, all the talking and just.. all the stuff”) e al posto di chiarirsi continuano a litigare e ad evitarsi. Questo porta Frankie, la nuova Frankie, non più vergine, non più confusa circa la sua sessualità, ma spontanea super femminile e molto provocante a provarci con uno stupido bamboccio biondo durante una festa. Matty non fa niente se non stare male e chiudersi in se stesso.
Per gli altri le cose sembrano andare meglio, Mini decide di concedersi al farm boy Alo (che cariniiiii) facendogli però giurare di non dirlo mai a nessuno, Nik e Liv si strafanno e rimorchiano più o meno tutti, Rich e Grace si amano.

Il vero casino inizia quando scopriamo che il bamboccio di Frankie non è che un ricattatore che ha intenzione di rapire Frankie per obbligare Matty a portare della droga (già caricata di nascosto nella jeep di Matty) in un posto a trecento kilometri da dove sono. Frankie lo segue ignare delle vere intenzioni del ragazzo, semplicemente perché ha voglia di zoccoleggiare un po’.Matty Liv e Grace li rincorrono preoccupati per quello che potrebbe succedere e sfortunatamente durante la corsa in macchina la jeep dei ragazzi esce fuori strada e si schianta su un pendio. Matty, ferito, sapendo anche che sarebbe stato incolpato per la quantità esorbitante di droga nella macchina, scappa, Liv lo guarda allontanarsi e Grace sembra senza vita.

Buio. Siamo di nuovo a scuola, in Inghilterra, le vacanze sono finite e anche l’allegria e la spensieratezza. I ragazzi non si parlano tra loro, Grace è in coma e Matty è latitante e non chiama nemmeno suo fratello. Rich cerca quasi tutti i giorni di vedere Gracie ma glielo impediscono.
La puntata si chiude con una telefonata di Matty a Nick e sulle lacrime di Frankie, colpevole forze di aver reso Matty, ossessionato da lei e di essersi comportata un po’ da stronzetta.

Puntata apprezzabilissima sotto vari punti di vista ma soprattutto perché partendo da una situazione di continuità con la stagione precedente non rimane ferma ai presupposti già affrontati. I ragazzi sono cambiati e continuano a cambiare e questo fa progredire anche la storie in maniera molto interessante.
Notevole la crescita di Frankie che però le causa non pochi problemi e delle dinamiche del gruppo, in un primo momento perfette caratterizzate da rapporti sinceri e spontanei e nella fine dell’episodio da tensioni e dalla tendenza di ognuno di isolarsi nel suo dolore pensando magari, anche alle proprie colpe.

Nota positiva le solite musiche strafighe, una fotografia bellissima e, ovviamente, feste alle quali ho sempre sognato di andare

Ora non c’è che da aspettare per vedere cosa succederà nelle prossime puntate ma la sensazione è (la stessa delle altre stagioni) che ne vedremo delle belle e che nessuno di quei 45 minuti passati davanti allo schermo del computer sia sprecato.

1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.