Mindhunter 3 cancellato da Netflix o no? Facciamo chiarezza!

Mindhunter

Come appreso quest’oggi dalla maggior parte dei siti televisivi, un potenziale Mindhunter 3 è stato messo in attesa a tempo indefinito da Netflix e i membri del cast Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv sono stati liberati dai loro contratti. L’affollato programma del produttore esecutivo David Fincher ha portato a questa mossa. Tuttavia la serie NON è stata cancellata.

David è concentrato sulla regia del suo primo film su Netflix, Mank, e sulla produzione della seconda stagione di Love, Death and Robots“, ha dichiarato un rappresentante di Netflix in una nota a TVLine. “Potrebbe tornare a mettere le mani su Mindhunter in futuro, ma nel frattempo non è stato giusto trattenere gli attori dal cercare altri lavori mentre lui prosegue su altri progetti“.

Non è dunque stata scritta la parola FINE su una delle serie più amate dagli utenti di Netflix, ma queste parole non danno nemmeno la certezza assoluta che nei progetti esiste un Mindhunter 3.

Il thriller psicologico di Fincher è incentrato su un trio costituito da due agenti dell’FBI (Groff e McCallany) e una psicologa (Torv) che lavorano insieme nel tentativo di comprendere meglio le motivazioni dei serial killer e (si spera) risolvere i casi in corso.

La stagione 2, formata da otto episodi e presentata per la prima volta in agosto, era incentrata sugli omicidi di bambini di Atlanta avvenuti tra il 1979 e il 1981, durante i quali il serial killer afroamericano Wayne Williams venne processato e condannato all’ergastolo per aver ucciso due maschi adulti. Williams, tuttavia, non fu mai processato per nessuno dei bambini assassinati, nonostante fosse un sospettato in ben 23 casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.