Image default
New Girl Recensioni

New Girl | Recensione 6×09 – Es Good

A volte è più semplice vivere nella paura di veder realizzato qualcosa che ammettere di aver paura e affrontare il problema che ci spinge a commettere solo e continuamente errori. Jess lo sa bene e in questa puntata ci fa capire quanto sia più salutare esprimere le proprie paure il prima possibile e, soprattutto, prima di bere dello strano vino allucinogeno.

In questa puntata di New Girl, Nick e Schmidt si ritrovano di nuovo insieme a testare le loro teorie sul rispetto e il contatto con le altre persone. Nick, infatti, tra discorsi assolutamente insensati e vaghi riferimenti a numeri di telefono di madri di altri, riesce a conquistarsi il rispetto dell’appaltatore di casa di Schmidt che, invece, non riesce proprio a comunicare con lui e i lavori ritardano di settimana in settimana.

Può essere davvero così difficile approcciarsi alle persone e conquistarsi il loro rispetto?

Per Schmidt lo è ed è così disperato che decide di imitare Nick nei vestiti, negli atteggiamenti e nelle relazioni sociali. Inutile dire che è totalmente fuori luogo e, soprattutto, totalmente incapace. Forse perché di Nick non possono essercene due o, probabilmente, perché abbiamo bisogno del nostro Schmidt.

In questo assurdo e strano gioco di ruoli, il povero appaltatore vegano confessa loro che soddisfare tutti i bisogni e i desideri dei propri clienti è proprio una brutta gatta da pelare e che, anche se sono sempre tutti disposti a pensare al peggio, anche lui è solo un essere umano che ha bisogno di essere trattato come tale. Che tenerezza quest’uomo e l’abbraccio di gruppo per consolarlo.

Intanto, Jess e Robby preferiscono combinare un doppio appuntamento e definirsi una coppia aperta e moderna, invece che confessare il loro desiderio di fare coppia fissa. Quindi, mentre Robby cerca di far ingelosire Jess con una donna attraente e molto intelligente, Jess porta con sé un ragazzo greco che non parla la sua lingua e che prepara dello strano vino allucinogeno.

La serata, ovviamente, va malissimo, ma riesce a far esprimere ai due ragazzi quello che davvero vorrebbero per loro. Basta nascondersi dietro la stupida paura di una relazione o la strana convinzione che avere più partner possa essere un gioco davvero esilarante. La verità è che avere una persona con cui condividere tutto e che sappiamo esserci per noi in ogni occasione, senza la pressante angoscia di doverlo condividere con altri, è quello che tutti desiderano. L’amore chiede di essere condiviso da due persone, non di essere mordicchiato in giro da tante labbra e partner diversi, senza riuscire mai a sbocciare pienamente. L’amore richiede l’abbattimento dei muri, delle paure e, a volte, anche di coltivare una felicità che possa essere noiosa. Essere felici può essere noioso e portare persone come Cece e Winston a cercare di intromettersi nelle relazioni incasinate di altri, ma essere felici e amare qualcuno ti fa anche comprendere che non saresti disposto a vedere ed uscire con nessuno al mondo se non con la persona che ami. E anche se tra Robby e Jess ancora non ci capisce cosa ci sia realmente, qualcosa sta nascendo. E per permettere a quel qualcosa di nascere, le paure devono essere affrontate. E, forse, bisognerebbe anche conoscere un po’ meglio la persona che si decide di frequentare. Robby, a questo proposito, non sembra proprio una persona noiosa.

Anche se aspetterò per molto tempo un ritorno della coppia Jess-Nick, dopo questa puntata mi piace la piega che sta prendendo la coppia Robby-Jess. Sarà mai una coppia normale?

Alla prossima puntata!

Related posts

Pretty Little Liars | Recensione 7×09 – The wrath of Kahn

WalkeRita

Arrow | Recensione 3×01 – The Calm

Bravissima6

Arrow | Recensione 1×17 – The Huntress Returns

Salvo88

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv