The Walking Dead | Recensione 5×15 – Try

twd5

Ad esclusione degli ultimi dieci intensi minuti, questo “Try” ha l’aria di essere un episodio filler ideato per allungare il brodo in vista del tanto atteso finale di stagione. Mentre Deanna e famiglia tentano di elaborare il lutto per la perdita di Aiden, Rick cerca di risolvere il problema di Pete e dei suoi scatti di violenza e Michonne e Rosita tentano di riportare Sasha alla ragione. Nel frattempo, Daryl e Aaron trovano gli inquietanti segni del probabile passaggio di gente ostile: un nuovo nemico è alle porte?
Di certo le cose si sono complicate sia per Rick & Co. che per gli abitanti di Alexandria: la morte di Aiden ha scosso i fondatori di questa piccola pacifica comunità e c’è il rischio che i nostri vengano cacciati se Deanna dovesse decidere try1di credere alle menzognere parole di Nicholas e di Padre Gabriel. Ma, è evidente, per Rick non sarebbe un’opzione neppure pensabile l’andarsene da quella che sta diventando una nuova casa per lui ed i suoi uomini. Probabilmente, nel season finale arriveremo ad uno scontro armato e la prospettiva è alquanto interessante. È ovvio che le esigenze di entrambe le fazioni vadano contemperate: Rick e gli altri non possono pretendere di avere il comando assoluto, così come Deanna e i suoi devono mettersi in testa che hanno bisogno dell’aiuto e dell’esperienza dei nuovi arrivati.
Rick è evidentemente psicologicamente provato da tutto ciò che ha vissuto e spesso fatica a ragionare lucidamente. Più di una volta non si è dimostrato un leader all’altezza e francamente si fa fatica a comprendere come il suo gruppo abbia continuato a credere in lui senza (quasi) mai contraddirlo, ma questa volta ha ragione: Pete va fermato (magari non uccidendolo, dato che è un medico…) e, se dovesse servire, Alexandria va conquistata. È troppo importante per tutti poter continuare ad abitare in un luogo sicuro che abbia una parvenza di civiltà e, più di tutti, è importante per Judith e Carl.
Carl, ad Alexandria, sta recuperando quelle piccole grandi tappe della crescita che era stato costretto a saltare. In questa 5×15 lo vediamo interessato ad una ragazza e i suoi un po’ goffi tentativi di cercare di catturare la sua attenzione stridono con il contesto apocalittico in cui i due si trovano. Quei sussurri e quell’imbarazzo tra Carl ed Enid sono la normalità, sono la natura che è più forte di tutto e che, anche in un mondo ormai devastato, prevale. I walkers “sullo sfondo” sono una sorta di allegoria di tutto questo. Senza dubbio, questa parte dell’episodio è molto bella, ma viene da domandarsi: possibile che gli adulti non controllino mai i ragazzini in questo show?
Ma veniamo a ciò che ci fa pregustare quanto vedremo – con tutta probabilità – nella prossima stagione: Daryl e Aaron si imbattono in uno spettacolo agghiacciante (un omaggio a True Detective?) e incontrano una walker con una W incisa sulla fronte. È chiaro anche a loro che qualcosa non va. Chi sta lasciando quei segni (che non è la primatry2 volta che vediamo)? Purtroppo per i nostri, non sembra essere opera di nessuno di amichevole. Staremo a vedere, sperando che appaia all’orizzonte un nuovo grande villain.
L’episodio si chiude con una rissa tra Rick e Pete e con Deanna che riesce a fermarli e che, minacciosa, sembra far capire che dovrà essere lo Sceriffo Grimes ad abbandonare Alexandria. Cosa succederà? I nostri proveranno a conquistare la cittadina con la forza? È tutto molto interessante, ma non si può non avere l’amaro in bocca per l’occasione sprecata che continua ad essere The Walking Dead: due prime stagioni notevoli e poi un lento declino.

Passate da The Walking Dead Italia e da The Walking Dead – Italia per essere sempre aggiornati sullo show!

Vi lascio con il promo del season finale:

https://www.youtube.com/watch?v=Qc9ZvyjACA4

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,429FollowersFollow

Ultimi Articoli