Chicago Fire | Taylor Kinney parla della caccia all’assassino di Shay e di una “grande” lezione per Severide

150127-news-chicago-fire-taylor-kinneyE’ stata una stagione di Chicago Fire movimentata, finora, per Kelly Severide. Ma Taylor Kinney è ottimista riguardo a cosa c’è in serbo per il suo personaggio.

“Spero una vacanza alle Hawaii o qualcosa del genere,” dice Kinney ridendo a TVGuide.com.

La meta tropicale sarebbe la quiete dopo la tempesta che è stata la terza stagione. Severide ha perso la sua migliore amica Shay (Lauren German) nella season première e ha affrontato questa perdita fin da allora. All’inizio, ha affrontato il dolore bevendo e facendo casino di notte. Poi ha sposato una giovane donna alle prese con la sua tragedia personale. Ma ora, finalmente, Severide farà qualcosa di più produttivo: nel prossimo episodio lavorerà con Dawson (Monica Raymund) per trovare il piromane responsabile della morte di Shay.

“Siamo noi due che scopriamo i fatti perché abbiamo un obiettivo personale, così ci spingiamo molto per scoprire cosa è successo,” anticipa Kinney. “Secondo me, questa storyline piacerà davvero molto al pubblico.”

L’episodio sarà un crossover con Chicago PD, e i due team lavoreranno insieme per prendere l’assassino di Shay (interpretato da Robert Knepper) prima che possa colpire di nuovo. “Alza il livello della storia,” dice Kinney. “perché alla fine della giornata vogliamo scoprire il responsabile.”

Anche se l’indagine ha riaperto vecchie ferite per Dawson e Severide, Kinney è sicuro che il periodo più oscuro per il personaggio sia passato. “Vuole scoprire chi è stato e cosa è successo ma per tornare in un vortice autodistruttivo, credo l’abbia superata,” dice. “Non l’ha affrontato al meglio, ma la vita è così. Le persone non sempre hanno tutto chiaro. Commetti delgi errori e poi si fai del tuo meglio e se sei fortunato hai delle persone intorno che ti aiutano a rimetterti in piedi.”

Nonostante questi problemi, Severide ha anche imparato una lezione molto importante, dopo aver perso una persona così vicino a lui. “La grande lezione è vivere il momento ed essere grati per ciò che si ha, giorno per giorno. E penso che attraverso la morte di Shay e l’accettazione e uscirne in qualche modo positivamente, sia importante.”

Parlando della stagione, Kinney ha detto che non si è dovuto preparare molto per questa storyline emotiva. “E’ il rapporto con Lauren. E’ una bravissima attrice e una grande amica quindi c’è un affetto personale,” dice. “Mi manca molto, quindi non ho dovuto fare i salti mortali per entrare in contatto con quel tipo di emozione.”

Inoltre, Kinney spera che il dolore di Severide è risultato vero ai fan. “Non posso dire che tutti hanno avuto un’esperienza simile, ma penso che si possa comprendere la perdita,” dice. “E’ una cosa che, si spera, arriva alle persone.”

(Il suo personaggio se ne è andato, ma German è ancora in contatto con il gruppo. “Le mandiamo delle foto e chiama per salutarci tutti,” dice Kinney. “Spero possa avere un weekend lungo e venire in città da noi.”)

Dietro le quinte, Kinney si è divertito durante il periodo oscuro di Severide. “Questi personaggi si sono sviluppati e ora siamo ad un punto in cui possiamo esplorare i lati oscuri di un personaggio e il pubblico non dirà, ‘Oh, c’è solo quel lato, ecco chi è,’” dice. “E’ il personaggio che interpreto da più tempo e non è mai statico. Evolve, cresce, e si spera, il pubblico con noi.”

Il pubblico non da segni di cedimento. Chicago Fire sta andando bene nei ratings e lo show ha una presenza forte nei social media. “Non dimentico mai che se la gente non guarda lo show io non avrei un lavoro. Sono molto contento,” dice Kinney riguardo al rapporto con i fan. “Se loro dicono che non sopportano il mio personaggio e non sopportano me, va bene, ma lo show viene comunque visto.”

Alla domanda sul futuro della serie, Kinney spera di poter interpretare Kelly Severide per molti altri anni. “Sarebbe fantastico. Ricordo quando abbiamo girato il pilot e quando è stato confermato e stavo camminando per Michigan Avenue. I quattro anni precedenti, tra cinema o televisione, lavoravo solo per un periodo e un film dura al massimo due mesi e quindi ero sempre in giro,” ricorda. “Non so come definire quell’emozione. Non ero spaventato, ma tipo, ‘Cavolo, potrei rimanere qui per molto tempo.’ Ed era una cosa che non pensavo potesse succedere, ma è stato grandioso. Amo Chicago. Non potrei essere in un posto migliore… Sono fortunato.”

Chicago Fire va in onda il giovedì su NBC. Siete emozionati per il crossover in arrivo?

 

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.