Vikings | Anteprima della prima serie tv per il canale History

Un razziatore vichingo ringhia un ordine ai suoi uomini mentre scaglia la sua ascia sul terreno. Ragnar Lothbork (Travis Fimmel) è forte quanto la sua lama e altrettanto letale. È una leggenda del nord portata in vita in Vikings, la prima serie tv del canale americano Hostory. “Ragnar è molto ambizioso,” ha detto Fimmel sul set in Irlanda vicino alle famose cascate Powerscourt. “All’inizio è un contadino, ma non è abbastanza per lui. Cerca l’avventura, la conoscenza e la gloria.

E per ottenerle, avrà bisogno di una barca migliore. Ragnar, segretamente, commissiona la creazione di una più leggera e veloce versione delle consuete navi dragoni vichinghe che diventa la prima della sua specie a guidare le incursioni dalla Scandinavia verso l’Inghilterra, osando navigare in mare aperto piuttosto che nell’usuale percorso che costeggia l’attuale Russia.

Con lo stessa fiducia in se stesso e con lo stesso spirito esplorativo, il canale History si appresta ad entrare nella corsa delle serie tv, il canale infatti vuole espandere la propria programmazione originale. (Sono già in programma almeno altre 3 stagioni di questo show, se gli ascolti saranno soddisfacenti.)

Nessuno ha mai fatto nulla dal punto di vista dei Vichinghi” commenta il produttore esecutivo Michael Hirst (The Tudors). “Sono una cultura sorprendente, con un loro sistema legale e tradizioni”. In altre parole, non aspettatevi barbari, ladri e stupratori con un elmetto con le corna, perché non li troverete qui. “Questa è la storia di un uomo che cerca di soddisfare la sua curiosità e di sopravvivere all’interno della sua società,” spiega Hirst. “Per fare questo deve sfidare l’uomo più potente della Scandinavia.

Quell’uomo è Earl Haraldson (Gabriel Byrne), l’attempato capo che sbeffeggia gli ambiziosi piani di Ragnar. “Earl vede Ragnar come una minaccia” racconta Byrne. “È un grande guerriero il cui potere è in declino. I suoi figli sono stati uccisi e lui è tormentato dalle loro morti.

La sua mancanza di eredi maschi espone lui e sua moglie, Siggy (Jessalyn Gilsig), ad un colpo di stato. “Mentre la storia procede” anticipa la Gilsig “vedrete che hanno ragione ad essere spaventati.

La paura, tuttavia, non è nel vocabolario della sexy moglie di Ragnar, Lagertha (Katheryn Winnick). “Lei è una combattente, participa attivamente alle razzie,” racconta la Winnick, campionessa nelle arti marziali che non ha bisogno di una controfigura nella maggior parte delle sue scene di guerra. “Ma è prima di tutto una madre. E farà qualsiasi cosa per proteggere i suoi figli.

L’impegno dei Vichinghi nei confronti della famiglia e la fede è mostrata quando la crew degli attori segue Ragnar e suo figlio 12enne, Bjorn (Nathan O’Toole), attraverso la fitta e nera foresta sotto la pioggia irlandese. Padre e figlio si trovano impegnati in un pellegrinaggio per pregare Odino, il dio della guerra e della saggezza. “Vuole insegnare a suo figlio e renderlo orgoglioso,” racconta Fimmel Ma non tutti i suoi uomini sono onorevoli: “Ci sarà un tradimento,” anticipa.

Persino Rollo (Clive Standen), il fratello maggiore di Ragnar, un fiero combattente che spera di guadagnarsi il suo posto nel Valhalla, il paradiso vichingo, è imprevedibile. “Ragnar è il cervello, ma Rollo è un po’ un sociopatico – vuole essere ammirato, ma suo fratello si prende tutto il merito,” dice Standen, che si sta ancora riprendendo da una scena di una battaglia cruenta. “Sono stato colpito dallo scudo di uno stuntman. Ci sono momenti in cui la vita ti scorre davanti agli occhi e pensi ‘Dovrò intepretare personaggi con una cicatrice sulla faccia per il resto della mia carriera.’

Qualche volta le idee sono addirittura più letali delle armi: il brillante costruttore di navi di Ragnar, Floki (Gustaf Skarsgard), che è basato sul personaggio del dio Loki, ha una mente pronta a combinare guai. “È un truffatore che dà il via ad una pericolosa catena di eventi,” commenta Skarsgard. (Curiosità: le due navi che sono state costruite apposta per la serie sono lunghe 56 piedi, circa 17 metri, e pesano due tonnellate e mezzo ciascuna).

Grazie alla complessità della storia e ai costi di produzione, la pressione è tanta. “Vogliamo mostrare un prodotto di qualità in prima serata,” racconta il produttore esecutivo Morgan O’Sullivan. E non esiste un altro canale con cui i produttori preferirebbero lavorare. “Mi sento fortunato,” dice Hirst. “Non mi viene in mente nessuna casa migliore per la serie.” E se tutto questo ancora non attirasse i telespettatori magari il sesso lo farà. “È uno show sexy” promette la Winnick. “C’è guerra. C’è sangue. E c’è sesso. È fantastico!

Vikings debutterà domenica 3 marzo su History. Eccovi uno dei tanti trailer messi in circolazione per promuovere la serie.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.