The Flash | Recensione 3×02 – Paradox

Dopo una premiere che molto lasciava a desiderare, il secondo episodio di “The Flash” riesce in qualche modo a recuperare un po’ di terreno qualitativo, preparando la strada per lo sviluppo delle storyline future. Sebbene alcuni difetti della premiere siano tornati a farsi vivi – parlo dell’eccessiva velocità nella risoluzione dei conflitti – in questo caso sono più facilmente perdonabili perché frutto dell’esigenza di proseguire con la narrazione che nel caso della 3×01 non c’era.

Una volta terminata la visione dell’episodio, ho avuto la conferma che se avessero progettato la premiere come parte I di un doppio episodio e questa 3×02 come la parte II, sarebbe stato meglio: le mancanze del primo episodio sarebbero rimaste, ma avremmo avuto una visione d’insieme che avrebbe reso le singole più organiche e certi difetti più facilmente giustificabili.

Questo secondo episodio, benché ancora lontano dai fasti delle scorse stagioni, si qualifica nella media della serie tv e nonostante presenti una certa eccessiva voglia di fare che poco lascia spazio a coinvolgimenti emotivi, ha risollevato la mia opinione dagli abissi in cui era precipitata la scorsa settimana.

Con un ritmo avvolgente quanto un rompicapo, abbiamo accompagnato Barry nella scoperta delle conseguenze causate dai suoi viaggi nel Tempo ed abbiamo assistito alla sua presa di coscienza – FINALMENTE – che certi errori hanno conseguenze più grosse di quanto si possa pensare.

«We are not Gods. We’re men.»

Jay Garrick/The Flash I

In particolare mi ha colpito come, con un procedimento tipico della suspance, i cambiamenti più evidenti siano stati i più facilmente risolvibili mentre altri, che al momento sembrano poca cosa o non sono stati ancora palesati, potrebbero essere forieri di ben più aspre conseguenze.

Il mondo in cui Barry torna, vede innanzitutto Iris incapace di perdonare il padre per averle nascosto la verità sulla madre, mentre Cisco piange la morte del fratello Dante (ucciso da un autista ubriaco e non dal metahuman mandato da Zoom, come ho inizialmente pensato) ed è arrabbiato con Barry perché l’amico – tu guarda l’ironia – si era rifiutato di tornare indietro nel tempo per riportare in vita Dante.

Se nel primo caso la questione è facilmente liquidabile (tant’è che Iris fa marcia indietro più velocemente di Barry nei suoi giorni migliori), la seconda apre uno scenario di riflessioni interessanti. Innanzitutto ci ricorda che Barry ha da sempre predicato bene sulla questione time-line (ha anche lottato contro villain che la minacciavano!) ma che ha anche, costantemente, irreparabilmente, finito per razzolare male.

what-is-wrong-with-you

C’è una grossa differenza, però, fra il cancellare una confessione di Oliver Queen a Felicity e il cambiare radicalmente intere esistenze e il Barry che incontriamo ora lo ha finalmente capito. E nel più duro dei modi.

flash-i

Se è vero che è stata necessaria una sgridata severa di Henry Allen – Il Doppelganger alias Flash I (con Dawson Leery per scenografia, le cui espressioni contrite sono seconde solo a quelle del Grumpy Cat) – per far capire a Barry che la time line non è il gioco del Monopoli per cui puoi passare dal via ogni volta che vuoi e trovare sempre le stesse caselle, è anche vero che a far comprendere emotivamente il peso degli errori fatti è proprio la consapevolezza di aver – indirettamente – causato la morte del fratello di Cisco. Una morte che nella prima linea temporale non era avvenuta.

Ed è solo dopo aver toccato il fondo che Barry capisce ciò che avrebbe dovuto comprendere due stagioni fa…

ta-da

«I can’t go back. I can’t change it. All I can do is move forward.»

Barry “Meglio Tardi che Mai” Allen

conga-2

A catturare l’attenzione dello spettatore, però, sono altri cambiamenti, per il momento solo accennati.

Parto dal più palese. Questa puntata ha visto l’introduzione di un nuovo personaggio interpretato da un attore molto caro a noi Potterhead. Tom Felton/Julian Albert (il cui accento british è stato preservato, thank you very much) è uno scienziato forense a capo delle analisi relative alla Squadra anti Meta-Human del CCPD. Per ora non sappiamo molto di lui, solo che ama fare costruzioni con la sabbia in bottiglia (o era una qualche simulazione per un caso?) e che non si fida di Barry. Come Iris nella prima stagione, sente puzza di imbroglio e non dubito che questa “sensazione” (che per ora è solo tale), lo porterà ben presto a diventare una vera e propria spina nel fianco del nostro speedster. Se il suo ruolo è destinato ad ampliarsi ad altro, per ora, non ci è dato di saperlo.

julian-1julian-2

Il secondo cambiamento importante è quello che vediamo solo in chiusura d’episodio: Caitlin Snow si sta trasformando in Elsa di Frozen Killer Frost, o meglio ne possiede i poteri e, a giudicare dall’espressione sconvolta di Cait, la cosa è nuova anche per lei. Come verrà sviluppata questa nuova storyline? In che modo Cait ha ottenuto i poteri? Quando? Anche in questo caso, ci hanno lanciato un – bellissimo – amo ed hanno rimandato le risposte a data da destinarsi. Certamente, è stata una mossa astuta: il personaggio di Caitlin Snow necessitava di una scossa e la scelta di proseguire sul cammino di Killer Frost è di certo interessante.

cait

Il terzo cambiamento è qualcosa che è stato solo accennato, ma che è saltato subito al mio occhio: Cisco ha rivelato a Leonard Snart la vera identità di Flash per poter salvare il fratello. Innanzitutto, perché proprio Capt. Cold era in grado di salvare la vita di Dante? Voleva ibernarlo? I Legends of Tomorrow sono nati grazie a Flash e Green Arrow per cui non può essere legato alla navicella dei Time Masters. Ma soprattutto, questa rivelazione cambia notevolmente le dinamiche fra Barry e Leonard: Snart non ha promesso affatto di stare lontano da Central City e fra i due non si è creata l’intesa che, invece, porrà le basi per l’inclusione di Capt. Cold nella squadra delle Leggende. In che modo rincontreremo Snart in questa linea temporale? Se lo rincontreremo, ovvio, considerato che in quella ufficiale è SPOILER SPOILER SPOILER SPOILER defunto.

In un certo senso, anche la sostituzione di Sarah Junior con John Junior è rilevante perché ci fa capire – nel caso avessimo deciso di far finta di nulla – che il pasticcio combinato da Barry avrà conseguenze anche sul mondo di Arrow e di Legends of Tomorrow. In che modo? Ok, forse questa è una domanda per chi, come me, segue tutte le serie CW sui supereroi.

Infine, abbiamo nuove news sul cattivo della stagione. Con un’introduzione degna del migliore cattivo di “Streghe”, un certo Alchemy, pardon Cisco, Dott. Alchemy, si rivela ai suoi discepoli come colui che dominerà il mondo restituendo i legittimi poteri a tutti coloro che non li posseggono ora, ma li hanno, per un motivo o per un altro, posseduti in passato. E fa tutto ciò spogliandoli, letteralmente, del loro guscio esteriore che viene abbandonato alla mercè di chiunque lo trovi. Un guscio esteriore che ricorda vagamente certi alieni della serie tv “Roswell” e che mi ha fatto chiedere perché, al posto dell’unità vs Meta-Human, non ci fosse l’FBI pronto a portare il fac-simile di cadaverino nell’Area 51. Questo cattivo, al momento, sembra un mix fra i peggiori film di fantascienza e la Sorgente di Streghe, con sul viso la maschera 2.0 di Scarecrow di “Arrow” incrociata con quella di “Saw-L’Enigmista”. Insomma, nulla di particolarmente esaltante di per sé. La situazione si fa interessante, però, per via di due particolari: il primo è che è in grado di comunicare con i suoi prescelti a livello telepatico e infrangendo le barriere anti-materia delle prigioni per meta-human, il secondo è che sta creando un esercito di meta-human arrabbiati con Flash e il mondo intero. Un esercito controllabile psicologicamente. Da questo punto di vista, la sua introduzione in un ambiente che ricordava una setta, è tutt’altro che casuale.

alchemy

Tra l’altro, il fatto che i Time Wrath non siano intervenuti a tirare le orecchie fulminose di Barry e la presenza di un villain in grado di ricordare, invece, cosa sia avvenuto in altre linee temporali e spaziali, mi fa ipotizzare la presenza di un legame fra dott. Alchemy e il mondo dei viaggi nel tempo.

Insomma, con questo secondo episodio, la serie sta ponendo le prime fragili basi per il futuro, non ci resta che aspettare e goderci cosa accadrà dopo. Le premesse sono ancora problematiche e con poco appeal ma ho deciso che voglio dare fiducia ai futuri episodi e confidare che aggiungere nuovi pezzi del puzzle possa aiutare alla stagione. Dopotutto, anche lo scorso anno è decollata tardi e poi ci ha regalato un cattivo con la “C” maiuscola, come Zoom.

Per citare George Michael: «You gotta have faith»

Prima di chiudere, qualche mini-considerazione. La prima, riguarda i West e quanto io stia ADORANDO vederli insieme: l’aggiunta di Wally si sta rivelando azzeccata e spero di vedergli indossare il costume da Kid Flash in futuro. La seconda, riguarda Cisco che si sta specializzando come Vibe. Go Cisco! Ma qualcuno gli spunti un po’ la chioma che nun se po’ vedé.

vibe

La terza, riguarda un ulteriore parallelo con la vecchia time line: il bacio Westallen è una replica di quanto accaduto nello scorso season finale. Ammetto di essere contenta che almeno una gioia – non dico tante, UNA – ci sia stata. Non sono una shipper sfegatata, ma il legame che unisce Barry ad Iris è un aggiunta che più di una volta si è dimostrata utile allo stesso Flash.

westallen

La quarta, una buffa non-so-quanto coincidenza: sbaglio o Mr. Allen interpretava il babbo di Dawson Leery in “Dawson’s Creek”?

Vi lascio al promo del prossimo episodio quando FINALMENTE tornerà il mio amato Tom Cavanagh in compagnia super veloce di una certa figliola. Come sarà questo nuovo Harrison Wells? Una nuova versione o quello vecchio solo in versione Mago Merlino di partenza per le Hawaii (cit. La Spada nella Roccia)?

Che cosa ne pensate di questo secondo episodio? Vi aspetto nei commenti.

Prima di andare vi ricordo le bellissime pagine dedicate al nostro amico velocista scarlatto:

Grant Gustin Italia

»Cisco Ramon

Run Barry Run

The Flash Italian Fans

That’s all folks!

The Lady and the Bandhttps://illabirintodellestorie.com/
Ha un passato da ladra insieme alle sorelle Occhi di gatto, ha difeso la Terra nel team delle guerriere Sailor e fatto magie con Terry e Maggie. Ha fornito i sigari sottobanco ad Hannibal e il suo A-Team, indagato con gli Angeli di Charlie Townsend, ha riso con la tata Francesca ed è cresciuta con i 6 Friends di NY. Ha imparato ad amare San Francisco difendendo gli innocenti con le Streghe, è stata un pivello insieme a Jd-Turk-Elliott, ha risolto crimini efferati con praticamente il 90% di poliziotti e avvocati del piccolo schermo e amato la provincia americana con Lorelai e Rory Gilmore. Avrebbe voluto che il Fabbricatorte non chiudesse mai e non ha mai smesso di immaginare Chuck e Sarah che «sedano rivoluzioni con una forchetta». Lettrice appassionata, Janeites per fede, amante delle storie sotto ogni forma fin da piccola. Segue serie poliziesche, comedy e sit-com soprattutto, uniche allergie riconosciute sono quelle allo sci-fi e all'horror.

Related Articles

4 COMMENTS

  1. Hello!

    no no non sbagli, era proprio il papà di dawson in dawson’s creek!

    tornando alla puntata condivido anche’io il fatto che avrebbero dovuto fare la doppia premiere, vista la portata di ciò che è avvenuto nel finale della seconda stagione, forse è anche per questo che i ratings sono calati?

    andando ad ipotesi, la gente vedendo la 3×01 avrà pensato “ah che barba che noia!” e questa settimana non ha guardato la seconda, mentre se avessero mandato in onda 3×01 e 3×02 insieme gli spettatori si sarebbero appassionati di più

    su caitlin e la scoperta “agghiacciante”- by the way, la scena avviene dopo che barry ha trovato curioso il fatto che la ragazza fosse l’unica a non aver risentito del flashpoint, le ultime parole famose barry!- le opzioni sono due: o davvero diventa la killer frost di terra 1, ma ancora più cattiva (quella di terra 2 non lo era fino al midollo, ha sofferto quando ronnie cattivo è morto), e bisogna tener conto che barry facendo questo enorme disastro ha creato una nuova linea temporale!
    quindi non sappiamo nulla di questa caitlin!
    opzione 2: veniamo smentiti e resta nel team ad aiutare barry

    julian albert: confessa a barry che non si fida di lui, non serviva dato che ha fatto l’acido con lui per l’intero episodio! 😀

    cisco sta perfezionando i suoi poteri salvando il sederino a barry però è stato d’impatto quando recrimina all’amico il fatto che se sono i suoi parenti a soffrire, allora è ok incasinare il tempo mentre per il fratello di cisco no, non si può fare!

    marò ho scritto una papiro! 😀

    alla prossima

    • ciao!
      Ben ritrovata! 🙂
      Grazie del commento!

      Per i ratings, sono d’accordo ma ho un’opinione molto poco seria su di essi perché non tengono conto di chi registra, di chi lo guarda su altre piattaforme (quest’anno la CW ha lanciato un’app simile alla nostra raiplay che permette di vedere le serie tv in diretta dal pc e non dalla tv) etc per cui sono affidabili fino ad un certo punto. Concordo però che con una premiere del genere, la voglia di vedere il secondo episodio, scappa.
      Su Cait: mi intriga molto capire COME abbia ottenuto le capacità e se in qualche modo si collegherà al dott. Alchemy oppure le svilupperà, come Cisco, e resterà nel team Flash. Insomma, avrà una sbandata evil o resterà buona?Non credo che vorranno trasformarla nella perfetta Killer Frost, non fino in fondo per lo meno.
      Julian Albert è il Draco Malfoy del CCPD ahahahah…la simpatica per Barry gli si leggeva sul viso, sarà perché Barry è bruno con gli occi chiari ed ha a che fare con roba che sembra una saetta?Ok, battuta idiota, vado a nascondermi 😀
      Cisco le ha cantate proprio bene a Barry ma alla fine Barry aveva ragione. Diciamo che Barry ha commesso l’errore di Cisco e parla per esperienza.
      Quale papiro????Io sono contentissima di leggere cosa ne pensate voi lettori!!!!
      Alla prossima!

  2. Ciao! Questa puntata lascia di nuovo parecchi interrogativi sia sul passato sia sul futuro dei vari personaggi, nonostante alcune cose le abbiano fatte finire a tarallucci e vino o quasi (vedi Iris e Joe e Barry e Cisco). Tuttavia le premesse sembrano essere abbastanza interessanti: mi piace che Cisco stia prendendo sempre più confidenza con i suoi poteri e che Cait stia diventando Killer Frost (il suo personaggio aveva bisogno di uno scossone e sinceramente non è che vi fossero molte opzioni su cosa farle fare). Julian è adorabilmente antipatico: sono curiosa di sapere di più su di lui. A non convincermi ancora del tutto è questo Alchemy, che sebbene abbia qualche asso nella manica, non riesce a farmi preoccupare come dovrebbe. Spero di dovermi ricredere. Vedremo…
    Alla prox. 🙂

    • Ciao!
      Grazie del commento e sì, concordo su tutto.
      Cait – Killer Frost è la storyline che mi intriga di più ma, alla luce del terzo episodio, sto iniziando a voler concedere un po’ di fiducia ad Alchemy: non è detta l’ultima parola e non è detto che non possa essere utile per approfondire alcune questioni.
      Alla prossima 🙂

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,035FollowersFollow

Ultimi Articoli