Sons of Anarchy | Kurt Sutter commenta l’episodio 6×11 [SPOILER!]

sons-of-anarchy-05_612x457[ALLERTA SPOILER!! Se non avete ancora visto l’episodio 6×11 di Sons of Anarchy intitolato Aon Rud Persanta non proseguite nella lettura!]

EW ha incontrato il creatore e produttore esecutivo di Sons of Anarchy Kurt Sutter per parlare degli scioccanti avvenimenti dell’episodio di questa settimana.

ENTERTAINMENT WEEKLY: Sapevi già dall’inizio della stagione che avresti fatto uccidere Clay?
KURT SUTTER: Ce l’avevo in mente.

Il livello di violenza è stato folle. Ti chiedi mai se ti sei spinto troppo oltre?
Non credo di vederla necessariamente in questi termini, ma è una domanda completamente legittima. Penso di non guardare un episodio e pensare: ‘Oh, ho fatto questo, ho fatto quello, forse non dovrei fare quell’altra cosa’. Per me il punto è raccontare una storia: quando si presentano delle opportunità, se queste mi sembrano realistiche e adatte e in grado di mantenere lo show pulp ed epico, colgo queste opportunità. Quindi non penso mai alle cose chiedendomi se sia troppo.

Perché era giunto il momento che Clay morisse?
Ultimamente aveva fatto delle scelte che hanno ferito molte persone e che gli si sono ritorte contro. Dal mio punto di vista, quello che lo ha davvero messo k.o. è stato il tradimento di Gemma alla fine della scorsa stagione. Dopo che lei ha spezzato il loro legame, dopo che lei ha detto ‘Okay, sei troppo spregevole per me’ ed è arrivata a tradirlo, per lui ha avuto inizio la fine. Quello che ho provato a fare in questa stagione è stato fargli ottenere una sorta di autoconsapevolezza e fargli provare rimorso per le scelte che ha fatto. Non è poco realistico, contando il modo in cui vivono questi ragazzi. Clay inizia questa stagione guardando verso la fine. Non pensa di avere molto tempo. Quindi c’è una parte di lui che sta davvero cercando di dare una pulita ai rottami e di sistemare le cose prima di uscire di scena. Vedere una persona del genere è interessante. Non mi aspetto che improvvisamente la gente faccia dietrofront e abbia compassione di lui, anche se penso che un sacco di persone si siano dette: ‘Oh, sì, è tutto un piano, è tutta una messinscena. Lui ha un altro asso nella manica perché è di Clay che stiamo parlando’. Mi piace l’idea di una persona che sta cercando di sistemare le cose. Vuole davvero fare la cosa giusta per il club. Vuole davvero fare la cosa giusta per Gemma. Quindi, fino al decimo episodio pensi ‘Okay, hanno fatto tutto quello che potevano per tenerlo in vita e lo terranno in vita’…e quando hai la sensazione che forse non odi Clay poi così tanto come prima…è allora che uccidiamo Clay. In quanto narratore, per me sarebbe stato troppo facile piantargli una pallottola in testa quando era solo uno stronzo. La storyline più interessante è stata quella che gli ha fatto guadagnare la pace. Penso che sarà più soddisfacente per le persone, perché nella misura in cui la gente dice di volere Clay morto, non lo vuole morto. Vogliono continuare a vedere come si evolve quel rapporto. Vogliono vederlo complicarsi. Vogliono vedere come si sente Gemma per aver tradito Clay. Vogliono vedere come si sente Juice per aver tradito Clay. Vogliono vedere come si sviluppa la storia anche se sotto sotto sanno che Clay deve morire. Averlo ucciso nella scorsa stagione non sarebbe stato molto soddisfacente. A questo punto abbiamo a che fare con un uomo che ha vissuto secondo un certo codice e ha fatto delle vere bastardate, ma alla fine gli viene permesso di morire in modo nobile.

Jax è diventato come Clay?
L’aspetto ironico della corona è che non puoi sedere al posto di Clay e non diventare come lui. Nella mente di Jax, lui è un anti-Clay, come se stesse facendo tutto quanto per motivi completamente differenti. La verità, però, è che il comportamento è lo stesso: è quello che Chibs sta cercando di fargli capire ultimamente. Ma nella sua mente, Jax sa di non essere Clay. Non sta agendo per avidità. Non sta agendo per un tornaconto personale. Nella sua mente, sta agendo per la sua famiglia e per il club…ma sta comunque agendo come agirebbe Clay. Come si può correggere questo comportamento? Ci saranno alti e bassi per Jax, come è giusto che sia. Penso che avrà dei momenti di consapevolezza in cui farà la cosa giusta e poi avrà altri momenti in cui sarà quello che è e reagirà nel modo in cui sa reagire.

Chi altro andrà incontro alla morte?
Non uccido i personaggi, almeno quelli principali, facilmente. Sarebbe difficile se mi sbarazzassi di personaggi come Tig e Juice e Chibs, soprattutto ora che Opie non c’è più. Per gli spettatori sono come una famiglia. Bisogna fare molta attenzione a non essere arbitrari quando si decide chi vive e chi muore.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.