The Good Fight | In che modo la premiere ha ricordato Alicia e Will

Durante la premiere di domenica di The Good Fight su CBS All Access, i fan hanno visto molti volti familiari di The Good Wife – ma ci sono stati anche diversi messaggi velati (e non così nascosti) per gli altri. Abbiamo chiesto ai creatori Michelle e Robert King di indicarci chi fosse sicuramente lì con lo spirito.

EW: Quando avete pensato ad un nome per lo spin-off, era importante che ci fosse la parola “good”?
Robert King: Abbiamo pensato a molti titoli. Sembrava una buona idea mantenere la parola “good” perché avrebbe creato un eco con il titolo originale, ma ci piace anche in che modo il termine “good” gioca ironicamente. L’unico altro titolo che avevamo preso in considerazione era “The Greater Good”, ma poteva essere percepito come presuntuoso.

È stato intenso come una sorta di presa in giro il fatto che ci fossero così tanti nomi di partner nello studio legale di Diane?
Michelle King: Sì. Lo studio legale di The Good Wife continuava a cambiare nome e marchio e questo ci è sembrato un modo divertente per fare un paragone. Ci piaceva l’idea di una fusione tra tre studi legali di medie dimensioni dove nessun partner avrebbe dovuto rinunciare alla propria fatturazione. Inoltre, durante la ricerca per una location, l’occasione migliore è stato un enorme e grande studio legale al 55° piano. Sembrava un luogo che avesse inghiottito il vecchio studio legale di Diane.

Vi siete sentiti obbligati a parlare di Alicia?
Robert King: Sì, un po’. Sembrerebbe strano se i personaggi fingessero che non è mai esistita – soprattutto perché la tensione tra Lucca e Diane era basata sul loro legame con Alicia. Non abbiamo voluto costruire un retroscena elaborato per Alicia perché altrimenti sarebbe diventato il vero finale di The Good Wife. Quindi un riferimento di passaggio ci è sembrato giusto.

Diane dice: “Le persone che pensavo fossero santi, in realtà non lo erano”. Era riferito ad Alicia?
Michelle King: Sì, era un richiamo velato ad Alicia. Diane è diventata più realistica in questi ultimi anni, rendendosi conto che la gente che idolatrava aveva in realtà i piedi d’argilla.

La diapositiva di Diane e Will alla sua festa di addio… perché avete deciso di farlo?
Robert King: La presentazione è stata una sintesi della vita di Diane. Una parte importante della sua vita è stato Will, e la morte di Will. Abbiamo ritenuto opportuno vedere la reazione di Diane. Amiamo la sua reazione: è il giusto mix di emozioni.

Lucca ha sostenuto Diane quando il suo studio legale aveva deciso di assumerla, ma è sembrata rancorosa nei confronti di Diane durante il caso di violenza. Da dove viene quell’amarezza?
Michelle King: È stato un comando da parte di Adrian Boseman (interpretato da Delroy Lindo). Voleva sconvolgere Diane emotivamente sottolineando le loro differenze.

La situazione di Henry Rindell: verrà affrontata e risolta per tutta la stagione?
Robert King: Sì. Per noi è più interessante l’impatto che lo scandalo ha su Maia che i particolari dello scandalo. The Good Wife ruotava sul lato oscuro nel matrimonio. The Good Fight ruota sul lato oscuro nella famiglia.

È stato bello vedere David Lee e Howard Lyman. Li vedremo di nuovo?
Michelle King: Purtroppo non in questa stagione. Vogliamo rivederli, sono troppo divertenti per lasciarli da parte.

The Good Fight ha debuttato domenica sera su CBS All Access.

Fonte

Vincenzo
Patito di telefilm fin da sempre, che segue rigorosamente in lingua originale. Non predilige un genere in particolare ma è convinto che il soprannaturale abbia una marcia in più. Troppe le serie che segue, che ha seguito (terminate) e che seguirà! Telefilm preferito: Supernatural.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,434FollowersFollow

Ultimi Articoli