Minority Report | Recensione 1×03 – Hawk-Eye

Carissimi addicted, questa settimana ho deciso di togliermi il dente fin da subito e di cominciare dagli ascolti, che, come avrete intuito dall’incipit, sono andati una schifezza. Sopportiamo la cosa con stoica rassegnazione e continuiamo a pregare santi, divinità egizie e statuine indù che accada il miracolo.

Passiamo all’episodio, che, neanche a dirlo, è stato migliore dei precedenti (sì, perché ovviamente quando cominci a rassegnarti al fatto che una serie molto probabilmente verrà chiusa è normale che la qualità della stessa aumenti in maniera esponenziale, in modo da rendere il dolore della separazione lancinante).

Il programma Occhio di Falco è finalmente arrivato in centrale e Blake seleziona Vega per affiancare un analista civile del progetto. In questo modo spera di favorirla, perché i federali stanno tenendo d’occhio l’intera operazione e lei potrebbe avere l’opportunità di entrare a farne parte prima di tutti.

Screenshot 2015-10-09 09.02.46 Screenshot 2015-10-09 09.03.09

Arthur invita Dash a trascorrere del tempo con lui, ma quest’ultimo rimane deluso quando scopre che si tratta solo di un tentativo per indagare sulla sua relazione con Vega. Mentre i due conversano hanno entrambi una visione di un uomo di nome Massero, recentemente segnalato da Occhio di Falco come potenzialmente pericoloso a causa dei suoi schemi comportamentali.
Non so a voi, ma a me il personaggio di Arthur sta piacendo sempre di più. Inizialmente mi era sembrato quello più stereotipato, ma andando avanti con gli episodi sta rivelando delle profondità inaspettate, soprattutto per quanto riguarda il suo rapporto con il fratello.

Screenshot 2015-10-09 09.18.06 Screenshot 2015-10-09 09.18.12

Wally ragguaglia immediatamente i due compagni sull’identità del loro presunto assassino: Massero è il capo del settore creativo e la mente geniale che sta dietro la Narcissus, un’enorme compagnia che si occupa di tecnologia. Per identificare la vittima, invece, Vega si trova costretta a chiedere aiuto ad Akeela, che riesce a identificare nell’immagine fornita dalla detective Trevor Maloney, un istruttore di Philadelphia, attualmente in città per allenarsi per una gara ciclistica. La donna avvisa inoltre Lara che Massero è già finito sotto l’occhio vigile di Occhio di Falco per una serie di comportamenti anomali e questo suggerisce alla detective un’idea: se Dash si presentasse come analista civile per il progetto, loro due potrebbero lavorare a stretto contatto e procurarsi una vera copertura e lei non dovrebbe più ricorrere alla debole scusa dell’informatore anonimo.
Quando il Precog le fa notare di non essere neppure in possesso di una vera e propria identità, Lara gli suggerisce di chiedere aiuto ad Arthur. Nonostante il terrore causatogli dall’idea di tornare all’interno del Distretto che lo ha visto prigioniero per molti, lunghi anni e nonostante la disapprovazione di Wally, alla fine Dash cede e aderisce al piano.

Screenshot 2015-10-09 09.21.10 Screenshot 2015-10-09 09.21.15 Screenshot 2015-10-09 09.23.26 Screenshot 2015-10-09 09.34.17

Agatha racconta ad Arthur del cambiamento nella sua visione e di come il detective Vega sarebbe ora presente nel momento in cui loro tre vengono nuovamente rinchiusi nel bagno di latte. La ragazza teme che il governo non abbia interamente rinunciato a loro e che li voglia per un programma segreto, che li tenga lontani dall’opinione pubblica. Quando Arthur le fa rabbiosamente notare la loro impotenza, la loro incapacità di risalire alla fonte della minaccia, Agatha afferma di conoscere qualcuno in grado di aiutarli. Arthur la invita alla moderazione e a valutare bene di chi fidarsi, ma lei sembra essere assolutamente sicura.

Screenshot 2015-10-09 09.35.15 Screenshot 2015-10-09 09.35.20 Screenshot 2015-10-09 09.35.24 Screenshot 2015-10-09 09.35.29

Quando Dash chiede aiuto ad Arthur per avere una nuova identità, questi inizialmente si rifiuta, ma Vega minaccia di chiudere un giro di scommesse illegali da cui l’uomo ricava un discreto guadagno e questi si ritrova costretto a cedere, quasi compiaciuto che il fratello si sia servito della conoscenza dei suoi traffici per ricattarlo. Dash chiede anche ad Arthur di non comunicare la cosa ad Agatha e lui gli mente, sostenendo di non sentirla mai.

Screenshot 2015-10-09 10.02.03 Screenshot 2015-10-09 10.02.15 Screenshot 2015-10-09 10.02.44 Screenshot 2015-10-09 10.03.07

Vega rivela l’identità di Dash ad Akeela, che si sta occupando dei colloqui per Occhio di Falco, perché spera che l’amica la aiuti a fare entrare il Precog nel programma. La donna, pur terrorizzata all’idea di perdere il proprio posto di lavoro, comprende anche l’importanza di ciò che i due stanno facendo e decide di accettare il rischio.

Screenshot 2015-10-09 10.06.19 Screenshot 2015-10-09 10.06.26

Charlie, il contatto di Agatha, è approdato sull’isola sei anni prima, da Sant’Antonio. Agatha gli domanda informazioni a proposito di un certo Lucas Tollin, ma lui afferma di non conoscerlo. La ragazza lo smentisce candidamente, rivelando come sia a conoscenza del fatto che Charlie gli ha sottratto più di un milione di dollari prima di fuggire in quel luogo dimenticato da Dio.
Il personaggio di Agatha mi sta sulle croste in maniera assolutamente allucinante. Nonostante sia teoricamente animata dalla stessa volontà di sopravvivenza e dallo stesso istinto di protezione di Arthur, in lei non posso fare a meno di vedere qualcosa di più meschino e petulante. Sarà solo una mia impressione, ma la ragazza mi sembra la meno stabile dei tre Precog e la possibilità che perda la lucidità e che superi la sottile linea fra bene e male mi pare più che concreta.

Screenshot 2015-10-09 10.14.03 Screenshot 2015-10-09 10.09.51

Akeela esamina Dashiell Parker, la nuova identità di Dash, un ingegnere proveniente da una grossa società. Blake assiste al colloquio, ma non sembra troppo convinto: il ragazzo è troppo nervoso, troppo titubante.
Vega ragguaglia il precog sul loro sospettato: Massero era considerato un genio e aveva goduto di fortuna costante fino ad un anno prima, quando il lancio di un prodotto sbagliato aveva posto fine alla sua ascesa.
Decisi a indagare più a fondo su eventuali connessioni fra Massero e Maloney, i due si recano alla Narcissus, dove incontrano Eli Winford, che comunica loro che Massero quel giorno non si è presentato al lavoro.
Vega e Dash fanno visita all’uomo, che afferma però di non conoscere la vittima. Dash ha una breve visione in cui scopre che il loro sospettato è in cura da uno psicologo. Lara decide che vale la pena parlare con il medico, ma proprio in quel momento riceve una chiamata da Akeela, che la informa che Blake vuole incontrare Dashiell da solo. Akeela ha paura che l’uomo abbia scoperto la verità.
A sorpresa, però, il vero motivo del colloquio si rivela essere un altro: il tenente vuole che Dashiell lo informi nel caso Vega si comportasse in modo da interferire con il programma.

Vega e Dash incontrano il dottor Emory. Il medico aveva cominciato a seguire Massero dopo che quest’ultimo aveva ricevuto la sua promozione. La pressione del nuovo lavoro e il fatto che la moglie avesse una relazione lo avevano portato ad uno stato di terrore e apatia tali da rendere necessario il suo intervento. Vega spera che l’amante di Lina fosse in realtà Maloney, perché questo le fornirebbe il movente che manca. Lina li delude, negando ogni tipo di relazione con Maloney. Comunica inoltre loro che il marito non è in casa, ma al circuito di Jordan, dove ogni prima domenica del mese si tiene una gara.

Vega e Dash si rassegna al fatto che l’omicidio non è premeditato, ma che Massero e Maloney si incontreranno solo una volta, in occasione dell’uccisione di quest’ultimo. In effetti i due cominciano un alterco per colpa di un sorpasso azzardato di Massero, che ha rischiato di ferire l’ignaro ciclista. La conversazione degenera rapidamente in rissa e solo le inaspettate capacità di pilota di Dash permettono a lui e Vega di arrivare in tempo per sventare la morte di Maloney.

Wally costruisce per Dash un braccialetto che gli permetterà di prevedere l’arrivo di una visione tramite la rilevazione della temperatura corporea. Questo dispositivo gli consentirà di allontanarsi da eventuali luoghi affollati e lo aiuterà a passare inosservato.
Proprio mentre lo indossa, Dash ha una visione in cui vede Massero togliersi la vita impiccandosi. Ciò non dovrebbe teoricamente essere possibile, perché il potere dei Precog dovrebbe limitarsi a percepire l’incontro fra un assassino e una vittima, escludendo a priori il suicidio. Questo significa che dietro al suicidio c’è la volontà di qualcun
altro.

Screenshot 2015-10-09 11.21.20 Screenshot 2015-10-09 11.21.45 Screenshot 2015-10-09 11.21.54 Screenshot 2015-10-09 11.22.09

Dash prova a ottenere l’aiuto di Arthur, ma questi si rifiuta di dargli ascolto e, quando il fratello insiste, gli rivela tutto sulla visione di Agatha. Dash si rifiuta di credere a un eventuale coinvolgimento di Vega e Arthur, a malincuore, gli fornisce il nome che desiderava.

Sventato il suicidio, Vega può procedere all’arresto del dottor Emory. Nel corso dell’interrogatorio, la detective lo accusa di aver manipolato i trattamenti a cui sottoponeva Massero per renderlo incapace di comprendere le conseguenze delle sue azioni. Messo all’angolo, il professionista rivela che a chiedergli di aumentare i dosaggi del paziente era stato Eli Winford.

Charlie afronta Agatha, chiedendole di restituirgli il denaro rubato, ma lei rifiuta, affermando che se lo farà lui morirà. L’uomo è ormai prigioniero sull’isola e lei è l’unica che può dargli un aiuto. Charlie si arrende e le chiede cosa vuole in cambio…

Screenshot 2015-10-09 16.41.38 Screenshot 2015-10-09 16.45.14

Come ho già detto in apertura, questo episodio mi è piaciuto più dei precedenti. Certo, siamo ancora lontani dall’eccellenza, ma la storia è scorrevole e anche la trama orizzontale, ora che anche Agatha ha cominciato a fare le sue mosse, sembra ben avviata. La mia paura è, come ho già detto, che la Fox ci lasci sul più bello con l’amaro in bocca e la curiosità di scoprire il destino dei nostri tre Precog. Se non capite la mia diffidenza nei confronti della rete, è evidente che non siete/siete stati fan di quel piccolo capolavoro chiamato Firefly. Lascerò quindi che sia Sheldon a spiegarsi al posto mio.

Con questa spada di Damocle di cancellazione e sventura che pende sulle nostre teste, vi lascio con il promo del quarto episodio.

https://www.youtube.com/watch?v=853EV17WKhI

1 comment
  1. Agatha non mi piace, Arthur è strafottente ma credo che sia solo stanco di essere sfruttato per il suo dono, lei invece ha lo sguardo da pazza, forse il voler proteggere a tutti i costi le loro vere identità la porterà a fare qualcosa di malvagio.
    Dash nelle prime due puntate mi dava un pò sui nervi perché sembrava sempre sull’orlo di una crisi di pianto ma in questa puntata, che mi è piaciuta particolarmente, ha dimostrato che sa farsi valere, sia con suo fratello, sia con i vari sospettati durante le indagini.
    Speriamo che la serie continui, sono davvero curiosa di vedere come svilupperanno la storia e se la visione di Agatha si rivelerà esatta o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.