Make it or Break it | Recensione 3×02 & 3×03

I sottotitoli escono ad una frequenza bizzarra, ma io non mi arrendo (lo guarderei senza, ci ho provato mentre mettevo lo smalto, ma odio non capire anche solo mezza frase): MIOBI non sarà ai livelli delle scorse stagioni, ma é appassionante abbastanza da meritarsi una recensione.

Questo telefilm é diventato un po’ l’X Factor della ginnastica: ogni settimana qualcuno viene fatto fuori (il coach non é affascinante quanto Morgan, purtroppo). Esercizi di fiducia, persone accoppiate apparentemente a caso, e amori nascenti dietro le quinte, insomma, c’è proprio tutto.

Vediamo finalmente in carne ed ossa, e non più solo come un nome sul tabellone, Kelly Parker, la “nemica” numero 1 delle scorse stagioni, che ormai sembra essersi rabbuonita per lasciare il ruolo a Randall la Ribelle. Kelly non viene nemmeno più chiamata così, infatti tutti si riferiscono a lei con KP: noi faremo lo stesso. In pratica questa graziosa fanciulla vuole ingraziarsi Kayle perché ovviamente essere la bff di una campionessa é veramente cool (sicuramente vale la spesa di 300 bigliettoni per un completo fucsia abbinato). Peccato che la bella brunette abbia già delle amiche e non sia in cerca di ulteriori persone poco affidabili (ma tanto in questo show si pugnalano tutte alle spalle, c’è ben poco da fidarsi). Se non altro si occupa del proprio fidanzatino modello, preoccupato di non avere un futuro se non riuscirà a vincere l’oro alle Olimpiadi (roba da niente, insomma).
Vengono accoppiate poi Lauren e Payson, la peccatrice e la santa, per darsi lezioni di vita l’una all’altra. Stranamente é la prima a prendere sotto l’ala di “mamma ginnasta” la seconda, istruendola sui ragazzi, sul trucco e sui vestiti: Payson dimentica in un attimo Max (che secondo me é fuggito con Nolan in Revenge con la barca di Jack), si trasforma in cigno, e si avventa sull’amico del ragazzo originariamente pensato per lei dall’amica. Sono l’unica a pensare che per quanto siano carini (Payson riesce a carinizzare qualsiasi ship di cui fa parte, incredibile), non c’è paragone con Payson x Sasha? Cioé, quella sì che sarebbe stata una storia con i fiocchi!
Se non altro Lauren si diverte a fare il cupido della situazione (ma a te non ci pensi? insomma, sei single pure te eh!), tentando di ignorare ad ogni costo i suoi misteriosi malori.
Della “new entry” con il coniglio (che tra l’altro non abbiamo più visto, secondo me se l’è cucinato) e della ragazzina isterica non scopriamo molto, se non che sanno essere entrambe particolarmente fastidiose: non so se sia questo, o i modi esplicitamente lesbici della prima, ma loro due sono ufficialmente diventate la ship “immaginaria” che prediligo in questa stagione! Ma é chiedere troppo, immagino, dato che l’unico personaggio bisessuale me l’hanno tagliato fuori subito dopo la sua confessione?

Le ragazze, dopo lo sforzo immane del coach (che non so come abbia fatto a cambiare modi dal giorno alla notte, immagino che il terrore faccia miracoli), cominciano a fidarsi di lui (ma Sasha resterà per sempre Sasha), ma a fidarsi meno fra loro (finalmente viene svelato il segretuccio di Lauren riguardo un certo bacio). Con questi equilibri tanto sfasati, riusciranno veramente ad arrivare da qualche parte? Mancano sei settimane, nonché 5 puntate, e, nonostante tutto, siamo ansiosi di vedere come si evolveranno le cose.
Questa stagione, personalmente, si sta rivelando meno… emozionante? Commovente? Insomma, meno tocca-cuore delle precedenti (non sapete i pianti che ho fatto davanti a questa serie, incredibile), ma sicuramente regge in quanto a tensione, e di certo riusciamo a entrare nei panni di una persona veramente sottoposta a tutta quella pressione ed aspettativa. Mi auguro comunque che diano uno spazio decente al romance, e che siano in grado di formare delle coppie un po’ interessanti (Randall x Wendy! ♥)

Voi come l’avete trovata fin’ora? Cosa vorreste? Commentate! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.