Revolution | Recensione 1×19 – Children of Men

tumblr_mnnx4gygHh1ro2oibo1_500C’è una bella differenza tra una serie con del potenziale e una serie con del potenziale sputtanato: la prima è quella in cui aspetti costantemente il turning point, sai, sei certo che succederà qualcosa di grosso a scombinare la carte in tavola e potrai dire a te stesso (e allo schermo del tuo pc) “Avevo ragione io, questo telefilm è figo!” (alcuni validi esempi: Bates Motel, Falling Skies).

Nella seconda tipologia rientrano tutti quei pilot che guardi a settembre o gennaio, convinto di trovare la next big thing dell’anno e invece ti lasciano con quel senso di “si, non male, ma è come se mancasse qualcosa” che ti trascini dietro per cinque/sei episodi finchè non decidi di farla finita con quello strazio e decretare la morte cerebrale della serie in questione (alcuni validi esempi: Flashforward, Terranova e, di recente, Hemlock Grove, anche se non sono ancora riuscita a staccare la spina perché mi sono presa una specie di cotta adolescenziale per Bill Skarsgard).

A questo punto, inviterei chiunque abbia classificato Revolution nella seconda categoria a praticare un energico massaggio cardiaco e riportarla immediatamente in pole position tra le serie da vedere/recuperare. A costo di risultare ripetitiva, questa seconda parte della stagione di Revolution è esattamente come avevo pensato questa serie dovesse essere quando ho visto i promo più di un anno fa: ottimi personaggi, adrenalina, azione e misteri a palate.

“Children of men” è l’anticamera di un finale di stagione che si prospetta veramente interessante: i nostri protagonisti sono stati tutti messi di fronte ad importanti scelte e le loro decisioni saranno determinanti per il futuro della Repubblica di Monroe e del mondo intero.

Ormai tutti sono arrivati alla Torre, il misterioso bunker sotterraneo che cela i segreti riguardanti il blackout e la festa può ufficialmente cominciare.

Ci eravamo lasciati la scorsa settimana con una disperata Rachel, ottenebrata dalla vendetta, disposta a farsi saltare in aria pur di uccidere il Kings Slayer…ehm…Sons Slayer Monroe. Come prevedibile, il suo attentato suicida non va a buon fine e Monroe decide di sfruttare la donna per riuscire ad entrare nella Torre (visto che Randall Flynn sembra avere qualche difficoltà).

Il dittatore e il suo seguito si avventurano nelle viscere della terra con spavalderia, ma non avevano calcolato il caloroso comitato di benvenuto organizzato dagli inquilini della Torre, che li accolgono con potentissimi fucili elettromagnetici sbriciola – carne.

Monroe e Rachel riescono a sfuggire al massacro nascondendosi in una stanza blindata: i migliori momenti dell’episodio sono quelli che vedono il sanguinario soldato e la madre sofferente confrontarsi una volta per tutte. Rachel è glaciale, piena di rabbia, risentimento e vomita addosso a Monroe la colpa di tutto quello che è successo, quando enormi responsabilità sono anche sulle sue spalle (i flashback ricordano che sono stati Rachel e Ben Matheson gli artefici primi del blackout e della catena di eventi che ha condotto alla tragica morte di Danny).

tumblr_mnm430G3NI1qfjlsko2_250

La reazione di Monroe non è quella arrogante e boriosa che potremmo immaginare: senza dubbio l’uomo è prigioniero in un labirinto sotterraneo con l’unica persona che può salvargli la pelle, quindi non gli conviene farla incazzare più del dovuto, ma quella di Monroe è un’inattesa, sincera confessione, l’ammissione di aver perso il controllo si tutto, di essersi lasciato trascinare e di non aver mai voluto che qualcosa di male accadesse a Rachel e alla sua famiglia.

tumblr_mnmpmzM6LR1qfjlsko10_250

Monroe riesce finalmente a fare un serio esame di coscienza: la consapevolezza di non essere più in grado di gestire le cose è partita, secondo me, dopo l’assassinio dell’amico e collega Jeremy Baker e si è sfogata di fronte all’odio di Rachel.

I casi sono due: in una prima ipotesi, Monroe realizza definitivamente di essere rimasto solo, di non avere speranza di sopravvivere se non facendo nuove, seppur precarie, alleanze.

In sostanza, Monroe si è anche reso conto di aver fatto degli sbagli, ma più che altro è il suo fortissimo istinto di autoconservazione che lo porta a fare dei passi verso i propri nemici. Basta ascoltare il bellissimo discorso a Rachel sul suicidio per capire che il biondo dittatore non vuole morire.

tumblr_mnm396kWMe1qfjlsko6_250

Seconda possibilità, la scoperta di avere un figlio l’ha portato a riscrivere le sue priorità, avviandolo verso un percorso di redenzione, che lo avvicina a coloro che ha ferito, nel tentativo di riscattarsi.

Sarà il season finale a rispondere a questo dilemma sulla vera natura di Monroe, dato che lo aspettano al varco alcune scelte importanti (impedire o meno a Rachel di porre fine al blackout, soluzione violenta o ragionevole degli unfinished business con Miles).

tumblr_mnksw49ak11rayvz3o1_250

Nel frattempo, Miles, Charlie, Nora e il ritrovato Aaron sono riusciti ad entrare nella Torre, lasciando indietro Tom e Jason Neville nel mezzo del fuoco nemico.

tumblr_mnnv7hFz611qfjlsko3_250

Dopo aver fatto anche loro la conoscenza degli ospitali abitanti della Torre ed essersi ricongiunti a Rachel, il gruppetto viene catturato e condotto al cospetto del Ben Linus di turno, Dan, vecchia conoscenza di Rachel.

Revolution 1x19

Questi misteriosi “Others” sono le persone che lavoravano nella Torre e che, dopo il blackout, erano stati dati per spacciati da tutti. Incontriamo nuovamente anche Grace Beaumont, sotto l’ala protettrice del leader Dan (quindi era lui l’assassino emerso dall’ascensore insanguinato nel finale della 1×16). Questi uomini si sono autoproclamati protettori della Torre e vogliono impedire a chiunque di raggiungere il livello 12, dove presumo si trovi il meccanismo per riaccendere la luce e, forse, anche molto altro.

tumblr_mnilbwl0zJ1s0k73wo1_250

E’ proprio Grace a lasciarci a bocca aperta con una rivelazione bomba: riportare l’energia potrebbe avere un pericoloso e letale effetto collaterale. Dare fuoco al mondo intero. Cioè? Che cosa vuol dire?

E soprattutto, Rachel ne era perfettamente a conoscenza. Dunque mamma Matheson è disposta a correre il rischio di incenerire tutto il globo pur di completare la sua vendetta contro il Sons Slayer? O c’è altro nell’agenda della dolce mammina?

Nonostante il centro dell’azione sia dentro la Torre, anche chi è rimasto fuori si sta dando da fare: padre e figlio Neville, catturati dalla Militia, riescono a far leva sul terrore e malcontento delle truppe di Monroe, accendendo la scintilla di una rivolta.

Che l’ambizioso Tom Neville avrebbe cercato di sedersi sull’Iron Throne di Monroe era da tempo nell’aria e, da scaltro doppiogiochista quale è, ha scelto il momento di maggiore confusione e panico per sferrare il suo attacco.

La Repubblica di Neville riuscirà a costituirsi? Sarà dalla parte dei buoni o diventerà anche peggiore della tirannia instaurata da Monroe? Ma soprattutto, ci saranno ancora dei territori su cui governare dopo che Rachel avrà riportato l’energia, ammesso che riesca a superare l’ostacolo Dan e tutti i suoi cannoni elettromagnetici?

Manca poco ad avere tutte le risposte. Il finale di stagione di Revolution andrà in onda lunedì 3 giugno e da queste poche immagini credo sarà epico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.