Image default
Glee Recensioni

Glee | Recensione 6×04 – The Hurt Locker, Part 1

64008 64009 64010 64011

Vendetta.
No, non sto parlando di un episodio di Revenge, ma del tema portante dell’episodio di Glee di questa settimana nel quale abbiamo visto Sue Sylvester dissotterrare antichi rancori (e rispolverarne di nuovi), e nel quale sono state affrontate due tematiche che nemmeno a farlo apposta avevo citato nella recensione dello scorso episodio, ovvero il fatto che quattro membri non bastano per poter accedere alle provinciali e la vita sentimentale di Rachel. Cosa strana e inusuale, non abbiamo sentito una canzone o visto una performance fino al quindicesimo minuto di questo The Hurt Locker.

“THE HURT LOCKER” DI SUE.
In apertura di puntata scopriamo che Sue tiene nascosto in un deposito che lei stessa ha battezzato “the hurt locker”, una sorta di “lavagnetta della vendetta” e un altarino dedicato – udite, udite – alla sua ship preferita!

64002 64003

Ebbene sì, Sue Sylvester shippa Klaine e si fa filmini mentali su se stessa eletta a damigella d’onore al loro eccentrico matrimonio, oltre a meditare nefaste vendette contro Will Schuester – sua nemesi storica – e Rachel Berry. Ho apprezzato molto questo ritorno di fiamma fra Sue e Mr. Schue, perché se è vero che il motivo principale per il quale era nato l’odio di lei ora si è traslato su Rachel, è anche vero che in un certo qual senso Schuester sarà sempre la sua nemesi… in fin dei conti i due hanno valori e convinzioni che stanno a poli opposti e questo non è cambiato e non cambierà di certo da qui alla fine. Quindi è di nuovo guerra aperta fra i due e la cosa mi piace parecchio, è un vero e proprio ritorno alle origini in grande stile – ovvero ciò che serviva a Glee per risollevare le proprie sorti.

64006 64007

Passiamo poi ai Klaine. Sue Sylvester è una Klainer convinta, pronta ad aiutare il suo prezioso Porcelain ad ogni costo. Dove per “ogni costo” si intende: piantare – non si sa come – un orso bruno – meraviglioso – in casa Anderson/Karofsky, con completa umiliazione del Karofsky in questione che ancora un po’ e salta sul lampadario strillando come una donzella accerchiata da briganti – Karofsky caro, non ci siamo proprio. Poi riesce a riunire nello stesso luogo tutte le persone con cui il nostro amico Karofsky è uscito – tutte barbute e tutte molto… il contrario di Blaine? – giusto per rendere noto a Blaine che la sua donzella indifesa è in realtà un latin lover sciupa maschi, e non contenta di ciò accampa anche una presunta parentela molto alla lontana fra i due. La cosa irritante è che anche se entrambi i Klaine continuano a sostenere che weeeee are never eveeer getting back togetheeeer, in realtà è una situazione un po’ stile then you come around again and say “Baby, I miss you and I swear I’m gonna change, trust me.” Remember how that lasted for a day? I say, “I hate you,” we break up, you call me, “I love you” e OMG, Taylor Swift shippa Klaine. Quindi sostanzialmente sappiamo tutti come andrà a finire. Devo ammettere però che anche se non approvo per nulla questi continui ritorni del Klaine per motivi che ho già ampiamente spiegato nelle recensioni passate, questo espediente è davvero, davvero bellino.

SAMCHEL.
L’altro punto all’ordine del giorno di Sue come abbiamo detto è Rachel Berry. Abbiamo avuto hint Samchel in abbondanza finora e non approvavo. Poi è successo in una maniera nella quale in realtà è come se non fosse successo, e l’ho adorato. A tutti gli effetti non c’è stato Samchel perché Sam era ipnotizzato – mamma mia, questa batte pure Finn che crede a Quinn quando lei gli dice di essere rimasta incinta facendo l’idromassaggio – ma in realtà c’è stato perché: 1. si sono effettivamente baciati e 2. Rachel ha chiesto a Sam di uscire. Ora… come dice Rachel stessa nel corso del primo appuntamento (che in realtà non era un appuntamento, non ancora), lei non è più uscita con un ragazzo dalla morte di Finn.

64019 64020 64021 64022

Scelta più che appropriata per i motivi che tutti noi conosciamo bene, ma ora è passato del tempo e lei piano piano inizia a sentire nuovamente il bisogno di avere qualcuno accanto. Sue ne è consapevole e per il suo diabolico piano sceglie Sam: pensateci, è geniale. Perché Sam è a tutti gli effetti l’unico ragazzo non gay che gira intorno all’orbita di Rachel e i due hanno avuto modo di avvicinarsi molto nella scorsa stagione. In più, dopo tutto ciò che ha passato, Rachel sicuramente non è pronta per “affidarsi” al primo estraneo che passa per strada ma ha bisogno di qualcuno con il quale si senta già al sicuro. Sam. Solo Sam allo stato attuale delle cose è in grado di poterla turbare dal punto di vista sentimentale, e il fatto che lo faccia senza nemmeno sapere di starlo facendo è meschinamente meraviglioso. Tanto di cappello a Sue. Con questo non sto dicendo che Rachel meriti di soffrire, tanto più che penso che questo sia solo e soltanto un escamotage per arrivare ad avere del Samchel vero in un futuro molto prossimo, ma tutto questo è stato costruito con un’attenzione ai particolari che mi ha veramente stupita in positivo. Quindi anche se non so se mi potrebbe in un futuro piacere l’idea del Samchel, so che ciò che è accaduto in questo episodio mi è piaciuto.

NOTE SPARSE:

64018

  • Avete preso nota di tutte le citazioni? E per tutte, intendo tutte. Quelle interne a Glee, quelle esterne… è stato un tripudio di citazioni! Dal drone spia di Sue che fa tanto Star Wars, salvo poi essere chiamato drago – Good dragon, your Khaleesi loves you – al discorso di presentazione della sfida amichevole fra i vari club – Happy Hunger Games, may the odds be ever in your favor. E poi tutti i richiami al passato? Ai vecchi membri del glee club provenienti da The Glee Project – il rasta e l’irlandese – a eventi passati come la rottura del naso di Rachel, la Bieber week, la perfomance di Run Joey Run, la proposta di matrimonio di Schue o come Schue abbia trovato Finn stalkerandolo nelle docce. Seppur tutto questo sia stato ricordato nei mille rant di Sue che abbiamo visto nel corso dell’episodio, è stata una sorta di memory lane fantastica. Un modo non convenzionale per ricordare a spizzichi e bocconi il passato di questo show. Il che ci riporta al discorso sul ritorno alle origini.
  • Sam che insegna a Rachel come suonare mi ha ricordato molto Sam quando ha insegnato gli accordi di chitarra a Quinn per il loro duetto. L’amore.

64004 64005

  • Una menzione speciale alla sorella di Figgins.
  • Abbiamo di nuovo perso completamente di vista i fantastici quattro, che avranno avuto sì e no due battute in tutto l’episodio. Si è accennato al fatto che ci sia bisogno di nuova gente per raggiungere i famosi dodici membri, ma poi la cosa è morta lì, nessuna strategia di reclutamento, nessun piano, niente di niente. Credo sia stato l’unico lato negativo dell’episodio.
  • La concorrenza pacifica fra Rachel/Kurt, Blaine e Mr. Schue è andata definitivamente a farsi benedire con la scelta di Schuester di non aiutare Rachel. Penso che questo tipo di competizione un po’ meno sana ma un po’ più reale faccia bene allo show. Sarei rimasta molto delusa se alla fine i Vocal Adrenaline l’avessero data davvero vinta ai New Direction, proprio no.
  • Questa è una voglia molto insana e cattiva, ma voglio che alle Provinciali i Vocal Adrenaline portino almeno una canzone dei 1D, just because.
64012 64013 64014 64015 64016 64017
  • Il fantomatico ritorno DELLA BAND.

BEST PERFORMANCE:

http://youtu.be/WP6o276d9tc

TRACKLIST:

“Bitch”, Meredith Brooks – Sue Sylvester
“A Thousand Miles”, Vanessa Carlton – Rachel & Sam
“Rock Lobster”, B-52’s – Vocal Adrenaline
“Whip It”, Devo – Vocal Adrenaline

VOTO: Non c’è davvero niente che mi sia dispiaciuto di questo episodio – a parte il piccolo dettaglio delle nuove leve descritto prima – e potrei sbilanciarmi al punto da dargli un voto davvero alto. Facciamo che rimando il giudizio definitivo a dopo aver visto anche The Hurt Locker, Part 2.

Vi saluto con il trailer del prossimo episodio, intitolato per l’appunto The Hurt Locker, Part 2.

Elsa.

 

Related posts

New Girl | Recensione 1×10 – The Story of the 50

Shantiny

Scandal | Recensione 4×17 – Put a Ring on it

Julia

Grimm | Recensione 1×08 – Game Ogre

cristal85

2 comments

Laura 25 Gennaio 2015 at 22:10

Bellissima recensione!!
Purtroppo però il mio parere su questa puntata non è entusiasta come il tuo…
E’ stato un episodio senza dubbio divertente, Sue ha dato il meglio di se,in “Bitch” è stata fantastica, avrebbero dovuto fargliela cantare da un pezzo, ma mi è sembrato un episodio del tutto inutile. A 9 episodi dalla fine non credo che possano permettersi di avere degli episodi del genere, insomma non è successo niente di che! Ok Sue shippa i Klaine e vuole sabotare Rachel, ma oltre a questo? E’ bella l’idea che sarà Sue a far rimettere insieme i Klaine e a dare inizio alla Samchel, ma da lì ad incentrare un episodio (forse due) su questo per me è uno spreco, soprattutto perchè come sottilinea lei le New Directions hanno bisogno di altri membri e sono del tutto scarsi in confronto degli altri glee club…
Comincio a pensare che non vedremo neanche l’ombra delle Provinciali, o al massimo verrano eliminati subito, perchè di sicuro non hanno il tempo di dedicare molti episodi alle gare… Credo che i nuovi ragazzi faranno solo da contorno alle sotyline Klaine/Rachel, hanno buttato lì dei tizi tanto per dire di avere un nuovo glee club, ma dati i primi episodi non credo che lo svilupperanno molto, ma spero di sbagliarmi!

Reply
Celia
Celia 25 Gennaio 2015 at 22:19

Ciao, fantastica recensione! Guardando questi 4 episodi mi sono stupita di come siano stati tutti gradevoli, sembra che Glee si stia riprendendo giusto per finire, ma sono felice che abbiano deciso di darci un’ultima stagione decente. La sfuriata di Sue a Will per me è stata il top dell’episodio, inoltre mi ero sempre chiesta perché non avessero mai fatto A Thousand Miles, quindi adesso sono contenta. L’unica cosa che un po’ mi infastidisce e come noto anche a te, è che se sono tutti terrorizzati perché gli altri gruppi sono fantastici, perché nessuno si preoccupa che se non reclutano gente in fretta non saranno mai pronti in tempo?

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv