Shadowhunters | Recensione 2×20 – Beside Still Water

Eccoci arrivati al finale di questa seconda stagione di “Shadowhunters”.
“Beside Still Water” ha tirato le fila della storia finora presentata, arrivando a un punto che corrisponde, in effetti, a quello della prima trilogia di “The Mortal Instruments”, quantomeno in generale.

Parto da una premessa: nonostante i cambiamenti che hanno danneggiato la narrazione e che, ovviamente, sono stati presenti anche in questo episodio, questo finale è forse la puntata meglio riuscita di questa seconda stagione. E, incredibilmente, pur nella perdita delle due fantastiche battaglie a Idris, che indubbiamente è stata un errore da parte di showrunner e autori, e quindi nella divisione degli eventi tra i due luoghi, la puntata ci ha portati a un finale che è quello di “Città di Vetro” e ha introdotto un bel cliffhanger.

Questo non vuol dire che l’episodio sia privo di difetti, anzi.
Come spiegato la settimana scorsa, nella recensione della diciannovesima puntata, e come accennato poco sopra, con il cambio di ambientazione da Idris a New York lo show è stato privato della Guerra Mortale, composta da due battaglie (l’invasione di Alicante da parte dei demoni e la battaglia che vede uniti Shadowhunter e Nascosti contro i demoni scatenati da Valentine nella pianura di Brocelind, nella quale Nascosti e Shadowhunter sono letteralmente uniti, visto che Clary crea un Marchio speciale tracciabile anche sulla pelle dei Nascosti per dare vita a un legame in coppie formate da uno Shadowhunter e un Nascosto che permetta a ognuno dei due di avere i poteri dell’altro in battaglia) che ne avrebbero innalzato la qualità. E questo, ovviamente, è stato un errore che ha portato a un danno per la serie.
I demoni non sopportano la luce del sole, per cui vederli di giorno non ha senso. E la scena in mezzo al traffico… pur non essendo brutta non è stata nemmeno del tutto convincente.
E’ stato un po’ assurdo vedere Jonathan-Sebastian ancora vivo dopo tutte quelle ore, dato che, come spiegato proprio da lui e da Jace, quel colpo (che Jace ha messo in atto) insegnato loro da Valentine è letale, nel senso che provoca la morte all’istante.
Il campo militare a Idris era un po’ ridicolo. Un peccato, inoltre, non aver visto il Console Malachi e Valentine insieme, visto che effettivamente Malachi è sempre stato dalla parte di Valentine (e nel romanzo è presente un dialogo tra i due). Con l’eliminazione di Hugin, il corvo di Valentine, è stata cambiata la morte di Malachi, che non viene ucciso da Jace, ma proprio da Hugin perché ha tentato di far del male a Clary.

Allo stesso modo, è stata cambiata la morte di Valentine, che non viene ucciso da Clary ma da Raziel stesso. Piccola spiegazione per chi non ha letto i romanzi: il rituale di evocazione è più complesso di come è stato reso e Valentine traccia delle Rune sulla sabbia prima di lanciare i due Strumenti Mortali nell’acqua del terzo, Lo Specchio (il Lago Lyn); Clary è già stata presa dal padre quando Jace arriva (dopo aver ucciso Sebastian). Jace è pronto a uccidere Valentine, ma questo, con una mossa a sorpresa, lo trafigge con la Spada Mortale, mentre Clary è legata e privata della voce con la Runa del Silenzio; quando Valentine è distratto, Clary cambia le Rune tracciate nella sabbia e diviene la padrona del rito di evocazione, che obbliga Raziel, una volta apparso, a esaudire un desiderio. E poiché la padrona del rituale è Clary, Raziel uccide Valentine, anche per punirlo di tutto ciò che ha fatto. Infine, non è stata mostrata la resituzione degli Strumenti Mortali da parte di Raziel.


Ancora non si capisce cosa voglia da Simon la Regina Seelie e questa scelta narrativa ha fatto sprecare Luke, Simon, Maia e Meliorn nella Corte, quando invece sono tutti e quattro nella pianura di Brocelind a combattere al fianco degli Shadowhunter, ognuno unito a uno Shadowhunter (Luke a Jocelyn ed è da qui che poi i due divengono finalmente coppia).
Jace è stato privato, ancora una volta, della sua profondità, visto che la questione “essere un Herondale” è apparentemente stata liquidata, quando in realtà a questo punto della storia lui lo ha appena scoperto e da qui in poi gli ci vorrà del tempo per accettarlo e si interrogherà a lungo su Stephen, suo padre, e proprio in “Città di Vetro” inizia tutto ciò.
Infine, la cosa più grave, Magnus non è stato Magnus per niente, sembrava “lobotomizzato”, almeno fino alla riconciliazione. Lui è l’uomo centenario, eppure faceva i capricci, e Alec, il ventenne, si è comportato in modo più maturo di lui.


La puntata ha avuto, però, anche vari aspetti positivi.
Per quanto riguarda la Regina Seelie, Sarah Hyland è stata molto brava (anche se fisicamente non corrisponde proprio alla descrizione della sovrana) e soprattutto ha assunto lo stesso tono e lo stesso modo di parlare che aveva l’interprete che ha portato sullo schermo la versione bambina della Regina. Un bel tocco, per dare continuità al personaggio.


La scena sulla spiaggia per chiudere il passaggio aperto con il sangue di Sebastian non è stata male e ovviamente la riappacificazione tra Alec e Magnus è stata bella, i due sono sempre splendidi insieme. E si spera che da questo momento Magnus torni a essere Magnus.



La parte a Idris, in generale, è stata piuttosto fedele al libro. Malachi, come accennato, è effettivamente sempre stato un traditore, una spia di Valentine, un infiltrato (anche se Clary e Jace non vengono fatti prigionieri e condannati a morte). Il che dà la misura di quanto fosse potente Valentine e di come riuscisse a muoversi a suo piacimento, coperto proprio dalla più alta carica del governo Shadowhunter.
Valentine ha ucciso Jace, che nel suo modo contorto amava davvero come un figlio, il che ha dimostrato fino dove quest’uomo sia sempre stato disposto a spingersi per i suoi folli piani. Ed era anche disposto a uccidere Clary, che invece odiava, perché la riteneva responsabile dell’allontanamento da lui di Jocelyn.
La morte di Jace ha portato a una scena bellissima che in “Città di Vetro” non è presente, ovvero Alec che ha sentito spezzarsi il legame parabatai (nel libro non c’è non solo perché il pov è ancora quello di Clary, ma Alec poi non ne fa menzione perché la Runa Parabatai è congegnata in modo tale da proteggere ognuno dei due in battaglia, in caso di morte dell’altro, non facendo sentire immediatamente il legame che si spezza per evitare di indebolire il parabatai ancora vivo… e Alec, quando Jace muore, sta per l’appunto combattendo nella pianura di Brocelind, legato a Magnus dalla Runa speciale creata da Clary). La scena è stata bellissima, ha dato la misura di cosa prova un parabatai quando l’altro muore e, personalmente, mi ha fatto pensare a Will e Jem (non dirò altro per non fare spoiler, ma chi ha letto i libri ha capito cosa intendo).




Il cambiamento delle condizioni di Jace e Clary nella morte del primo, con Clary libera e accanto a lui, ha portato a un bel momento tra i due, che ha finalmente visto la rivelazione dei sentimenti di Jace e ha condotto, poi, a quella di lei, con uno scambio di battute che viene proprio da “Città di Vetro”, il terzo romanzo dell’esalogia.







La scena dell’apparizione di Raziel è stata davvero molto bella. E’ vero che nel libro lui appare come gigantesco, completamente dorato ed è più freddo, distaccato e minaccioso di come è stato reso nell’episodio, ciò non toglie che tutta la scena sia stata ben realizzata e… attenzione, la voce di Raziel era Anthony Head (Mr. Giles in “Buffy”, Uther Pendragon in “Merlin”, il preside alieno della seconda stagione di “Doctor Who”, il Console David Whele in “Dominion”, Lord Capuleti in “Still Star-Crossed” – uno dei pochissimi elementi positivi dello show -… e potrei continuare), una scelta davvero azzeccata.






Abbiamo visto Jace iniziare ad avere problemi… perché in effetti ritornare dal mondo dei morti, anche se questo ritorno è concesso da un Angelo, ha delle conseguenze.

Infine, il cliffhanger. Se da una parte è stato un poco assurdo vedere Sebastian ancora vivo dopo tutte quelle ore con un ferita che doveva essere mortale da subito, dall’altra ciò è stato fatto per una semplice ragione, per nulla negativa, anzi, che ha portato al fantastico colpo di scena finale: “Mother.”
E finalmente eccola, il demone che si considera la madre di Sebastian, che lui stesso considera sua madre; il demone che, evocato da Valentine, gli ha dato il suo sangue quando Jocelyn era incinta, da far ingerire a lei di modo che arrivasse al bambino.
Un demone antichissimo e oltremodo potente, del quale l’identità non è stata svelata, sinora, di certo per poter sfruttare il colpo di scena, soprattutto per chi non ha letto la saga.
Un arrivo che è stato suggerito per tutto l’episodio, con la costante domanda “Chi sono, da dove arrivano, perché e dove sono finiti i demoni usciti dall’apertura tra le dimensioni?”
E, ovviamente, anche con la rivelazione del regno infernale di provenienza di essi: Edom.
La scena finale, con lei che emerge dall’unione di questi demoni, nel sottosuolo, e poi si avvicina al corpo senza vita “dell’amato figlio”, è stata davvero bella da vedere e una bella idea per chiudere la stagione. Un ottimo cliffhanger.
Grossi guai sono in arrivo per i nostri giovani Shadowhunter.






Il giudizio complessivo sulla stagione non è positivo per quanto riguarda la trama: i nuovi showrunner e autori erano partiti con buone premesse, ritornare allo spirito dei libri e dei personaggi, ma anche loro poi hanno commesso l’errore di stravolgere gli eventi senza fermarsi a pensare davvero al perché nei romanzi essi fossero in un certo modo e in un preciso ordine. Lo stravolgimento di questi ha portato a creare un raffazzonato mix tra i diversi romanzi, con cose prese anche dalla seconda trilogia di “The Mortal Instruments”, e scelte narrative che non hanno avuto senso (tanto per fare un esempio, la scelta di dare a Jonathan Morgenstern un aspetto sfigurato e indefinito e non quello che ha realmente – somigliante a Will Tudor -, con in più la possibilità di mutarlo, ha creato il potenziale buco narrativo del cambio di interprete, proprio perché l’aspetto che ci presenta Will Tudor non è quello del personaggio, come invece dovrebbe essere).
Abbiamo, inoltre, assistito anche allo stravolgimento di alcuni personaggi, ovvero Isabelle, Magnus e a tratti Jonathan-Sebastian, mentre Jace non ha ancora la profondità che dovrebbe avere, cosa che decisamente non corrisponde al “tornare allo spirito dei libri e dei personaggi”.
Dall’altra parte, visivamente lo show è migliorato moltissimo, in tutto, ambientazioni, fotografia, regia, atmosfere, effetti speciali… il che è di certo un aspetto positivo.
Allo stesso modo, la recitazione dei membri più giovani del cast è migliorata. E anche di questo non si può che essere soddisfatti.
Quello che ci si deve augurare per la terza stagione è che, adesso che sono arrivati al finale che corrisponde a quello di “Città di Vetro”, che la prima parte della storia ha avuto una sua chiusura e ora che si apre un intero nuovo capitolo, la trama arrivi finalmente a essere davvero in linea con quella vera, pur nei cambiamenti necessari alla differenza del mezzo di narrazione (dalla carta allo schermo) e con l’aggiunta di qualcosa qui e là che magari nei romanzi avviene “off screen”, elemento che è sempre apprezzabile (se fatto bene, ovvio), perché è ciò che davvero farebbe fare allo show un salto di qualità.

Bene, per questo secondo anno di “Shadowhunters” mi fermo qui. Ringrazio ovviamente tutti voi che avete letto, commentato (qui sul sito e nei gruppi, privatamente e via dicendo) e le pagine che hanno condiviso le mie recensioni.
Ci rivediamo nel 2018 per la terza stagione!

Ricordatevi di passare in queste meravigliose pagine per news, aggiornamenti e spoiler settimanali sugli episodi, news sui nostri personaggi preferiti e tanto altro!

Cacciatori: strafighi in nero dal 1234

Emeraude Toubia Addicted

Harry Shum Jr. Italia

Idris University

Malec Italia

Shadowhunters Italia (Sito Ufficiale Italiano)

Shadowhunter Fino Alla Morte. Giuro Sull’Angelo

Shadowhunters – Tu Mi Fai Sentire Come Se Ci Fosse Un Posto Per Me

11 comments
  1. Ben ritrovata carissima! Aspettavo con ansia la tua recensione per poterti porre alcune domande o, comunque, parlare insieme di alcuni interrogativi che mi sono emersi guardando la puntata.. alcuni dei quali hai già in parte spiegato nella recensione.

    Inizio dicendo che meno male ho finito di leggere “Città degli angeli caduti” prima della puntata sennò un’altra volta avrei letto i libri sapendo cosa accadeva, o sarebbe accaduto, e rovinarmi quindi la lettura del libro.

    Sono contenta anche io che abbiano ripreso un attimo l’andamento dei libri e introdotto questa nuova storyline che prevedo molto interessante (mentre ti sto scrivendo ho appena iniziato Città delle Anime Cadute).

    Veniamo al primo quesito, per il quale in parte hai già un po’ risposto: la rottura del legame Parabatai.
    Tu hai detto che questi si spezza al momento della morte del parabatai, ma se uno è impegnato in battaglia come in questo caso Alec, in più rafforzato dal suo legame con Magnus, Alec non ha avvertito la morte di Jace… quindi mi viene da pensare che la morte e poi resurrezione sia avvenuta mentre ancora andava in scena la battaglia non dando il tempo al legame di spezzarsi, giusto?

    ATTENZIONE SPOILER!







    Sennò non si spiega come possano tenere nascosto agli altri la “resurrezione” di Jace agli altri per tutto il quarto libro. Credo che questo non sia spoiler.. vediamo anche nell’episodio che Jace e Clary vogliono tenerlo segreto, anche se Alec si stava ammascando qualcosa perchè a lui la runa era sparita, in più lo aveva sentito.





    FINE SPOILER

    E sì, il pensiero non può che andare a Will e Jem… e devo dire che sebbene si veda il dolore di Alec, credo che la scena di Will sia stata molto molto più straziante rispetto a questa. Ma anche qua sono punti di vista.

    Clary che uccide Valentine l’ho trovato un po’ fuori luogo, primo tra tutti per il motivo spiegato da te, che l’uccisione avviene da parte di Raziel ma poi Clary non è abbastanza forte o preparata per poter uccidere uno Shadowhunters perfido come Valentine con un misero coltelluccio? Mi ha fatto un po’ storcere il naso.

    Veniamo ai Malec, sono d’accordo nella tua descrizione di Magnus imbambolato/catatonico, centenario che fa i capricci, urta anche a me… ma nemmeno nella riappacificazione mi sono piaciuti e io adoro i Malec sia dei libri che del telefilm.
    Ad ogni scena Malec che incontro nel libro mi salta lo stomaco in gola da quanto ogni singolo discorso, parola tra i due, accenni a personaggi passati mi facciano fangirlizzare…. ma in questa seconda metà di serie non c’è una scena che mi abbia fatto saltare lo stomaco in gola….. nel libro mi emoziono anche quando litigano…
    Quindi spero proprio che tornino a migliorare le loro scene nella terza stagione perchè ne vedremo delle belle.. ho come l’impressione che questo primo bisticciamento non sia neanche l’ultimo.

    Simon e Queen Seelie… non ho assolutamente idea di dove vogliano andare a parare gli showrunner con questi due.. non trovo proprio il nesso…
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    INIZIO SPOILER
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    Visto che sono a parlare di Simon vorrei chiederti se mi rinfreschi la memoria sul perchè Clary traccia il Marchio di Caino a Simon, non ricordo….
    e in più torno a fangirlizzare all’inizio di “Città delle anime perdute” quando Clary alla ricerca dei gli anelli da rubare per la Regina Seelie si imbatte nell’angelo meccanico di Tessa <3 <3
    Il mio piccolo cuoricino non può reggere….
    e poi Alec discende da Cecily, Jace da Will … ma porca miseriaccia Alec e Jace sono parenti alla lontana lontana lontana lontanissima!! <3 <3
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    _
    FINE SPOILER

    Credo che con questo sia tutto…. avevo così tanti quesiti che però, leggendo la tua recensione, mi hai risposto ancora prima te li ponessi.

    Ti auguro un buon fine estate e inizio autunno, ci vediamo anno prossimo con la nuova stagione e ti assicuro che avrò letto tutto The Mortal Instruments e sarò andata anche oltre!
    Se volessi in qualche modo contattarti per delucidazioni o solamente sclerare per gli avvenimenti dei libri scrivo sulla pagina di TelefilmAddicted come l'ultima volta??
    Grazie mille ancora per le tue recensioni, un bacio!
    A presto!

    1. Ciao!

      Ti ho modificato il commento perché quella cosa che hai detto in effetti è spoiler, visto che chi non ha letto i libri non sa come procede la questione Jace.

      Allora.
      Per quanto riguarda il legame parabatai: si è spezzato, ma Alec non lo ha avvertito in “piena potenza”, diciamo, perché stava combattendo. Esatto, la morte di Jace avviene durante la battaglia sulla pianura di Brocelind, infatti, se ricordi, c’è un pov di Simon che si stupisce del fatto che i demoni di colpo fuggano, proprio nel mezzo della battaglia. Questo avviene nel momento della morte di Valentine. E da lì passano pochi minuti prima che Jace torni in vita.
      Ecco perché nel quarto libro va come hai detto tu.
      Nello show, visto che hanno inserito Alec che sente la morte di Jace, forse sarà un poco diverso.
      Spero di aver chiarito i tuoi dubbi.

      ATTENZIONE SPOILER




      Di sicuro tra Will e Jem è più drammatico, ma questo perché Cassandra Clare sa scrivere meglio di questi autori. Alec avrebbe dovuto essere più disperato, ma è anche vero che Will sapeva che quel momento sarebbe arrivato e soffriva da tempo per questo, Alec è stato colto alla sprovvista, era sotto shock, incredulo… diciamo che avrebbero potuto inserire una scena in cui, preoccupatissimo, insisteva per andare a Idris.
      Semplicemente, il fatto che abbiano inserito la scena mi ha ricordato Will





      FINE SPOILER

      Sì, Clary che uccide Valentine fa molto storcere il naso, per tanti motivi diversi, ecco perché l’ho inserita tra gli aspetti negativi.

      Su Alec e Magnus: concordo, la loro riappacificazione non è stata una scena particolarmente coinvolgente, ma almeno il litigio senza senso è finito, Magnus ha smesso di comportarsi come un bambino capriccioso. E la scena di per sé non era brutta. In ogni caso sono assolutamente d’accordo, le loro parti vanno migliorate.

      ATTENZIONE SPOILER





      Clary traccia il Marchio di Caino a Simon in “Città di Vetro”, perché Raphael dice a Luke che i Vampiri non combatteranno se loro non gli consegneranno Simon, che vuole uccidere perché Diurno.
      Ovviamente Clary e Luke si rifiutano, Jocelyn minaccia Raphael di farlo a pezzi e darlo in pasto al gatto se oserà avvicinarsi a Simon, ma lui convince Clary a lasciarlo andare… e si fa disegnare il Marchio di Caino per protezione. Lei all’inizio non vuole perché al Marchio è legata la maledizione, ma lui la convince.
      Ed ecco come lui ha il Marchio.





      FINE SPOILER

      Grazie mille, buona estate e buon autunno anche a te!

      Certo, puoi scrivere in messaggio privato alla pagina del sito o puoi scrivermi su Twitter: Ms_Sam29.
      Grazie mille a te per aver letto e commentato! 🙂

  2. Grande recensione come sempre!
    Sono molto contenta anche io di questa ultima puntata, finalmente si intravede lo spirito dei libri ( questa stagione è stata molto buona effettivamente !!).
    Durante la scena del lago ero in attesa della rina di Clary ma anche così non mi è sembrata male! Ottimo il dialogo finale tra Clary e Jace, praticamente ripetevo le battute :).
    Però l’unica pecca (vabbe a parte la storia di Simon e Luke) è stato il finale, mi aspettavo dei clace più innamorati e con un altro bacio travolgente (come sappiamo succede..), invece sono stati liquidati malissimo facendo subito vedere Jace stare male.
    Avrei voluto almeno il dialogo Simon e Jace, non so sembra che non vogliano far vedere i VERI clace. Peccato !
    Ultima cosa che non capisco è la morte di Jocelyn, che senso ha avuto? A mio avviso guardando la scena del lago collegata con le puntate all’inizio non convince molto. Cosa ne pensi??

    Grazie mille per le tue ricensione e per le tue risposte, è molto bello questo scambio tra lettori appassionati!
    Ci rivediamo a Gennaio!!

    1. Ciao, grazie mille!

      Mah, guarda, a livello di trama non tanto, hanno stravolto tanti eventi, troppi, hanno mandato OOC personaggi… incredibile ma vero, quanto a eventi c’è stata più fedeltà nella S1 (pur nel pastrocchio fatto). Lo show è migliorato in generale, da un punto di vista tecnico, però, e ora che questa prima parte è conclusa e siamo in sostanza al punto del libro c’è da augurarsi che nella S3 siano più fedeli alla vera storia. Ovviamente con cambiamenti comprensibili dovuti al cambio di mezzo di narrazione, perché come ho sempre detto alcune cose funzionano sulla carta ma non su uno schermo.

      Purtroppo i VERI Clary e Jace non li abbiamo mai visti sinora. Nella saga sono così poetici (la scena di Clary che, legata e costretta a non poter emettere suoni dalla Runa del Silenzio, si trascina sulla spiaggia accanto al corpo senza vita di Jace e gli si sdraia accanto quasi pensando di lasciarsi morire, per poi rendersi conto che così deluderebbe Jace è splendida), invece nello show hanno perso tutto questo. Speriamo per la S3.

      La morte di Jocelyn non ha avuto ALCUN senso. Ovviamente qui hanno fatto uccidere Valentine a Clary giustificandolo col fatto che lei a causa del padre ha perso la madre (e lui lo dice), ha capito di aver perso suo fratello ancora prima di nascere ed è stata costretta a odiarlo, ha visto quello che è successo a Max, in quel momento ha perso anche Jace…
      Ma in ogni caso non è stata una morte sensata, anche perché come sappiamo nella saga Jocelyn ha un ruolo anche nella seconda trilogia.

      Grazie a te per aver letto e commentato!
      Passa un bell’autunno.
      Ci rivediamo alla S3! 🙂

  3. Eccoci qua con l’ultimo episodio!!!!
    Mi è piaciuto molto, quasi non ci credo che abbiamo rispettato il libro (in parte), già mi aspettavo uno scempio e invece devo dire che sono soddisfatta. Hanno fatto dei cambiamenti ma senza stravolgere troppo le cose. Chi doveva morire ee morto e chi no è ancora vivo. Mi dispiace tantissimo che non ci siano state più scene ad Idris, la battaglia con Shadowhunters e Nascosti in coppia uniti dalla runa di Clary è uno dei miei momenti preferiti in assoluto!
    Magnus l’ho trovato insopportabile fino a metà episodio, si è comportato come una quindicenne in pieno ciclo, gli avrei tirato una sberla… Bella la riappacificazione, ma è stato un momento un po’ freddo, non mi ha emozionata come altri loro momenti. Non capisco poi perché farli mollare così male per poi farli tornare insieme 2 puntate dopo.
    Peccato anche per la scena delle rune di Clary, mi sarebbe piaciuta vedere anche quella!!! Nel commento scorso avevo sottolineato la bravura di Sarah nell’assumere lo stesso tono dell’attrice più giovane, e in questo episodio mi è piaciuta, ma non mi convince come stiano utilizzando la Regina nella serie… Nella recensione hai espresso un dubbio che non avevo ancora considerato, Dio mio spero che non abbiano buttato lì il dettaglio del poter cambiare aspetto di Jebastian per potersi giocare il cambio di attore!!! Vi prego non toglietemi Will Tudor!!!!!
    Concludo chiedendoti una cosa: ho in previsione di rileggere tutta la saga (ammetto di averli divorati e quindi non ricordo molte cose) ma ho letto in giro che si possono leggere i 6 di The Mortal Inst. alternandoli ai libri della saga con Tessa. Mi sapres dire l’ordine??? Grazie mille e appuntamento alla terza stagione!!!

    1. Mi permetto di intromettermi perchè è stata Sam a suggerirmi come leggere la saga e devo dire che è un suggerimento da seguire.
      Dopo i primi 3 libri di The Mortal Instruments, al termine di Città di Vetro, interrompi la lettura di TMI e inizia la trilogia di Tessa e cioè The Infernal Devices composto da L’Angelo, Il Principe e La Principessa.
      Una volta concluso La Principessa puoi completare l’esalogia con gli ultimi 3 libri di TMI. 🙂

    2. Ciao!
      Eccoci qui.

      Concordo con te, il dispiacere è per le splendide parti eliminate, ma anche io sono sorpresa dal fatto che il finale sia stato a grandi linee quello che doveva essere. E il cliffhanger costruito durante tutto l’episodio e mostrato alla fine è stato molto bello e un’ottima idea.
      Inoltre, La scena dell’apparizione di Noi-Sappiamo-Chi, nel finale, è stata proprio bella, ben realizzata.

      Magnus e Alec: per dare un po’ di dinamismo alla coppia e a loro due come personaggi, visto che erano diventati “statici”. Il problema è che avere questo dinamismo hanno fatto andare OOC Magnus.

      La Regina in questa parte non è stata utilizzata bene, ma questo finale ha in un certo senso preparato quello che verrà da parte sua. Il mio timore è che per rendere quello che dovrà essere vogliano utilizzare Simon invece di chi dovrebbero utilizzare, e spero proprio che non lo facciano, perché sarebbe un errore madornale. Quindi spero che Simon sia legato ad altro che si sono inventati di sana pianta. Preferisco questo che il cambio in quello che ho detto, perché non avrebbe alcun senso. Per di più QUEL personaggio è l’unico che, a livello di atteggiamento, è rimasto generalmente se stesso, come davvero è nella saga (anche se non altrettanto altero, autoritario e affascinante) in questa S2.

      Guarda, non credo che vogliano togliere Will Tudor, è dotato di talento, è un’aggiunta decisamente felice al cast e allo show, tutti lo hanno amato da subito, è quello che potrebbe riportare spettatori, soprattutto dalla prossima stagione, quindi escludo che vogliano sostituirlo. Quello che intendevo è che nella loro mania di cambiare tutto hanno creato questo potenziale buco, perché non si sono fermati a pensarci. Capisci cosa voglio dire?

      Giuls ti ha spiegato benissimo come devi leggere i libri.
      In realtà questo è l’ordine di lettura originale, perché dopo “Città di Vetro” Cassandra Clare iniziò a pubblicare “The Infernal Devices”, che concluse ben prima di pubblicare “Città del Fuoco Celeste”, sesto e ultimo libro di “The Mortal Instruments”, per preservare il colpo di scena su Jem presente ne “La Principessa”.
      Quindi effettivamente l’ordine giusto di lettura per la prima volta è “Città di Ossa”, “Città di Cenere”, “Città di Vetro”, poi “L’Angelo”, “Il Principe”, “La Principessa”, per poi continuare TMI con “Città degli Angeli Caduti”, “Città delle Anime Perdute” e “Città del Fuoco Celeste”.
      Io però già dalla seconda rilettura non ho più seguito quest’ordine, leggendoli invece nell’ordine cronologico della storia, ovvero prima la trilogia di “The Infernal Devices” e poi tutto “The Mortal Instruments”.

      Grazie a te di aver letto e commentato!
      Arrivederci alla S3!
      Passa un bell’autunno. 🙂

  4. Shadowhunters mi mancherà, anche con i suoi difetti alla fine ho imparato ad amarlo!
    Il finale complessivamente mi è piaciuto, c’è stata della buna azione e mi è rimasta curiosità di sapere come vorranno affrontare le questioni in sospeso, e la curiosità è sempre una buona cosa quando si parla di finale di stagione.
    Riassunto delle cose che mi hanno fatto storcere il naso:
    – Magnus e Alec, più che come coppia direi come percorso personale dei due: il Magnus del “da qualche parte è comunque l’ora dell’aperitivo” è entrato in sindrome pre-mestruale maschile a metà stagione, rendendomi difficile riconoscere il personaggio che mi aveva colpito all’inizio della stagione; e con Alec per me hanno esagerato nel caricarlo di troppe responsabilità e in parte non mostrando la sua crescita (ad esempio dopo l’inizio della loro storia hanno mostrato molto poco di quanto potesse essere difficile vivere la sua omosessualità in una società che mi sembra di capire essere piuttosto conservatrice). Fondamentalmente penso che in una serie dove lo spazio narrativo a disposizione è più che sufficiente per mostrare un’evoluzione bene caratterizzata (rispetto invece ad un film) dovrei vedere quello sviluppo. Meno carne al fuoco e più evoluzione logica.
    – Jace e Clary, anche qui come singoli personaggi: inspiegabilmente si ostinano a non dare loro spessore, o meglio, lo fanno a tratti per poi ritornare alle vecchie cattive abitudini, mentre quelle volte in cui non vengono trattate come un mister muscolo e una bambolina persino gli attori riescono a dare una prova nettamente migliore.
    – Personaggi inutili, e mi spiace inserire in questa lista anche Max e Luke (oltre alla collega poliziotta di cui nemmeno mi sono sforzata di imparare il nome e che mi fa rimpiangere Lydia). Luke è fondamentalmente inutile, tranne quei rari omenti in cui si ricorda di essere un alfa e di essere l’unico adulto in carica. Lui è stato il parabatai di Valentine e questa cosa non è praticamente stata sfruttata, se non negli scontri diretti; lui è la vera famiglia di Clary e non si vedono mai insieme… e potrei andare avanti… Spero che questa storyline della collega che ha scoperto la verità non lo allontani ancora di più dal gruppo, sviluppando un percorso in parallelo che non ho idea di dove possa andare a finire.

    Però come dicevo la puntata mi è piaciuta e mi ha lasciato con un sacco di domande e teorie.
    Allora, mi sto convincendo che la Regina in realtà non abbia nessun piano in particolare, ma che voglia Simon alla sua corte come animaletto da compagnia, un capriccio dato dal suo essere “speciale” rispetto agli altri. La svolta sarebbe talmente banale che potrebbe essere in linea con le idee deviate degli autori.
    Su Jace non voglio sapere nulla, ho paura che qualsiasi domanda sia troppo spoiler, però sentiti libera di farmi delle delucidazioni sulla mitologia dei romanzi se può aiutarmi a farmi una teoria personale. Per ora sono ferma ad un concetto stile “magic always come with a price” dai miei ricordi di Once.
    Jonathan quindi è stato salvato dai demoni o a questo giro dovrebbe essere andato definitivamente? Nel dubbio (e comunque potrebbe restare molto volentieri nei paraggi per quanto mi riguarda, che ok la trama però molto ok anche Will Tudor) mi concentro sulla mammina… Già a quel “mother” ho avuto un sussulto… mi vuoi dire che stiamo per tirare in ballo quella MADRE con tutte le maiuscole al posto suo? la madre dei demoni della mitologia classica? chiediamo una consonante (L) per capirci?

    Sai che leggo sempre volentieri le tue recensioni, anche in anteprima 🙂 , ma i complimenti non sono mai superflui, quindi: brava Simo!!!!

    1. Ciao!
      Scusa il ritardo, weekend ko.

      Allora, bando alle ciance.
      Su Magnus e Alec hai colto nel segno, su tutto. E infatti nei libri c’è questo suo “essere se stessi in una società retrograda”.
      Io la penso come te: in un tf c’è spazio per tutto, quindi andate più lenti e strutturate meglio il tutto.
      Luke, di nuovo, hai ragione su tutto, soprattutto la parte “È la famiglia di Clary e non li si vede quasi mai insieme”. In realtà hanno un rapporto bellissimo, Luke è un personaggio fantastico.
      Sulla storia della che collega pure io sono “BOH!”
      Jace e Clary, di nuovo, hai detto bene. Due personaggi bellissimi privati della loro notevole profondità.

      Sono contenta che la puntata ti sia piaciuta!
      La Regina Seelie: ho anche quel sospetto, insieme a un altro, ma sarebbe una stupidata incredibile. Quindi, hai ragione, potrebbero farla.
      Su Jace, ti dirò questo: accade qualcosa di particolare dopo la nascita dei bambini Shadowhunter. Un qualcosa di fondamentale e che serve per uno scopo preciso.
      Ora trai le conseguenze.
      Jonathan-Sebastian è morto. Però ha fatto arrivare LEI. Avrà delle conseguenze? Non le avrà? Vedrai.
      Su MOTHER… Tutte lettere maiuscole. Chiedi la consonante. 😉

      Grazie mille! 🙂 E grazie per aver revisionato e commentato! :-*

      1. “Sarebbe una stupidata incredibile, quindi potrebbero farla”: come abbiamo fiducia noi nella direzione di questo show nessuno mai! Ahahahah 😀
        Grazie per la dritta su Jace, perchè effettivamente il cliffhanger per me era abbastanza nebuloso… quindi il fatto che Jace stia così male è dovuto alla mancanza di un qualcosa, dato che con il desiderio di Clary è un po’ come se fosse rinato. La prima teoria che mi viene in mente è che stia in qualche modo “rigettando” il suo sangue angelico, ma fino alla prossima stagione avrò tempo di partorire anche idee migliori.
        Su MOTHER allora io proporrei una certa madre dei demoni il cui nome inizia per L e se così fosse non vedo l’ora!

        1. Sì, indubbiamente la nostra fiducia è incrollabile. XD

          Su Jace, ecco hai colto: la mancanza di qualcosa, perché è come se fosse ciò che hai detto.
          Vuoi sapere se la tua prima teoria si avvicina o meno?

          Su MOTHER fai una proposta interessante. E la consonante iniziale del nome confermo essere giusta.
          😉 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.