Ringer | Recensione 1×02 – She’s Ruining Everything

Il ritorno in tv di Sarah Michelle Gellar, ormai un’icona nonostante la sfortunata carriera televisiva e cinematografica post-Buffy, non ha riscosso il successo sperato sia in termini di ascolti che in termini di critica: questo episodio cala ulteriormente rispetto al primo totalizzando circa 2.000.000 di spettatori e fa temere la chiusura dello show se le cose non dovessero migliorare o almeno stabilizzarsi. Nonostante ciò la serie si lascia seguire e promette buoni sviluppi futuri. Bridget (Sarah Michelle Gellar), nei panni di sua sorella gemella Siobhan, è sempre più immersa nel ruolo che sta recitando (tanto da rimandare la fuga concordata con il suo sponsor), e lo fa così bene da non far destare sospetti in merito allo scambio di persona avvenuto e da farsi ben volere molto più di quanto faceva sua sorella, che da quel che si è detto e visto sembra essere un tipo piuttosto freddo e calcolatore. Intanto la donna è impegnata anche a sviare l’attenzione dell’agente Machado (Nestor Carbonell), che la tampina in cerca di risposte credendola Siobahn, e ad occultare il cadavere dell’uomo che aveva ucciso per autodifesa nel precedente episodio, il cui obiettivo sembrava essere proprio sua sorella che nel frattempo si è nascosta a Parigi.
“Ringer” si dimostra essere una serie promettente e gradevole nonostante alcuni difetti ed errori grossolani evitabili: se infatti si nota subito che i personaggi di contorno, su tutti la migliore amica Gemma (Tara Summers) e suo marito fedifrago Henry (Kristoffer Polaha), rispettivamente migliore amica e amante della “gemella cattiva”, sono ancora abbozzati e non rendono ancora quanto potrebbero, è da menzionare anche l’eccessiva velocità con la quale si risolvono scene potenzialmente interessanti (il telefono che squilla nel baule per citarne una) che non fanno altro che diminuire la tensione di un prodotto che invece dovrebbe offrirne a piene mani dato che gioca su un furto di identità. E inoltre: come fa una donna minuta come Bridget a mettere in un baule il cadavere di un uomo che sarà pesato almeno un’ottantina di chili?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.