Grey’s Anatomy | Recensione 7×20 – White Wedding

Fiori d’ arancio al Seattle Grace!Da amante dei matrimoni quale sono, ho molto apprezzato questo episodio di Grey’s Anatomy, decisamente lontano dalla chirurgia e concentrato più sugli affetti.

L’organizzazione del matrimonio procede, ma è decisamente faticosa. Se qualcuno di voi pensava che la “montagna da scalare” fosse papà Torres, è perché fino ad oggi non aveva mai incontrato mamma Torres! Più conservatrice e strettamente legata ai valori cattolici, la mamma di Callie non riesce a sopportare l’unione dell’ adorata figlia con una donna e nientemeno il fatto che abbia avuto una figlia fuori dal matrimonio. Senza addentrarci in particolari discussioni sul tema (ognuno per carità può pensarla come vuole), io credo che sia stata semplicemente ingiusta.
Come i telefilm ci hanno insegnato, matrimonio è sinonimo di guai (e qui sono fin pochi rispetto a come siamo abituati): non solo i genitori di Callie tornano a casa (il padre davvero a malincuore), ma il Ministro è impossibilitato a partecipare al matrimonio. Ma da migliore tradizione telefilmica ,questo è facilmente risolvibile: un veloce click su rendimiunministro.com e il gioco è fatto! Posso fornirvi un elenco di serie che hanno “usato” come celebrante un amico della coppia/membro del cast (da Friends a One Tree Hill)… chi poteva essere se non la mitica Bailey?! (sbaglio o ultimamente la vediamo davvero poco?!). Interessante il parallelismo col matrimonio, in contemporanea, di Merdith e Derek … eh si gente, avete visto bene! La coppia più tira-e-molla dell’intero panorama televisivo (ok forse qualcuno in Beatiful li batte) “sposata – su – un – post-it”, è finalmente convolata a giuste nozze! In pieno stile Mer ovviamente … se già il matrimonio di Cristina era stato semplice, questo era decisamente essenziale! Che fine hanno fatto i testimoni per esempio?! Gli sceneggiatori si sono tolti il sassolino nella scarpa e hanno evitato un sontuoso matrimonio! Figuratevi cari, lo aspettiamo solo da 7 stagioni! Perlomeno non sono stati scontati. Il tutto comunque per una giusta causa: la coppia ha deciso di adottare Zola, una piccola (e bellissima, lasciatemelo dire) bambina africana, a Seattle grazie al progetto di Alex (ancora una volta, complimenti Karev! Speriamo solo le sue motivazioni siano più nobili della corsa al posto di capo degli specializzandi …). [Piccola digressione … ma quanto era affascinante il dottor Sheperd con la bambina in braccio?!] Gli iter per le adozioni sono solitamente interminabili e difficili, speriamo vada tutto bene (stiamo ancora aspettando scoppi la bomba “Meredith ha scambiato due buste del Trial” … e scoppierà, vedrete).

Scordatevi la Cristina di qualche episodio fa, terrorizzata e indecisa di cosa fare della sua vita: è tornata in carreggiata più che mai! Ma come al solito mette l’orgoglio e l’Ego al di sopra di tutto e tutti … gioia, un po’ di umiltà!

Non invidio per nulla il dottor Hunt … fossi in lui non saprei che scegliere per il posto di capo degli specializzandi! Sono certa comunque la scelta ci sorprenderà.

Vorrei concludere con il mio, personalissimo, MOMENTO PREFERITO della puntata: Arizona che ricorda il fratello defunto e Mark la consola, abbracciandola. In realtà ero un po’ indecisa con l’arrivo finale di papà Torres al matrimonio … Voi cosa ne pensate, quale è stato il vostro?

La stagione è ormai agli sgoccioli (mancano solo 2 episodi), e non posso fare a meno di chiedermi cosa succederà (secondo voi mi devo preparare psicologicamente per un finale simile a quello della season 6? No, vi prego …). Cercheremo di scoprire anche se le voci di un possibile addio di Ellen Pompeo (Merdith) e Patrick Dempsey (Derek) … va bene che nelle ultime stagioni abbiamo imparato ad amare tutti i protagonisti, ma non oso immaginare Grey’s senza Mer e il Dr Stranamore!

Prima dei saluti ecco a voi il promo per l’episodio 7×21 “I Will Survive”. Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.