Tele-Spiego | Significato di rating: cosa include e quanto è importante

Torniamo con la rubrica “Tele-Spiego.” In questo articolo vi spiegherò cosa è il rating.

Giornalmente vengono pubblicati gli ascolti delle serie tv andate in onda la sera prima e sicuramente vi sarà capitato di leggere la dicitura “Rating A18-49” magari vi sarete chiesti cosa significhi, oppure sapete che i network prendono in considerazione quel dato, però non sapete cosa è in realtà. Partiamo subito dalla definizione generica (ovviamente quando parlo di rating è logico che mi riferisco a quello televisivo):

Rating: Percentuale stimata di possessori di televisori sintonizzati in uno show in un minuto medio. Il rating è solitamente espresso in percentuale.

Il discorso però non è così semplice, quando leggete che la vostra serie preferita registra un rating del 3.4 nella fascia “Adulti 18-49” non significa che 3.4 milioni di spettatori nel target 18-49 hanno visto quell’episodio. Significa invece che il 3.4% delle 126 milioni (circa) di persone tra i 18 e 49 anni hanno visto quel programma. Quindi la definizione di rating cambia quando parliamo di fascia “Adulti 18-49.”

Rating A18-49: Percentuale stimata di persone tra i 18 e i 49 anni sintonizzati in uno show in un minuto medio.

L’azienda che si occupa degli ascolti americani è la Nielsen che ogni anno fà una stima del numero di persone per ogni categoria, quella che segue è la tabella della stagione televisiva 2012/13:

Quindi usando questa tabella possiamo benissimo convertire i rating che vedete nei vari articoli sugli ascolti, ecco qualche esempio:

The Big Bang Theory 5.4 di rating nella fascia A18-49: significa che il 5.4% degli adulti 18-49 ha visto l’episodio, che corrispondono a 6.8 milioni di spettatori in quella fascia.
The Vampire Diaries 1.3 di rating nella fascia A18-49: significa che l’1.3% degli adulti 18.49 ha visto l’episodio, che corrispondono a 1.6 milioni di spettatori in quella fascia.

Probabilmente vi starete chiedendo: tutto sto sbattimento perchè dovrebbe essere importante? La risposta è semplice visto che il target Adulti 18-49 è quella fascia di popolazione che “vale” per i pubblicitari, quindi più è alta la percentuale di persone in quella fascia che vede quell’episodio (il rating quindi), più le reti incassano per la pubblicità.

Inoltre voglio ricordarvi che, quando vedete gli ascolti di una serie, non dovete prendere in considerazione solo il numero di telespettatori, perchè da solo non conta nulla, considerate anche il rating perchè è quello che decide il rinnovo di una serie. Esempio: CBS ha sempre serie che registrano minimo 15 milioni di spettatori ma che poi hanno rating del 1.3-1.4 nella fascia A18-49, (vedi Vegas) questo è sintomo di cancellazione nonostante gli alti valori assoluti. E soprattutto significa che il pubblico che segue la serie non fa parte del target 18-49, ma è abbastanza anziano.

Chiudo il discorso dicendo che tutto quello che riguarda il rating e gli ascolti, si basa su stime e estrapolazioni statistiche che vengono effettuate da Nielsen. In realtà sono poco meno di 37.000 le famiglie che Nielsen monitora realmente tramite i cosidetti “Meter.” Tutto questo può portare ad un discorso sulla credibilità degli ascolti Nielsen, ma questa è un’altra cosa non credete?

Con questo è tutto, ma vi assicuro che sul rating televisivo (americano) c’è tantissimo altro da dire. Adesso avete le basi, nei prossimi articoli ci addentreremo nel discorso. Resto a disposizione per eventuali domande nei commenti.

Un saluto a tutti.
Davide.

Related Articles

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
2,991FollowersFollow

Ultimi Articoli