Bates Motel | Recensione 2×02- Shadow of a Doubt

 

Eccoci alla seconda puntata di questa nuova stagione di Bates Motel; abbiamo avuto le risposte che cercavamo? Assolutamente no, ma abbiamo imparato come tingere i capelli e quanto i gusti di Norma in fatto di canzoni facciano assolutamente schifo, come in fatto di QUALSIASI COSA del resto.

Una puntata un po’ povera sinceramente… Insomma il momento forte è stato vedere Dylan e il suo “collega” arrivare davanti casa di Gil in stile “siamo troppo fighi per questo telefilm” e naturalmente la performance di Norma che abbiamo scoperto sempre piangere portandosi una mano in fronte e che, diciamocelo chiaro e tondo, non avrebbe commosso nemmeno una capra denutrita alla vista di un prato verde e rigoglioso.

Norma vuole essere felice, e fino a qui lo sapevamo tutti, ci manca solo che si mette a scriverlo sui muri insomma. Naturalmente non si può avere tutto nella vita e così c’è chi si accontenta di partecipare ad un musical da quattro spiccioli, “per divertirsi e stare insieme”. Ma stiamo scherzando? Lo guarda pura mentre mangia le carotine per tutti i telefilm e le taglia così per facilitarlo a mangiare secondo me.

image

Standing ovation per il discorso di Norman questa volta, quei 13 secondi di disintossicazione mi sono piaciuti davvero, il culmine poi è stato dirle che dormono a 15 centimetri di distanza. Poi, però, da buon cagnolino è tornato da Norma strisciando. Non fosse che conosco già il film mi sarei alterata, ma alla fine la storia deve seguire una logica ben precisa che porti ad una situazione finale già compiuta quindi non mi stupisco per niente.

Da questa scena poi ne traiamo il fulcro della puntata: l’ombra del dubbio c’era già da qualche tempo nella mente di Norma, sappiamo benissimo che nonostante abbiano arrestato un uomo a caso Norman è ancora ai vertici delle classifiche di “chi ha ucciso la professoressa?”. Le perle sembrano davvero una prova schiacciante ai miei occhi e, nonostante Norma si culli del fatto che qualcuno sia stato accusato dell’omicidio, non direi che sia finita qui, anzi…

image

Sto apprezzando anche il fatto che il fattore “droga” sia esplorato in modo diverso in questa stagione. Nella prima sapevamo che dei traffici, sapevamo che l’intera cittadina praticamente ne era immischiata, sapevamo i principali nomi, in questa seconda stiamo avendo degli assaggi di chi ne fa parte e di come questi si muovano: Gil, Blair e tutti gli altri.

Non credo sarebbe piaciuto vedere solo il rapporto dei Bates, distaccarci da questo mega complesso di Edipo riporta alla realtà e alle presunte origini del disagio. Inutile dire che adoro letteralmente le aggiunte al cast rispetto al film, povero di personaggi, soprattutto Dylan e non credo ci sia bisogno nemmeno di spiegare il perchè.

Per quanto riguarda Bradley che dire? Nuova stagione nuovo look per tutti. Purtroppo però la ragazza sta cadendo nell’inutilità più assoluta di nuovo: perché scappare se nessuno sa che sei stata tu? É il tuo modo contorto per fare cadere i sospetti? Così diventi credibile quanto lo era il biondo dei tuoi capelli. Non capisco, poi, il motivo per cui Dylan sia andato ad accompagnarla. É tutto ancora un enorme punto interrogativo per questi due. Lei è partita, lui è tornato a casa e io avrei voluto capirci di più.

Ma passiamo alla vera scomparsa della stagione: Emma. Qualcuno ha avuto notizie? Si sta ancora drogando in reception? Che fa? Con chi é? Arriva solo per dare buone o brutte notizie? Avrà solo due battute per puntata?  Un segnale di vita, anche il più misero, sarebbe gradito.

 

Considerazioni random: 

– I vestiti di Norma fanno schifo all’umanità;

– Sperò che non sia l’ultima volta che vediamo Bradley, un’uscita di scena stile personaggi di PLL mi dispiacerebbe parecchio;

– Adesso Norma ha pure un fratello? Vedo scritto “GUAI” ovunque;

– Non capisco se odiare o amare il fatto che tutti coloro che sono immischiati negli affari di droga abbiamo capelli perfetti. Spero che prima o poi mi svelino il loro segreto.

– Da buona ragazza nata negli anni ’90 non ho potuto non pensare al film “Missione Tata” dove Max Thieriot (Dylan) canta e balla in un musical. Da oggi saranno i “Bates:Passione musical”

Voto: La puntata non è stata un granché, dal titolo mi spettavo molto di più. Un 7 perché spero che l’ombra del dubbio si traduca in “quiete prima della tempesta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.