Girls | Recensione 6×10 – Latching

Questo momento, prima o poi, doveva arrivare. Purtroppo, è arrivato troppo presto per i miei gusti. Tra il clamore generale, è giunta l’ultima puntata di Girls. Parlo di “clamore generale” perché, dando un’occhiata ai vari social network, ho notato un grosso malcontento per il finale di questa serie. È rimasto deluso, però chi non ha compreso a pieno ciò che quest’ultimo episodio voleva comunicare.

La serie termina in maniera circolare. Nel pilot una delle prime scene ci mostrava Marnie e Hannah intente a dormire insieme nello stesso letto e così, allo stesso modo, si apre l’ultima puntata della sesta stagione. Le due ragazze decidono di andare a vivere entrambe fuori città: Marnie si è infatti proposta, come aveva fatto a suo tempo Adam, per aiutare Hannah a crescere il bambino. Ma le circostanze sono destinate a rivelarsi più difficili di quel che potevano apparire in un primo momento: ambedue, ma forse più Hannah di Marnie, si palesano impreparate ad affrontare le avversità che la nascita di un bambino comporta.

Quest’ultima puntata è incentrata solo ed esclusivamente su Hannah: se vogliamo, il reale finale che coinvolge tutti i personaggi della serie, è stato espresso dal penultimo episodio: Hannah e Jessa si sono riavvicinate; Shoshanna si è ufficialmente fidanzata e ha deciso di interrompere un’amicizia che, dal suo punto di vista, era più malsana che altro; Elijah ha ottenuto la parte nel musical; Adam sparisce nel nulla e, infine, lasciamo Ray alle prese con l’eredità lasciatagli dal suo datore di lavoro.
Quest’ultimo episodio, invece, è stato pensato, secondo me, per sottolineare come Hannah non faccia più parte delle cosiddette “girls”: oramai, volente o nolente, è costretta a crescere e a diventare un’adulta a tutti gli effetti. Viene infatti messa in scena l’ultima stupidata che la nostra protagonista può permettersi di fare: girare in mutande e senza scarpe per il proprio quartiere. Ma ora, è arrivato il momento di crescere una volta per tutte: e deve necessariamente farlo per il bene di suo figlio.

Insomma, che dire di questo finale? A me personalmente è piaciuto molto. Conclude in maniera estremamente realistica un capitolo della vita che tutti, prima o poi, ci ritroveremo ad affrontare: diventare adulti a tutti gli effetti.
Vorrei dire solo un’ultima cosa, ed è un appello a Lena Dunham: se per caso ti saltasse per la testa di fare un’altra stagione, un domani… credo ne saremmo tutti felicissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.