Image default
Recensioni Riverdale

Riverdale 3×08 – Svelato il mistero del Gargoyle King

Questo episodio di “Riverdale” ci ha portato a due grandi scoperte.

Innanzitutto abbiamo finalmente conosciuto il resto della famiglia Jones, Gladys e Jellybean. Quando è stata annunciata per la prima volta l’entrata in scena di Mama Jones il mio entusiasmo non era alle stelle, molto semplicemente perché la vedevo come una minaccia al coronamento del grande amore tra Alice e FP – e sapete quanto tenga a questa ship e a quest’uomo in particolare (come potete leggere qui). Vista però la scarsissima lucidità mentale dimostrata da Alice negli ultimi episodi, ho accolto Gladys sullo schermo con tutte le buone intenzioni, e il suo personaggio mi è piaciuto. Le dinamiche della famiglia Jones non sono facili, con i figli che rinfacciano ai genitori il rispettivo “abbandono”, ma da entrambe le parti rimane quel forte senso di appartenenza e di protezione, eredità dei Serpents. Ho avuto una sensazione strana sull’addio tra Gladys e FP, come se ci fosse qualcosa di non detto, forse qualche altro segreto carpito a Penny Peabody… staremo a vedere, ma ammetto che, contro ogni previsione, aspetto di rivedere sullo schermo Mama Jones.

Secondo fatto, decisamente più rilevante, è stata la scoperta della verità su Gryphons and Gargoyles.

Come sempre mi trovo divisa. Da una parte sono entusiasta della spiegazione che hanno dato sull’origine del gioco, il fatto che venga dall’alienazione e che riesca a portare alla stessa pazzia chiunque vi entri in contatto. Sapendo poi che le Sorelle della Quiet Mercy sono state nel corso degli anni un ricettacolo di grandi menti contorte, mi piacerebbe scoprire in futuro chi sia stato l’ideatore e chi per primo abbia portato il gioco fuori dalle mura della “fortezza”. Dall’altra parte invece mi ritrovo sempre un po’ confusa su questo voler eleggere Hiram Lodge a villain supremo della serie. Continua a farmi molto ridere questo malefico piano di conquista di Riverdale che si trascina dalla scorsa stagione, che pare il centro del mondo quando in realtà sono quatto case e due capre; insomma, le parole “apocalisse” e “regno” mi sembrano un po’ eccessive, così come isolare la città dal resto del mondo. Hiram Lodge dovrebbe un po’ ridimensionare le sue prospettive. L’ironia si spreca anche sul ribaltamento del clichè dei clichè telefilmici, con Veronica che viene minacciata di essere esiliata a New York mentre lei lotta per restare nella cittadina di campagna, che la povera Blair Waldorf si starà rivoltando nella sue lenzuola di raso.

Rimango della mia idea sul fatto che Lodge stia sfruttando G&G per arrivare ai suoi scopi, e qui, secondo me, le opzioni possono essere solo due: o Hiram è davvero il Gargoyle King (come vogliono farci credere), quindi ha scelto di vestire i panni di questo essere mitologico per dare sfogo alle sue manie di grandezza, oppure è un sottoposto del vero mostro, che a sua volta partecipa al gioco e ha deciso di sottoporsi a questa grande farsa in cambio di qualche ricompensa. Come è ovvio, propenderei per la seconda opzione, se non altro per dare una svolta alla trama.

In tutto questo rimango comunque allibita dall’apparente imbattibilità di Hiram Lodge contro cui nessuno può niente, che finchè si tratta di quattro liceali con l’ormone ballerino mi sta anche bene, ma che nessun altro trovi modo di opporsi… Alice, FP, Fred, questo governatore?? E Hermione che ormai mi fa solo pena. Ma cosa vi ha promesso? Pizza infinita senza ingrassare un etto? Bah…

E torniamo alla buone vecchie abitudini con la TOP 3 della settimana:

  • I piani di fuga si confermano il punto forte di “Riverdale”, e anche in questo caso hanno dato il loro meglio. Betty in questo episodio mi è piaciuta, nulla da dire: più la madre diventa rintronata, più la ragazza si fa decisa. Almeno una deve tenere alto l’onore della famiglia.
  • Metto anche Veronica in top, perché dopo il tentennamento della scorsa settimana ha ripreso le redini della situazione e sta tenendo testa ai genitori. Bello il modo in cui riesce sempre a radunare il gruppo e a mettere in piedi queste task force improbabili. Merito anche di un Reggie che sta uscendo dall’ombra (in cui invece rimangono sempre relegati Josie e Kevin) e di una Cheryl che torna brillantemente alla ribalta con dichiarazioni di guerra gridate con stacchi di coscia pazzeschi e torture allo sciroppo d’acero che non osavo sognare nemmeno nelle mie più alte fantasie.
  • Un pezzo di cuore a Fred Andrews, che nella sua semplicità è riuscito a commuovermi nonostante l’idiozia del figlio Trota.

Prepariamoci alla lunga pausa natalizia con il trailer della 3×10, “No Exit”: ci prepariamo alla guerra, all’incontro ravvicinato con il Gargoyle King e forse ad una nuova liaison…

Sarà lunga, lo so, ma potrete affogare il vostro dispiacere in tonnellate di pandoro con la crema e litri di vin brulè, ricordandovi magari di passare da queste pagine per non sentire troppo la nostalgia. Nel frattempo buon Natale e buon anno!

LILI REINHART ITALIA

RIVERDALE – ITALIA

Related posts

Scream Queens | Recensione 1×08 – Mommie Dearest

Francesca_Giorgino

Dexter | Recensione 6×01 – Those Kinds of Things

JaneRizzoli

Victoria | Recensione 2×03 – Warp and Weft

WalkeRita

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv