Californication | Recensione 6×01 – The Unforgiven e 6×02 – Quitters

 

“I guess I see myself as an enthusiast. A drug and alcohol enthusiast.”

Eccomi qui a cimentarmi in una nuova impresa, ogni due settimane cercherò di farvi un breve recap di questa ultima stagione di Californication. Siamo ormai all’ultimo giro di boa di quella che è una delle mie serie preferite e quindi ritengo indispensabile aggiornarvi su quanto sta succedendo.
Hank è quel tipo d’uomo che nonostante i mille difetti e i mille problemi vorresti comunque nella tua vita, che pur sia come padre, amico o amante. Il suo EPICLOVE fa un baffo a qualunque amore possiate trovare in qualche altra serie, supera ogni cosa e infatti eravamo rimasti proprio a questo punto.

Finalmente sembrava fosse giunto il momento per Hank e Karen, ma si sa che le cose non possono andare bene per loro quindi il nostro eroe è stato drogato da quella pazzoide della sua ex, Carrie, e ridotto in fin di vita. Sarà colpa della droga o della quantità di alcool che inizia a scolarsi una volta uscito dall’ospedale, ma i suoi sogni riguardano sempre e solo Karen e il loro ipotetico primo incontro. Charlie, nonostante sorprenda Hank a scolarsi la sua urina da una bottiglia di whisky decide di farlo incontrare lo stesso con Atticus Fetch, un rocker che vuole portare a Broadway CRAZY LITTLE THING CALLED LOVE. Da questo momento si scatena una spirale di eventi che spingono Charlie, Karen, Marcy e Becca a portare in un centro di recupero Hank per disintossicarlo dalla simpatica dipendenza alcolica.

Questo episodio è stato abbastanza sottotono per lo standard della serie, ma è stato un perfetto filler per il grande ritorno di Hank nella 6×02.
Le storyline qui sono essenzialmente 4:

1) GAYAGENT PLEASE BE MINE.
Il nostro agente dedito alla masturbazione durante le ore di lavoro (Charlie) riesce a mettere le mani su un contratto con un importante divo di Hollywood. Per farlo però fingerà di essere gay e pronto a fare il coming out. Storyline che promette grandi risate prossimamente.

2) L’ERBA CURA TUTTI I MALI.. COME ANCHE IL SESSO
Stu e Mercy si riappacificano, complici sono un bel pacco d’ erba e un vibratore.

3) I NEED A JOB
Giusto pochi secondi ci fanno vedere Karen pronta ad iniziare un nuovo lavoro, avrà un solo divieto: NON scoparti il marito del tuo capo! Non so perchè, ma sono certo che questo accadrà.

4) FUCK OFF, NON HO BISOGNO DI ESSERE CURATO
Hank è nella sua fantastica casa di cura con piscina seguito da un preparato psicologo (quello che spomp***ava l’ex marito di Karen, vi ricordate?) qui incontra una nuova amica, una ex groopie, con la quale ci sarà del feeling.

 

 

 

 

 

MOMENTI TOP: in questi primi 2 episodi il momento di maggior acume lo abbiamo con Hank che strappa la pagina di una bibbia per rollarsi una canna. Scena impagabile. Altra scena particolarmente divertente è la simulazione di un rapporto orale fatta da Stu.

VOTO: 6×01 a questo episodio darei un 7, è vero, non è stato uno degli episodi migliori, ma è pur sempre Californication.
Per quanto riguarda la 6×02 darei un 8 pieno, siamo tornati al buon vecchio Hank Moody, sarcastico e marpione come sempre, dalla battuta pronta e sempre pronto a infogarsi di qualche nuova donna.

Mi era proprio mancato questo mondo che gira nel suo pazzo modo. Dopo sei stagioni rimango ancora estasiato da come la lovestory principale sia così ovattata e speciale nonostante i mille problemi che questa coppia affronta. Hank non perderà mai Karen, lei è la sua costante (giusto per citare LOST). Il rapporto Becca-Hank continua ad essere qualcosa di unico come anche l’amicizia con Charlie (la scena nella 6×01 in cui il nostro “pelatino” mette a letto l’eroe ubriaco è di una tenerezza unica). Non avete mai visto Californication? Beh mi sembra il momento giunto per recuperarlo!!

2 comments
  1. La sesta é l’ultima?! WHAT? Noooooo T___T
    A me sta piacendo questa stagione :3 sarà che mi erano mancati Hank e la combriccola .-.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.