Soundtrack Addicted | Doctor Who special

Vi avevo anticipato già in qualche articolo nel corso della settimana che anche la rubrica sulle colonne sonore avrebbe prestato omaggio a Doctor Who, considerati i 50 anni, quindi quest’articolo sarà un po’ diverso dai soliti a cui vi ho abituato negli ultmi mesi, a partire dal numero di playlist. Infatti ce ne saranno ben due: una riguardante i brani non originali e l’altra contenente i brani scritti da Murray Gold appositamente per la serie, sempre a partire dal 2005. Iniziamo quindi con la prima playlist, i brani sono in ordine di “apparizione” nei vari episodi.

Nella prima stagione in Aliens Of London (1×04) ascoltiamo un celebre brano di David Bowie “Starman” che ben descrive il nostro personaggio preferito. Qualche episodio dopo, in Father’s day (1×08) troviamo “Never Can Say Goodbye” di The Communards.

Andando alla season 2, in School Reunion (2×03) possiamo ascoltare un famoso brano della Joy Division: “Love Will Tear Us Apart” mentre in The Idiot’s Lantern (2×08) troviamo Kylie Minogue con la sua “Never Too Late”.

Nella seconda parte di Last Of the Time Lords (3×13), il Master balla su “I Can’t Decide” degli Scissor Sister.
Veniamo ora alla quarta stagione, che trova in Midnight (4×10) una rapida comparsata di un’italiana al microfono, ora se siete fan della serie e avete visto l’episodio non potete esservene dimenticati, anche per che “Do it Do It Again” vi sarà rimasta in testa per settimane, ovviamente parlo di Raffaella Carrà!
Nell’episodio successivo, Turn Left troviamo invece un brano dei Queen, “Bohemian Rapsody”.

La quinta stagione nell’episodio Vincent and The Doctor ci propone un brano degli Athete dal titolo “Chances”. E sempre nella stessa stagione troviamo nuovamente i Queen con Crazy Little Thing Called Love nell’episodio The Big Bang (5×13)


http://www.youtube.com/watch?v=khvC1M14S1M

Arriviamo alla sesta stagione, in The Impossible Astronaut (6×01) possiamo ascoltare la celebre Rolling in The Deep di Adele. Rimanendo in tema UK anche musicalmente parlando troviamo i Muse con Supermassive Black hole in The Rebel Flesh (6×05).

Siamo quindi giunti all’ultima stagione andata in onda, la settima che in The Angels Take Manhattan (7×05) propone un altro brano che parecchio si addice al Dottore: “Englishman in New York” di Sting.
Gli ultimi due pezzi di questa playlist vengono da Cold War (7×08) e ci riportano entrambi un po’ indietro nel tempo. Parlo infatti di “Vienna” degli Ultravox e “Hungry Like The Wolf” dei Duran Duran.

Eccovi quindi la prima playlist composta da tutti i brani sopracitati.

La seconda playlist è tutta dedicata a quel genio di Murray Gold, che dal 2005 continua a darci un motivo in più per piangere, ridere, gasarci, emozionarci insieme ai nostri eroi preferiti. Dopo lunga riflessione, mi risultava troppo difficile scegliere solo alcuni brani originali della soundtrack di Doctor Who quindi ho pensato: “What The Hell! Ce li metto tutti!” Quindi a seguire avete la raccolta completa (spero di non aver dimenticato nessun pezzo) di tutti i brani originali ascoltati in queste 7 stagioni più speciali.
Vi aspetto come sempre domenica prossima con la rubrica che torna in versione regolare, come sempre per suggerimenti, idee, consigli e quanto altro vi aspetto nei commenti!
Buon Ascolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.