Pagelle Ignoranti | Week #5

Buona domenica e bentornati al nostro appuntamento settimanale con le pagelle ignoranti. Come si sono comportati i nostri personaggi preferiti nel corso della settimana appena trascorsa? A giudicare le loro prestazioni, oltre a me, ci sono Celia, Bravissima6, Rowhick, The Lady and the Band, Aniel, ChelseaH, e WalkeRita. Ma partiamo subito!

pagelle ignoranti

Kara Danvers (Supergirl): Si mette in testa di voler imitare suo cugino Clark Kent, ma finisce piuttosto per ricalcare le gesta del mitico ragionier Ugo Fantozzi. Distrugge tutto ciò che tocca, mette a repentaglio una marea di vite, fa più danni dell’uragano Katrina e riesce a farsi odiare più di José Mourinho in uno Juventus club. La sua prestazione cambia totalmente quando decide di smetterla con navi e aerei ed iniziare a salvare i gattini (o serpenti) sugli alberi. Che sia quella la sua vera vocazione? #BeautifulDisaster
VOTO: 5-

aaa

Meredith Grey (Grey’s Anatomy): È la cattiveria fatta persona, roba che Satana se la sta facendo sotto per paura di perdere il posto. Egoista a livelli master, sadica e priva di ogni briciolo di pietà. Prende quella povera malcapitata di Penelope sotto la sua ala per dimostrare, più agli altri che a se stessa, di saper essere superiore, ma fallisce miseramente, perché l’unica cosa che le riesce benissimo è serbare rancore, oltre a sputare sentenze su tutti. Pensa di essere al centro del mondo per tutti e rimprovera proprio quell’unica persona che le ha permesso di entrare in quell’ospedale, nonostante tutto. L’inferno gelerà a breve perché ha riconosciuto che Amelia aveva ragione, ma non durerà a lungo perché di lì a poco maltratterà persino Alex, l’unico al mondo che ha il fegato di sopportarla. Inutile dire che sulla sparata di Callie ero in piedi a fare la ola che neppure su una rete da centro campo della Juventus avrei fatto! #IlCentroDelMondoNonSeiTu
VOTO: 5 per essere ritornata sui suoi passi a fine episodio!!!

a2

Olivia Moore (iZombie): Sono sempre più convinta che gli zombie mangino tanti cervelli senza però mettere mai davvero materia cerebrale! Liv ha sempre stalkerato Major come una gatta in calore per poi farsi prendere da attacchi ipocondriaci proprio quando ciò che ha sempre bramato viene a bussare alla sua porta di casa. Convinta che la parola amicizia possa abbattere qualsiasi sentimento, la utilizza convinta di placare i bollori suoi e del suo ex. Qualcuno spieghi alla ragazza che se un uomo rinuncia al sesso per i suoi attacchi ipocondriaci vuol dire che la parola amicizia è qualcosa di blasfemo in quella situazione. Invece di mangiare cervelli di persone stravaganti, perché non decide di mangiare il cervello di una persona intelligente?! Magari riuscirebbe a capire che la sua coinquilina è una pazza assoluta. #DateleUnCervelloDecente
VOTO: 4

200_s

Richard Webber (Grey’s Anatomy): È consapevole che l’ospedale accoglierà la donna in parte responsabile della morte di Derek ma non dice nulla a nessuno dei familiari e, quando gli si fa notare che non è stato il comportamento migliore, ha anche la baldanza di paragonare quell’ammissione a quella della figlia della propria ex. #ceraunavoltalacoerenza
VOTO:3 perché non cambia mai!

boaao

Laurel Lance (Arrow): Mi è capitato di voler vedere morire in modo violento molti personaggi. Ma questa volta è diverso, questa volta è questione di sopravvivenza. Perché ogni volta che Laurel Lance appare sullo schermo posso sentire una parte del mio cervello spegnersi e morire. Capite? E’ me o lei. Con un livello di utilità pari solo a quello di Matt Donovan e supportata da una recitazione la cui visione a ripetizione è un metodo di tortura in Nord Corea, è come se la carta “Laurel fa una cazzata” fosse un jolly giocato dagli autori quando non sanno come proseguire la storia. Infatti, anche in questa puntata sono dovuti intervenire a risolvere i problemi causati dalla sua esistenza. Mentre la brava Laurel si lagnava sullo sfondo chiedendo di non essere giudicata, in tutto questo lei sparava a zero su Oliver e io piangevo metà del mio QI. E mentre non capisco come l’OMS non si sia ancora accorta del pericolo che questo personaggio rappresenta per la salute della popolazione, spero di vedere presto Katie Cassidy in uno show in cui possa esplicare tutto il proprio potenziale come attrice, la nuova serie di Manuela Arcuri e Gabriel Garko #IlCanarinoEIlGatto. SPOILER ALERT: Il gatto si sazia.
VOTO: -∞

die-die-die-gif

Jane Gloriana Villanueva (Jane The Virgin): Quando era ancora una bambina, Jane Gloriana Villanueva si faceva di acidi… di quelli potenti. La neomamma ha attraversato un momento di indecisione da fare invidia a The Vampire Diaries ma con un risultato a dir poco sconcertante. Jane, ma perché? Perché Michael? Perché scegliere il pesce bollito quando nel menù hai a disposizione un bel piatto di manzo al sangue? Robe che nemmeno Elena Gilbert nei suoi momenti migliori: almeno lei poteva pur sempre fare free climbing estremo sugli addominali di Stefan. Jane al massimo può giocare a “trova la talpa”. In quel caso, buona fortuna Jane! #DenudiamoRafaelPerFarlaTornareInSé
VOTO: 5

tina

Sally (AHS Hotel): Non capisco se sia un caso di bad makeup patologico, se sia sempre sudata o se pianga sempre. Non capisco nemmeno il senso del suo personaggio, perché dopo cinque episodi sono ancora qua a chiedermi se sia una semplice tossica piuttosto che una prostituta di basso borgo, o magari è solamente una psicolabile di quelle giuste (o un trans? mi è passato pure questo per la testa!). E parliamo del suo vestiario, VI PREGO, in confronto Aria Montgomery è la nipote di Coco Chanel! Un minuto di silenzio per tutti gli animali scuoiati grazie a lei. #linutilitàvesteprada
VOTO: 2

trash

La nuova Hydra (Agents of SHIELD): Ragazzi, non per vantarmi, ma se questo è il livello della nuova Hydra, posso combatterla anch’io come Peggy Carter. Peggiore del miglior tonno sulla piazza, questa giovane Hydra si taglia con un grissino. Talmente d’impatto sia dentro che fuori lo schermo, non riesco neanche a ricordare i nomi dei nuovi cattivoni di questa stagione, per comodità li chiameremo “il dodicenne” (credits to Addison Montgomery) e “il genio del villaggio”. Per quanto riguarda il primo, comincio davvero a capire perché suo padre non lo coinvolgesse negli affari di famiglia, quel ragazzo sarebbe stato in grado di farsi male con una graffetta; per il secondo, l’elettroencefalogramma era talmente piatto che persino la scossa che gli ha dato Bobbi non sarà servita a molto. Guidati da un Ward talmente patetico che non giudico per non sparare sulla croce rossa, comincio a credere che Coulson possa essersi pentito di aver fatto fuori Whitehall e Garrett. #MattMurdochPrestaciFisk #WillyCoyoteFaPiùPaura
VOTO: -15

minions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.