Image default
News

Finding Carter | Kathryn Prescott di ‘Skins’ ritrova la famiglia che non sapeva di aver perso


Carter ha una vita divertente. Ha 16 anni ed ha una mamma che aspira al ruolo di genitore miglior amico!
Poi, una notte, scopre di non essere Carter e che quella donna fortissima non è sua mamma.
La nuova avvincente serie di MTV, “Finding Carter”, ha debuttato con un doppio episodio Martedì 8 Luglio; è difficile che un drama strizzi l’occhio sia ad un pubblico giovane che ad uno adulto. Carter (Kathryn Prescott, “Skins”),è stata rapita da neonata e nel pilot si riunisce alla sua famiglia biologica.
La storia inizia con Carter (Kathryn Prescott, “Skins”) che si gode un frozen yogurt con sua mamma Lori (Milena Govich), che pare sforzarsi di apparire più giovane di quello che è.
Si sono appena godute una serata fuori e Lori spinge Carter a raggiungere i suoi amici. Lei esegue e con il gruppo di teenager irrompe in un parco di divertimenti, accendono le giostre, bevono, e con grande shock attirano l’attenzione delle forze dell’ordine.
Vengono tenuti in custodia e Carter rassicura i suoi amici che torneranno dai loro genitori a casa con solo un avvertimento. Abbastanza velocemente è così che accade. Ma non per lei.
Mentre è tenuta in custodia, viene alla luce che Carter è in realtà Lyndon, che quando aveva 3 anni era stata rapita dal suo giardino. I suoi genitori arrivano per riaffermare la loro parentela.
Tutto quanto è nuovo per Carter, che non sembra avere ricordi della sua infanzia.
“Quello che mi ha colpito dello show, più di altro, è che era basato su una giovane ragazza” racconta Prescott a Zap2it. “La storia maggiore non era la sua relazione con un uomo. E so che sembra semplicistico. Ma per quanta TV uno possa guardare i personaggi femminili sono sempre legati a personaggi maschili. Questo è uno show che ha davvero al centro questa giovane e la relazione con sua mamma e non è incentrato sulla relazione con un uomo.”
“Mi piaceva che lei dovesse affrontare qualcosa di davvero importante, molto serio in realtà” continua Prescott. “E il legame tra lei e sua madre.”
La sua madre biologica, Elizabeth (Cynthia Watros, “Lost”) è un poliziotto, che è decisa a trovare la rapitrice e ammanettarla. Elizabeth chiama subito Carter Lyndon, il nome che le era stato dato alla nascita.
“Lei è un detective e lo è diventata quando una delle sue due figlie è stata rapita all’età di tre anni, ed era decisa a passare il resto della sua vita a cercare di ritrovare la sua piccola bimba.”
“Ciò ha inciso su chi lei è adesso” continua Watros. “Probabilmente è più seria di quello che vorrebbe essere. Lei è molto forte, una donna indipendente. Credo abbia perso lo spirito del divertimento col tempo. Credo che sia ciò che accade quando si affrontano tragedie gravi come queste. Lei è la vera colla della famiglia. E’ quella che porta il pane a casa, ha il lavoro e si assicura che tutti stiano bene. Gestisce molti aspetti nella sua vita.”
Mentre Carter viveva con Lori, Elizabeth e suo marito, David (Alexis Denisof), hanno allevato la sorella gemella di Lyndon/Carter, Taylor (Anna Jacoby-Heron), e il giovane fratello Grant (Zac Pullam).
Il padre ha scritto un bestseller sul rapimento di sua figlia e il suo editore lo spinge adesso a scrivere il sequel sul suo ritorno. Il giovane fratello si sente ignorato e la sorella gemella ha vissuto una vita molto protetta.
Tutti hanno vissuto nell’ombra del rapimento della sorella e la rapita non lo ha mai saputo. Il primo indizio che Carter possa ricordare qualcosa della sua precedente vita arriva quando abbraccia suo nonno Buddy (Robert Pine). Meredith Baxter (“Family Tues”) interpreta la nonna.
La coincidenza ha voluto che Prescott sia una gemella nella vita reale, così che possa trarre da lì informazioni per la sua interpretazione. Sebbene non siano state inseparabili crescendo in Inghilterra, Prescott e la sua gemella si sono avvicinate molto negli ultimi anni.
“Anche se non stavamo insieme, c’era questa cosa” racconta. “Non puoi mentire o far finta con qualcuno con cui hai condiviso l’utero. Almeno per noi, se voglio un consiglio onesto chiedo a mia sorella. Non ha paura di dirmi la verità. Qual è il punto? Non c’è motivo di mentire a me. Siamo state connesse per 23 anni.”
Carter pretende di essere chiamata con il nome a cui ha risposto negli ultimi 13 anni. Sta già cominciando a cambiare le dinamiche familiari; portando Taylor ad una festa che non contempla nessun regalino di commiato; secondo Elizabeth ha un comportamento che pochi tollererebbero.
Elizabeth è una donna dura; indurita dal trauma di aver perso una figlia, si è allontanata dal marito ed ha una relazione con un altro detective. Nel pilot, Elizabeth mette fine a quella relazione volendosi dedicare alla riunione della sua famiglia.
Elizabeth e Carter “sono più di ciò che uno possa pensare” rivela Watros.
“All’interno di quel conflitto vogliono disperatamente amarsi a vicenda” continua. “Sto cercando di raggiungere questa giovane donna e cercare di creare un legame con lei come non ho mai fatto con nessuno degli altri miei figli.”
Come ultima cosa, Watros vuole che madre e figlia si avvicinino in modo da far emergere le loro vulnerabilità.
“Lei ha questo incredibile amore per la sua famiglia che richiederà tempo per emergere.” Racconta Watros.

Fonte

Traduzione a cura di Stella

Related posts

Helix rinnovato per una seconda stagione

Cecilia

Hannibal | Will e Hannibal rompono di nuovo e premono il tasto reset sulla terza stagione 

thisperfecttime

Law & Order: SVU e Chicago Med sono stati rinnovati

Syl

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv