The 100 – Recensione 7×04: Chi sono i Discepoli?

The 100

Bentornati carissimi Addicted con la recensione della 7×04 di “The 100“.

Le varie trame stanno convergendo e finalmente i Discepoli si sono manifestati anche a Sanctum, mettendo Clarke e gli altri in allerta. Il mistero che avvolge questo nuovo gruppo, però, non è ancora stato sciolto e abbiamo avuto modo solo di raccogliere alcuni piccoli indizi.

Attraverso i ricordi di Hope, abbiamo scoperto di più sul suo rapporto con Dev e sulla crescita della ragazza. Il prigioniero le ha sostanzialmente fatto da fratello maggiore, accudendola e allenandola nei dieci anni successivi alla scomparsa di Octavia e Diyoza. Viste le condizioni in cui abbiamo conosciuto il secondo penitente, non è sbagliato pensare che, in fondo, i due si siano salvati a vicenda: Dev non è impazzito per la solitudine forzata e Hope non ha mai perso la speranza di riuscire in qualche modo a salvare la madre e la zia.

È stata poi la conoscenza di Orlando a darci le vere informazioni sui Discepoli.

THE 100 RECENSIONE 7×04: CHI SONO I DISCEPOLI?

La forte impronta gerarchica della loro società si manifesta anche nei simboli che portano tatuati sul volto e che rappresentano dei livelli di crescita, guadagnati con un rigido addestramento. Gli stessi che avevamo visto sul volto di Hope e che le erano stati dipinti da Dev per permetterle di confondersi tra la gente di Bardo.

Scopriamo poi che i Discepoli seguono una vera e propria religione, in cui il cosiddetto Pastore viene identificato come una sorta di Messia che ha salvato il suo popolo dalla distruzione e lo porterà alla vittoria nella battaglia finale. La “preghiera” di Orlando mi fa pensare che anche il Pastore sia uno dei sopravvissuti al primo disastro nucleare sulla Terra. Data la ricorrenza tutt’altro che casuale, potrebbe essere in qualche modo collegato a Becca?

Tornando a Sanctum, ci viene anche mostrato il funzionamento delle uniformi dei Discepoli. Anche in questo caso il fatto che tutta la loro tecnologia si basi sul controllo mentale mi spinge sempre di più a cercare un collegamento con gli esperimenti di Becca sui chip e sul trasferimento di coscienza.

La teoria di Gabriel sui buchi neri viene ulteriormente confermata, ma l’aggiunta non da poco è stato vedere attraverso gli occhi di Raven che Sanctum, Penance (vero nome di Skyring) e Bardo non sono gli unici pianeti collegati, ma ne esistono ben altri quattro. Purtroppo i nostri non hanno la stessa dimestichezza nel muoversi  tra queste dimensioni, e suppongo che al momento ignorino le conseguenze dei gap temporali, quindi diciamo che andare in gita per pianeti sconosciuti, senza equipaggiamento o preparazione, sia stata solo l’ennesima pessima idea funzionale a creare la giusta dose di difficoltà – in fondo siamo solo alla quarta puntata.

Ultimo ma non ultimo, anche i Discepoli conoscono Clarke – sai, quando sei la protagonista… Rimane da capire il perché di questo interesse ed il come siano venuti a conoscenza delle sue grandi gesta, se dai ricordi estratti  forzatamente da Octavia o come conseguenza della loro capacità di muoversi attraverso lo spazio-tempo.

Tutto ciò che abbiamo scoperto sui Discepoli sta rendendo la situazione ancora più interessante  e ovviamente non vedo l’ora di  saperne sempre di più.

THE 100 RECENSIONE 7×04: GRUPPI IMPROBABILI

In questa puntata più orientata verso la scoperta, non sono però mancate le  interazioni. Anzi le strane accoppiate l’hanno fatta decisamente da padrone.

Il trio Echo-Hope-Gabriel è stata una piacevole scoperta. Dovendo sottostare ai tempi accelerati di Penance e ai ritmi della narrazione, ovviamente non potevo pretendere di avere tutti i dettagli  dei cinque anni passati insieme. Resta il fatto che le dinamiche, anche solo intuite, che si sono instaurate tra di loro mi sono piaciute.

Mi è dispiaciuto solo vedere come hanno “voltato le spalle” a Orlando, anche se sappiamo bene che il loro obiettivo era salvare Bellamy e gli altri e che dopo aver aspettato tanti anni non avrebbero rischiato di commettere errori. Nonostante il biglietto mostrato dal leader dei Discepoli, ho ancora qualche riserva sulla fine di Orlando. Il suo suicidio sarebbe in linea con quanto ci hanno mostrato del suo personaggio, però quella sarebbe stata anche una chiusura davvero molto amara.

La missione di Clarke, invece, ha riunito un gruppo ancora più eterogeneo. Raven in piena crisi da senso di colpa;  Jordan apparentemente rinsavito; Miller, che forse tornerà agli inizi e farà qualcosa di più che limitarsi a sparare; Niylah, che a questo punto suppongo sia sopravvissuta a tutto senza muovere un dito solo per dimostrarsi fondamentale in questa task force.

Da questi cinque, francamente, mi aspetto di tutto.

THE 100 RECENSIONE 7×04: QUESTIONI IRRISOLTE

Questa settimana, invece della consueta Top 3, vorrei lasciarvi con qualche domanda, per capire cosa potrebbe accadere nelle prossime settimane.

  • Cosa è successo a Diyoza e Octavia? Dove è stato portato  Bellamy? Saranno effettivamente tutti prigionieri  a Bardo o potrebbero essere stati separati su altri pianeti? Le due donne hanno in qualche modo trasgredito le regole, e potrebbero essere andate incontro a qualche tipo di punizione, ma cosa hanno contro Bell?
  • Quindi qual è  il vero scopo dei Discepoli? Chi è il Pastore che li guida e quale dovrebbe essere l’ultima grande battaglia per cui si stanno addestrando? Perché pur sapendo dell’esistenza di Sanctum non hanno mai interferito con i Prime?
  • Dove sono finiti Clarke e gli altri? E dove è stata portata Gaia? Con queste divisioni, avremo modo di esplorare tutti i pianeti collegati dai buchi neri?
  • Ora che il portale di Sanctum è stato distrutto, non c’è davvero possibilità di ritorno?

Le questioni da risolvere sono davvero tante e sembra non facciano che aumentare.

Vi lascio con il promo della 7×05 e vi ricordo di passare dalle pagine Facebook dedicate a “The 100”.

The 100 Italia

The 100 – Bellarke Italia Page

DeCento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.