Gilmore Girls Revival | Intervista post-mortem a Amy Sherman Palladino

La seguente intervista contiene molti spoiler dei quattro capitoli di Gilmore Girls: A Year in the Life. Non leggete se non li avete ancora visti.

Il piano originario prevedeva che Rory rimanesse incinta dopo il college?
Sì, più o meno a 22 anni.

Il che è molto diverso da Rory incinta a 32. Parliamo del piano originario, con una Rory madre single molto giovane.
Ho sempre voluto concludere la storia con una sorta di “Storia che si ripete”. La figlia che segue le orme della madre. Ho sempre pensato che sarebbe stato un modo interessante di procedere, con due donne che sono così unite l’una all’altra, e che fanno scelte leggermente diverse, ma si trovano insieme in situazioni interessanti. Perché non si tratta di una normale relazione tra madre e figlia. Non l’avrei fatta diventare una madre adolescente. Ma aveva senso per me l’idea che succedesse dopo il college, prima che si imbarcasse nella sua vita.

A proposito, Rory non deve tenere per forza il bambino. Può fare altre scelte. È solo una bordata che la vita le la lanciato contro. Penso ancora che sarebbe stato giusto farlo nella settima stagione. Avrei sentito i fan urlare dalla finestra. Ma c’è qualcosa nel fatto che abbiamo incontrato Rory alla stessa età che aveva sua madre nel pilot che ha reso la faccenda più simmetrica. E anche il fatto che Rory abbia affrontato il suo viaggio personale per cercare di capire come dovesse essere la sua vita e pensasse di averlo capito. E poi “Noooo. Non è così”. È anche il momento di pensare di avere un bambino, se vuoi pensarci.

Quindi non hai voluto intenzionalmente concludere su un colpo di scena.
No. La loro vita va avanti. E continua a cambiare. Mi piace che alla fine Emily si sia sistemata. Lorelai per il momento è sistemata. E Rory invece è sconvolta. È più normale così che se tutte e tre avessero avuto dei finali risolti e avessimo finito con un inchino e fossimo tornati a casa su un unicorno.

Per fortuna la settima stagione non vi ha rovinato i piani.

Vero. Quando io e Dan abbiamo iniziato a pensare alle storie, non sapevamo come fosse finita la settima stagione. Quindi non sapevamo se avessero già fatto una cosa del genere. Rory poteva aver temuto di essere incinta nella settima stagione. Hanno fatto rimanere incinta Lane, ed è una cosa che non mi è piaciuta molto.

La scorsa estate mi hai detto che gli autori che vi hanno sostituito nella settima stagione hanno fatto qualcosa che volevate fare anche voi nel revival. Era la gravidanza di Lane?
Sì. Quella è una delle cose. Era una storia valida. Non sto dicendo che sia stata gestita male. Avrei solo preferito che non avessero figli, solo perché ci avrebbe dato più opzioni. Non potevamo permettere che Lane e Zach non fossero genitori in gamba. Quindi il fatto che avessero figli ha imposto delle condizioni. Sono ancora rock & roll, sono sempre genitori molto cool. Ma sono felice che abbiamo lasciato aperta l’opzione di Rory.

Non sorprende che i fan vogliano di più.
No. Il vecchio adagio dice che è meglio che vogliano di più. Non vuoi che qualcuno lasci qualcosa a cui hai lavorato così tanto pensando “Bene, posso andare oltre”.

Quanto ci vorrà per un altro revival?
Nessuno ne sta parlando. Siamo molto stanchi. Devo finire il pilot per Amazon [The Marvelous Mrs. Maisel], di cui sono orgogliosa. Dan e io siamo stati in una Bolla Gilmore per un anno e mezzo. È stato molto intenso. Adesso faremo un passo indietro. Siamo felici che sia stato mandato in onda. Siamo felici di parlarne.

Ma non lo escludi.
Non escludo mai nulla nella mia vita. Quando la gente parlava di un film (dopo la fine della serie originale), ho sempre pensato: Non succederà. Ma non avrei detto di no. Perché dire di no?

Hai mai pensato a come proseguirebbe la storia?
No. La gente mi ha chiesto: “Che cosa scriverà Rory nel libro?” e io ho pensato: “Non ne ho la minima idea”. [Ride].

Sai chi è il padre del bambino di Rory?
Sì. E non voglio essere criptica. Molto di ciò che è Rory riguarda i suoi tre ex fidanzati, ma lei è più di questo. Ma i ragazzi le sono stati accanto e hanno aiutato la persona che era in quel momento. Il romanticismo è divertente. Lo capisco. Io shippavo Angel e Buffy. Ho pianto quando l’ha spedito all’inferno con un coltello. Capisco la sensazione. Ma penso che le persone si siano concentrate troppo sull’aspetto romantico. E non volevo che quel momento riguardasse un ragazzo. Riguardava un momento particolare della sua vita. È un momento di svolta per lei. La sua conversazione con Lorelai è del tipo: “Che cosa faccio? Come proseguo da qui?”. Non era: “Non posso credere che questo ragazzo…”. Quindi non voglio essere criptica. Voglio mantenere il giusto focus sulla storia. Non riguarda il ragazzo. Riguarda lei.

L’ultima domanda sul ragazzo: possiamo eliminare Paul?
Non penso che si possa eliminare nessuno. Penso che ci siano forti indizi. Ma non dovreste eliminare nessuno.

Luke e Lorelai si sono sposati il 5 novembre – qualche motivo particolare per farlo prima delle elezioni?
Le persone leggono troppo in quella data. A essere onesti, l’abbiamo messo prima delle elezioni, ma senza altri significati. È difficile per me parlare delle elezioni senza il cinismo da “Il mondo sta per finire”. Mi impongo di dire “Abbiamo il 50% di possibilità che finisca”. Non avevo previsto la vittoria di Trump e non volevamo focalizzarci su Hillary. Gli episodi sono stati scritti molto prima, quindi era difficile prevedere che cosa sarebbe successo. Perché diversamente il revival sarebbe sembrato anacronistico. Volevo che non avesse questo genere di limite.

Perché abbiamo incontrato il signor Kim?
Perché era divertente. Ci faceva ridere l’idea che, così casualmente, salutassero il signor Kim. È stato lì per tutto il tempo e nessuno se ne è accorto.

Emily non era al matrimonio improvvisato di Luke e Lorelai. Parteciperà a quello ufficiale?
Sì.

La storia di Logan e Rory ha rispecchiato intenzionalmente la storia di Christopher e Lorelai?
Sì.

Come faceva Rory a permettersi quei viaggi?
Aveva raccolto molte miglia. Viaggia in classe economica. Non volevamo focalizzarci sui soldi, perché non credo qualcuno sia preoccupato che Rory non ne abbia. Tra Emily, Lorelai… Logan… ci sono molte persone ricche che possono assicurarsi che non muoia di fame.

Chi ha mandato quella lettera terribile a Emily?
Non Lorelai.

Questo è un mistero notevole.
Lo è, ma avete visto Emily in azione. Molte persone avrebbero potuto mandarle una lettera cattiva. Poteva essere un ex dipendente. Un vicino. Qualcuno non ammesso al club. Ma non era di Lorelai. Questo è il bello della famiglia. Non si risolve tutto. E anche se Lorelai tentasse di dimostrare che non era la sua calligrafia, Emily non le crederebbe. La famiglia è così.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.