Scream Queens | Recensione 1×03 – Chainsaw

Ed eccoci qui a commentare la terza puntata di Scream Queens, divenuta in pochissimo tempo il mio faro di speranza e dose inesauribile di risate in questi uggiosi pomeriggi autunnali.

Prima di passare al commento di Chainsaw, parliamo un attimo dei risultati del debutto di settimana scorsa e dell’accoglienza della serie da parte del pubblico. Lo show ha, sì, avuto un’accoglienza più tiepida del previsto (considerata la massiccia campagna pubblicitaria) sul canale Fox ma è andato benone su altre piattaforme. Non che gli ascolti siano sempre sinonimo di qualità, la mia opinione sulla serie sarebbe rimasta la stessa in ogni caso, ma dal momento che è stato definito da molti “un fiasco a livello di ascolti” penso sia bene precisare che, no, non è andata esattamente così.

Tuttavia, a mio parere il più grande successo di Scream Queens è stato il suo effetto sui social network: sarà stato l’hype creato ad hoc, la scelta di un cast noto soprattutto ai giovanissimi, sta di fatto che la serie è stata twittatissima sia durante che dopo la messa in onda, ha creato forti dibattiti e prese di posizione, sia pro che contro. Personalmente, se fossi il creatore di uno show televisivo, me la prenderei molto di più se il prodotto non suscitasse reazioni particolari piuttosto che avere pesanti critiche da una parte ma anche manifestazioni di forte entusiasmo dall’altra.

Significa che è un prodotto che la gente ama oppure odia. Ha una personalità, colpisce, in un modo o nell’altro.

Certo, continuo a stupirmi delle critiche del tipo “è assurdo, trash e senza logica”.

Ma dico, voi l’avete vista la sigla? Veramente vi aspettavate che fosse una cosa seria?

A mio parere esistono due tipi di trash: c’è quello voluto, fatto con intelligenza e ironia; poi ci sono le fiction con Gabriel Garko.

Personalmente credo che tutti abbiano bisogno di una certa dose di trash nella propria vita, e chi non lo ammette o è un bugiardo o una persona estremamente noiosa. Questo è il motivo per cui diffido di chi non è capace di godersi del sano trash una volta ogni tanto.

Ma passiamo al commento vero e proprio.

– La nuova mascotte Coney era già abbastanza ridicola di suo. Poi è arrivato Red Devil e ha deciso di decapitarla con una motosega. Ovviamente ho trovato la scena esilarante nel suo essere assurdamente splatter.

Promemoria: mai rubare il posto di lavoro a un efferato serial killer.

Denise è ormai nell’Olimpo dei miei personaggi preferiti. La trovo spassosissima e per un attimo ho persino seguito i suoi ragionamenti riguardo Zayday e mi ha fatto quasi sospettare di lei. Se alla fine venisse fuori che lei ha trovato l’assassino prima di tutti fate una statua a questa donna.

Grace, che dovrebbe essere la protagonista, in realtà mi dice molto poco ed è stata praticamente assente per gran parte della puntata. Ma poi ho pensato: e se quest’assenza volesse dire qualcosa? Dov’era Grace mentre i due Red Devil facevano a fette i ragazzi della confraternita? Perché lei è l’unica che se ne va in giro da sola e non le succede mai nulla?

Se poi aggiungiamo che suo padre inizia a sembrarmi alquanto creepy, fa discorsi che hanno quasi il sapore di una confessione e, come se non bastasse, ha proiettato Texas Chainsaw Massacre proprio quando il serial killer decide di diventare un novello emulatore di Leatherface, inizio a sospettare della coppia padre-figlia e sono ormai quasi certa che la ragazza morta nel 1995 fosse la madre di Grace. E, se da una parte è vero che Red Devil (uno solo, e l’altro?) ha attaccato il padre di Grace, è anche vero che lo ha praticamente solo sfiorato quando poco prima aveva amputato arti che neanche i primi venti minuti di Salvate il Soldato Ryan.

– Finalmente il personaggio di Lea Michele ha un senso. Nella precedente recensione avevo detto che ero un po’ delusa dal suo personaggio e che mi sembrava fosse troppo in ombra. Sostanzialmente, mi chiedevo perché scegliere un personaggio come Lea Michele e poi darle un ruolo che avrebbe potuto interpretare chiunque altra.

L’idea di far diventare Neckbrace una delle Chanel non è solo una trovata divertente, ma ci sta perfettamente considerato il genere e i suoi punti di riferimento. La tematica del Makeover (in parole povere: la classica liceale bruttina che, sotto l’ala delle ragazze più fighe della scuola, torna in classe il giorno dopo come una persona completamente differente) è ricorrente in molte comedy, tra cui Mean Girls e Jawbreaker.

In particolare Scream Queens mi ricorda molto quest’ultimo, stesso humor nero e politicamente scorretto, anche lì abbiamo il gruppetto di ragazze popolari che commettono un omicidio involontariamente e in maniera assurda e cercano poi di coprire il tutto, abbiamo la sfigata che diventa strafiga, la cattivissima Ape Regina (interpretata da Rose McGowan). L’ho trovato una sorta di “tributo” a questo genere (come è palese il tributo a Texas Chainsaw Massacre) e mi è piaciuto molto, segno che la serie non è solo “assurda” ma c’è anche una motivazione dietro determinate scelte.

Se la serie seguirà il copione prestabilito, dopo il Makeover l’Ape Regina perderà il controllo della sua “creatura” e si troverà ben presto minacciata e, chissà, magari anche rimpiazzata da quella che non avrebbe mai e poi mai preso in considerazione. Ne vedremo delle belle.

– Inutile dire che le scene tra Emma Roberts e Lea Michele sono state esilaranti e mi piace molto la chimica tra le due. Continuo a pensare che Emma Roberts sia perfetta per interpretare Chanel, non immagino nessun’altra al suo posto.

Certo, fossi in lei avrei paura di rimanere “intrappolata” in questo cliché dal momento che il personaggio di Chanel ricorda sotto molti aspetti quello di Madison Montgomery, interpretato dalla Roberts in American Horror Story: Coven, sempre di Murphy. Senza contare che già di suo ha quel nonsochè di “antipatico” e un po’ snob: è magra, bionda, ricchissima, sua zia è tipo il simbolo delle commedie romantiche e nel mondo del cinema ci è praticamente cresciuta. Insomma, è raccomandata ma pure brava e come se non bastasse stava con Evan Peters: lei gli ha rotto il naso, lui l’ha perdonata e le ha chiesto di sposarlo.

Sostanzialmente, Emma Roberts non interpreta Chanel, lei è Chanel.

Chad è più Primadonna di Chanel. Lo amo, il suo personaggio mi diverte da morire e mi divertirebbe ancora di più non mi venisse in mente che ci sono uomini veramente così egocentrici in giro.

– La sequenza dei ragazzi della confraternita che vengono affettati da Red Devil con il sottofondo musicale dei Backstreet Boys è stata la cosa più assurda e totalmente geniale che io abbia mai visto in vita mia. Tutti vestiti di bianco come nel video, la nebbia, che andavano incontro alla motosega di Red Devil con delle mazze da baseball, braccia a destra e a manca…so che chi di voi ha visto la puntata mi capisce. Ancora non ci credo che l’abbiano fatto davvero, non so il perché, e non mi interessa. Tutto questo è meraviglioso.

Cordelia Chase si è sposata e ha avuto una figlia, che è Ariana Grande??

– La Munsch è sempre più fuori di testa e sempre meno adatta a gestire un college pieno di studenti in pericolo di vita, ma non credo che sia lei ad aver tentato di uccidere Gigi, anche se, effettivamente, ci sono alcune coincidenze che giocano a suo sfavore.

– In questa puntata abbiamo avuto la conferma che i killer sono due: anche questo, un tributo alla saga slasher più famosa del mondo, Scream, in cui gli assassini agiscono sempre in coppia o dobbiamo aspettarci che a impersonare Red Devil siano più di due persone? Non credo personalmente, ma ormai mi aspetto di tutto da questo show.

– Giuro che sto seriamente pensando di mollare l’università per aprire un canale Youtube in cui recensisco le mie Yankee Candle.

Come avrete capito, la puntata mi ha convinta e sono ormai una fan sfegatata di quest’ultima folle creazione della coppia Murphy-Falchuk. In questa puntata ho trovato tanti piccoli tributi al genere horror e comedy, di cui lo show è un mix, e devo dire che mi sono divertita molto a cercare tutti i riferimenti e le citazioni disseminati nell’arco dell’episodio. La mia opinione rimane sostanzialmente la stessa: non si tratta di uno show impegnato, non viene dato spessore psicologico ai personaggi ma vengono rappresentati più come delle macchiette (cosa ovviamente voluta e non dovuta a errori nella scrittura) e il trash raggiunge talvolta livelli talmente alti da risultare insopportabili per alcuni spettatori. Ma questo è il bello dello show, che è voluto, deve essere così, over the top, esagerato.

Come ho già detto, lo show è un buon prodotto nel suo genere, ma non può essere preso troppo sul serio: pretendere da Scream Queens una profonda analisi psicologica dei personaggi e messaggi impegnati e dire che “fa schifo” perché non ci sono sarebbe come andare in un ristorante vegano e lamentarsi perché non hanno la fiorentina.

Prima di chiudere vi invito tutti a mettere un bel like alle pagine Emma Roberts Italia e Scream Queens-Italia e vi lascio il trailer del prossimo episodio.

Alla prossima settimana!

12 comments
  1. Recensione figherrima! Sinceramente mi sta piacendo come serie anche se trovo frustrante dover aspettare una settimana tra un episodio e l’altro, è come interrompere Scary Movie sul più bello e dire “No, aspetto un po’ prima di andare avanti”. Il trash continua ad esserci e a valangate, I LIKE IT! E adoro all’inverosimile tutti i personaggi stereotipati che continuano a propinarci!!! Cordelia come guest star????? Ho fangirlato a bestia!!! Come anche ho adorato il richiamo ad Arancia Meccanica durante la scena con i Backstreet Boys in sottofondo! Una parodia fantastica!!!

    1. Grazie mille 🙂
      Inutile dire che anche io la sto adorando, con il suo trash, lo humor nero, le continue citazioni a comedy o film horror noti…niente, per me è geniale. Anche io sono tornata improvvisamente ragazzina quando ho visto Charisma Carpenter XD E’ sempre strano vedere gli ex protagonisti di Buffy fare altre cose, per me rimarranno per sempre i loro personaggi, non riesco a vederli credibili nell’interpretare altro.

  2. Questa serie sta annullando poco a poco tutti i neuroni del mio cervello. La adoro. Re indiscusso dell’episodio è Chad. Il suo ragionamento sul suicidio/omicidio di Boone non fa una piega, non lo facevo così sveglio, lo ammetto XD
    Questa dose di trash a metà settimana rende la mia vita bellissima!

  3. Sulla scena con il sottofondo di Everybody mi sono alzata dal divano e ho iniziato ad applaudire (con mia madre che mi guardava sempre più consapevole di avere una figlia scema)! Semplicemente geniale.
    Lea a dir poco sublime, concordo con te, era ora che iniziasse ad emergere!!!
    E che dire di Chad? Basta guardare un po’ un altro trash made in Italy (uomini e donne) per capire che non è poi così lontano dalla realtà e dallo stereotipo del “maschio” moderno!!!
    Recensione TOP!!!

  4. Recensione perfetta per un altro episodio fantastico. Nel corso di questa settimana se ne sono dette di tutti i colori su Scream Queens, ma per il momento è l’unica nuova serie di questo autunno ad avermi convinto al 100%. Finalmente il personaggio di Lea Michele sta venendo fuori, mentre la Roberts resta sempre la mia preferita. Settimana scorsa avevo sospettato del padre di Grace, ma qui davvero ognuno dei personaggi ha qualcosa che gioca a suo sfavore e lo rende un possibile sospettato. La scena dei ragazzi che con le mazze da baseball affrontano Red Devil, con tanto di Everybody in sottofondo, penso sia una genialata al livello dell’omicidio di Ariana Grande nello scorso episodio. Insomma, finché ci saranno chicche di questa portata, io amerò alla follia questo Scream Queens tanto criticato dal pubblico che, probabilmente, non lo ha capito fino in fondo.

    1. Grazie mille 🙂
      Effettivamente è vero, gli autori sono molto bravi a destabilizzare e confondere lo spettatore facendo in modo che l’identità del killer resti ancora un mistero. Il padre di Grace (ma anche Grace stessa) continua a essere il mio sospettato numero 1, ma devo dire che sospetto anche di Chanel: il suo incontro con Red Devil ci è stato solo raccontato ma non l’abbiamo visto accadere, e questo mi ha fatto sorgere qualche dubbio.
      Lo show è stato pesantemente criticato, ma penso che questo abbia anche dei lati positivi: far discutere è già un successo, significa che comunque ha suscitato forti reazioni nel pubblico. Tuttavia sì, penso che in molti non l’abbiano proprio capito e non abbiano capito il tipo di humor, oltre a chi ovviamente non gradisce il genere.

  5. alla scena dei Tirati a Lucido (originale come nome eh) 😛 avevo gli occhi a cuoricino. cioè quella sequenza + sottofondo musicale dei Backstreet Boys??
    LEGEN-wait for it-DARY!!!

    questa serie è pazzamente, trashamente geniale! tiè mi invento pure le parole 😀

    grazie Murphy e Falchuk, e grazie a te per le tue recensioni 😉

    ciao alla prossima

    1. Grazie a te per i complimenti!
      Le perle trash che ci regala sono fantastiche, sono d’accordo. Peccato non sia capita da molti!

  6. Posso farti una statua?? Ero ancora un po’ indecisa su questa serie, ma la tua recensione me l’ha fatta apprezzare appieno. Anche io come te penso che chi non riesca ad apprezzare un minimo di ironia, sia una persona noiosa. Come te, ho adorato la parte con la canzone dei BSB. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.