Image default
Looking For Alaska Rubriche & Esclusive Top

Looking For Alaska – I 3 momenti migliori (+1)

Qualche settimana fa vi ho raccontato quanto io abbia amato Looking For Alaska, mentre oggi sono qui a elencarvi quali secondo me siano stati i 3 momenti migliori della serie e perché.

Premetto che non è stato facile scegliere, come ho detto già nella recensione, questa miniserie è stata perfetta in tutto e per tutto e mi è rimasta nel cuore nella sua interezza. Nonostante ciò però, ci sono stati dei  momenti e delle scene precise che mi si sono tatuati inesorabilmente sul cuore. Eccoli di seguito:

3. Alaska commenta Il generale nel suo labirinto di Gabriel Garcia Márquez. È il momento esatto in cui percepiamo la profondità e la complicatezza del suo essere. Alaska è piena di voglia di vivere e allo stesso tempo di malessere esistenziale. Vuole farcela nella vita ma non sa quale sia il suo posto nel mondo.

2. Miles è stufo di tutto quanto e non riesce più a trovare il senso in nulla perché, per lui, la morte di Alaska di senso non ne ha nessuno. Dal suo punto di vista, lei era vita, quindi si getta in una riflessione profondissima sulla vita e sui rapporti, che culmina con quella che forse è la frase più celebre del romanzo. If people were rain, I was drizzle and she was a hurricane.

Looking For Alaska momenti migliori Looking For Alaska momenti migliori Looking For Alaska momenti migliori Looking For Alaska momenti migliori Looking For Alaska momenti migliori

  1. La morale – se proprio vogliamo trovarne una – è che non importa come Alaska sia morta. Che sia stato un incidente o un suicidio, che fosse ubriaca o sobria. Quello che importa è il vuoto che ha lasciato ma non solo, a importare è anche e soprattutto ciò che c’era al posto di quel vuoto. L’amicizia. L’amore. Il dovere di andare avanti e vivere anche per lei. E Miles e il Colonnello alla fine lo capiscono. Capiscono che è inutile continuare ad indagare, a porsi domande e a sbattere la testa contro al muro. Loro sono ancora vivi. Loro devono alla memoria di Alaska il fatto di vivere la loro vita al massimo, esattamente come lei avrebbe voluto vivere la propria. E lo capiscono lì, su quel pezzo di asfalto maledetto che se l’è portata via per sempre.

Gli ultimi due episodi sono stati senza ombra di dubbio i più intensi dal punto di vista emotivo. Sono quelli coi momenti migliori di tutto Looking For Alaska. La scena più bella in assoluto è proprio all’inizio del penultimo: sono tutti radunati in palestra, sanno che qualcosa di terribile è accaduto ma non cosa e a chi. L’unica persona assente – letteralmente l’unica, fra corpo studentesco e docenti – è Alaska. È evidente che sia il soggetto del dramma, eppure Miles non ci sta. Miles continua a impuntarsi e a ripetere che per iniziare la riunione devono aspettare Alaska. Che Alaska ha il diritto di ascoltare tanto quanto gli altri. Possiamo per favore aspettare Alaska? ripetuto come un mantra del rifiuto. Dentro di sé Miles sa, eppure non vuole in nessuna maniera arrivare al punto di sentirselo dire, al punto che diventi realtà.

Quali sono stati i vostri momenti preferiti di questa miniserie?

Related posts

Cotte Telefilmiche – Tutte pazze per FP Jones

Al

Selfie is the Way | Part #2

Lestblue

Le 5 ship del cuore di ChelseaH

ChelseaH

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv