Grey’s Anatmoy | Recensione 8×07 – The Doctors Play Ball

Tutto l’episodio ruota intorno alla partita di baseball contro il Seattle Presbyterian. Tutti i medici sono più o meno coinvolti in questa attività e Owen tiene molto al lavoro di squadra per poi trasportarlo in sala operatoria. Ad aiutarlo è Henry, assunto dall’ospedale per l’occasione (in fondo è un ex campione di baseball!). Teddy è forse la più coinvolta anche se poi, nonostante la buona volontà, si rivela essere un disastro durante l’incontro. Inoltre, finalmente vede dell’umanità Christina e così il periodo di tortura finisce: Teddy la invita a fare una lista di interventi che vorrebbe eseguire e si impegna a farle fare tutti quelli che potrà (e finalmente direi! Non se ne poteva più di questo siparietto!).
Abbiamo poi Callie che, grazie alle sue doti, ricostruisce la mano di un artista; Sloane che finalmente ha trovato una donna con cui far sesso e ciò provoca la gelosia di Lexie che, durante la partita, si sfoga lanciandole addosso la palla. Povero Avery, lui è così innamorato e lei purtroppo non lo è nemmeno un po’.
Derek invece, non avendo più nulla da perdere, ha deciso di fare interventi che tutti si sono sempre rifiutati di fare, cioè quelli rischiosi e potenzialmente mortali (mi sembra tornato al delirio di onnipotenza dell’inizio della settima stagione!).
Sul campo poi, Meredith e la Bailey si scontrano e sarà il capo Webber a cercare di appianare le cose tra loro, costringendole a lavorare insieme.
Il migliore dell’episodio è comunque Alex: per tutto il tempo lo vediamo seguire in segreto la vicenda burocratica di Zola, fino ad arrivare a corrompere il giudice incaricato perché acceleri i tempi. Con lui ogni puntata è una sorpresa, passa dall’essere uno stronzo arrogante, all’essere gentile e generoso.
Alla fine la partita è vinta dai nostri, anche se non proprio lealmente, e si ritrovano tutti ubriachi sugli spalti. E’ una bella immagine, ma non so se è perché sono fatalista credo sia come una “foto ricordo” prima che succeda qualcosa che cambierà le loro vite per sempre. Qualcuno se ne andrà? Qualcuno morirà? Al Seattle Grace tutto è possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.