The Flash | Il “grande” finale e Grodd

fla121_sg_049.020.001

Armen Kevorkian e il suo team hanno affrontato la loro sfida più grande fino ad ora, dando vita al malvagio gorilla.

The Flash si è guadagnato degli elogi come uno dei più visivamente ambiziosi show tratti dai fumetti presenti in televisione, grazie in gran parte al supervisore degli effetti visivi Armen Kevorkian e al suo team.

Nella puntata di mercoledì, la squadra di Kevorkian ha affrontato la loro sfida più grande quando Barry (Grant Gustin) ha finalmente affrontato Grodd, un gorilla psichico il cui aspetto era stato anticipato per mesi ai fan. In un mondo dove Andy Serkis e il franchise di Planet of the Apes della Fox hanno puntato in alto per questo genere di effetti speciali, la posta in gioco era ancora più alta.

In una chiacchierata con The Hollywood Reporter, Kevorkian parla della pressione di essere all’altezza delle aspettative dei fan del fumetto e cosa dobbiamo aspettarci dagli ultimi due episodi della prima stagione.

Quali sono state le sfide nel dare vita a Grodd?

Sapevo che potevamo creare qualcosa che sarebbe stato piacevole, ma doveva essere piacevole per la massa per poter sapere se avevi fatto bene il tuo lavoro. Fino a ieri sera, avevo ancora quella sensazione di agitazione, “Spero che tutti rimangano soddisfatti da questo personaggio” che è abbastanza conosciuto nel DC Universe.

Hanno inciso i grandi effetti di Dawn of the Planet of the Apes?

Assolutamente. Il pubblico è abituato ai film da 200 milioni di dollari. Sanno che si tratta della televisione, ma nonostante questo devi essere all’altezza di ciò a cui sono visivamente abituati, anche se non si ha la stessa quantità di tempo. Cerchiamo di strutturare quello che facciamo preparandoci in anticipo. I nostri produttori – Greg [Berlanti], Andrew [Kreisberg] e Geoff Johns – sono grandi nell’anticiparci certe cose cosicché abbia un po’ più di tempo per pensarci sopra e svilupparle. È molto impegnativo in confronto con Planet of the Apes dello scorso anno, che è stato incredibile, per ricreare un personaggio che il pubblico ha aspettato per tutta la stagione.

Cosa dobbiamo aspettarci dal ritorno di Firestorm (Robbie Amell) della prossima settimana?

Ciò che è stato divertente nel creare il suo personaggio, e allo stesso tempo impegnativo, è che ovviamente dai un’occhiata ai riferimenti del fumetto perché vuoi rimanere nello stesso genere di ciò che è stato stabilito. Ma devi crearlo per un film, e quando hai un ragazzo con la testa e le mani in fiamme, sei al limite del “potrebbe sembrare dozzinale”. Ci sono stati altri personaggi nei film dove le persone sono state in fiamme – La Torcia Umana e cose del genere – quindi sono quelle sfide di ciò che hanno stabilito nei film dalle quali vuoi prendere le distanze perché il tuo personaggio è diverso, però vuoi rimanere nello standard della qualità che è stata stabilita. È stato impegnativo assicurarsi che gli rendessimo giustizia, perché era uno dei personaggi preferiti dai fan e non volevamo rovinare tutto.

Lavori a delle cose come Grodd con davvero molto anticipo?

Dopo aver completato il pilot, Greg, Andrea e Geoff Johns mi hanno anticipato che volevano introdurre Grodd in questa stagione. Questo mi ha permesso di pensare, insieme ai miei ragazzi, a come avremmo fatto questo personaggio. Hai un po’ di tempo in più, anche la parte in cui pensiamo a come vorremmo organizzare le cose per arrivare dove vogliamo quando arriva il momento. Abbiamo cominciato a costruirlo con un po’ di anticipo. Ma sei impegnato con gli episodi che vanno in onda, quindi non hai molto tempo da dedicare ai progetti secondari.

Gli effetti visivi sono notoriamente un lavoro 24/7. Tu e la tua squadra riuscite ad avere una vita al di fuori?

È difficile. Quando firmi per questo tipo di lavoro, sai che impiegherà la maggior parte del tuo tempo. Fin quando ti sta bene, allora è una scelta che fai e la porti avanti.

State già pensando alla seconda stagione?

Ci prenderemo una pausa. Sono state buttate lì alcune cose che potremmo fare, ed è sempre un bene avere in mente qualcosa in modo da poter cominciare a pensarci sopra. Ci prenderemo sicuramente una pausa dopo aver terminato gli ultimi due episodi, che sono abbastanza intensi e fighi. Firestorm tornerà nell’episodio della prossima settimana per dare una mano, ed ha un aspetto fantastico.

The Flash va in onda il martedì alle 8 p.m. su The CW.

Fonte

Vincenzo
Patito di telefilm fin da sempre, che segue rigorosamente in lingua originale. Non predilige un genere in particolare ma è convinto che il soprannaturale abbia una marcia in più. Troppe le serie che segue, che ha seguito (terminate) e che seguirà! Telefilm preferito: Supernatural.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,378FollowersFollow

Ultimi Articoli