Minority Report | Il team dà anticipazioni sull’Island Episode e promette un finale soddisfacente

Minority Report Ending

Nell’episodio di questa sera, Minority Report si trasferisce su un’isola: la precog Agatha prevede un omicidio, che porta i fratelli Dash e Arthur, così come la Detective Vega, in quel buco assonnato che è Fiddler’s Neck.

“Vedremo come l’altra metà vive con Agatha” ha detto il produttore esecutivo Max Borenstein durante una recente visita sul set. “Impareremo molto su come si può vivere in incognito in questa società”

minority-report-season-1-ending2

L’ora ci fa dare anche uno sguardo nel passato, quando Agatha “è arrivata su quell’isola e i suoi primi tentativi di fare amicizia con persone che non fossero i suoi due fratelli,” ha detto Laura Regan, l’attrice che l’interpreta. “Ci sarà Agatha-la donna vs. Agatha-la precog. Aveva incontrato un uomo, se n’era innamorata e, a causa della natura di Agatha, non poteva andare come lui avrebbe desiderato, ma nemmeno come avrebbe desiderato lei. Spiega, in qualche modo, quello che è diventata ora – un personaggio un po’ più duro. Potrete vedere un’Agatha più gentile nel passato.”

Nel frattempo, la presenza di Vega rovina la riunione di famiglia. “C’è ovviamente un bel po’ di tensione perché [Agatha] ha previsto che Vega avrà a che fare, in qualche modo, con la cattura dei tre,” ha spiegato il produttore esecutivo. “Quindi non è che averla nel suo piccolo luogo sicuro le faccia fare i salti di gioia.”

Anche se la visione di Agatha la incastra in pieno, Vega “vuole darle il beneficio del dubbio,” ha detto Meagan Good. “La visione di Agatha la disturba. Sa che non potrebbe mai fare una cosa del genere.” Comunque sia, il detective inizia a pensare, “Magari non sapevo qualcosa? E se fosse il Minority Report? E se fosse sbagliato quello che hai tu?”

Ma il vero motivo che ha spinto i tre a quel viaggio su Fiddler’s Neck è il tentativo di salvare tempo dietro le quinte. “Avevamo bisogno di un episodio senza effetti speciali perché siamo rimasti così indietro con lo show,” ha rivelato Stark Sands. “L’intera idea dell’isola è che sia abitata da un gruppo di Ludditi, che ripudiano ogni tipo di tecnologia. Sull’isola non sono ammesse cose tecnologiche, armi, polizia. Sembra di essere negli anni settanta. L’idea è davvero cool, ma il fatto è che ci serviva un episodio veloce da girare, invece di avere due o tre settimane di post-produzione.”

Parlando di terminare le cose, visto che la stagione sarà breve, non si può fare a meno di chiedersi se il finale sarà anche una conclusione soddisfacente.

“Assolutamente si,” ci ha rassicurato Borenstein. “Abbiamo sempre avuto in mente quest’arco da 10 puntate, perché il piano è sempre stato quello di mandarne in onda dieci [in autunno]. Abbiamo un finale davvero cool e soddisfacente, e, se potremo fare una seconda stagione, riprenderemo esattamente da lì. Se invece non potremo, sarà comunque un grande finale.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.