Riverdale – Recensione 4×09: Un nuovo arrivo [MIDSEASON FINALE]

Riverdale

Bentornati Addicted con la recensione della 4×09 di “Riverdale“!

Probabilmente non crederete alle mie parole, ma questa è la prima puntata dall’inizio della stagione (forse anche della scorsa) che ho apprezzato il Trota.

Riverdale_4x09_Reaction_1

Lo so, sono stupita anch’io, però questa volta mi ha sorpreso. Non tanto per l’accoppiata con FP, che, oggettivamente, avrebbe reso migliore qualsiasi cosa, ma per il suo crollo finale.

Tanto non capisco la sua crociata contro tutte le ingiustizie del mondo, quanto invece ho apprezzato la disperazione di un adolescente che ha perso il padre e che per questo è folle di rabbia. Già nella scorsa puntata avevamo visto il suo sfogo in merito, seguito poi da un nulla di fatto, anzi da una serie di decisioni che sembravano solo ribadire quanto il nostro Red fosse ottuso.

Riverdale_4x09_Archie_1 Riverdale_4x09_Archie_2

Questa volta, invece, forse ci è arrivato, ha davvero capito che il percorso di vendetta che ha intrapreso non sta rendendo onore a Fred, anzi lo sta allontanando da suo padre e da tutto quello rappresentava. Spero che l’arrivo del misterioso fratello di Fred Andrews possa tenerlo sulla retta via. Gli manca una figura di riferimento e magari  ricucire questo rapporto potrebbe portare ad una storia decisamente migliore di quella che gli è stata affidata  fino ad ora – anche perché fare peggio sarebbe difficile.

Sembra che la svolta sia arrivata anche per Cheryl e la sua storia parallela da casa degli orrori. Diciamo addio a Jason – di nuovo – e forse anche a mammina cara. Vedremo quindi se Cheryl tornerà ad inserirsi nella trama principale o continuerà a viaggiare su questo binario parallelo. Nel complesso credo di preferirla come protagonista dell’assurdo che come personaggio secondario dimenticabile da usare come jolly, però effettivamente non c’è grande logica nel suo percorso e quindi nemmeno crescita del personaggio.

Riverdale_4x09_Cheryl

[Vorrei farvi notare il tocco di classe di Jason che regge il martelletto da giudice…]

Riverdale_4x09_Jason

Tornando al mistero principale, ovvero la morte di Jughead, questa puntata ha decisamente cambiato le carte in tavola. O sta cercando di farcelo credere. Perché sì, uno dei grandi classici di “Riverdale” è far crollare le tue certezze, per spingerti a cercare soluzioni alternative e sviarti dalla verità, che spesso è molto più semplice di quello che sembra.

Il mistero dei Baxter Brothers ed il coinvolgimento di Nonno Jones sembrano arrivati al capolinea. Forsythe era uno scrittore talentuoso ma irrequieto, e ha venduto per  poco “i diritti” a DuPont, non potendo immaginare il futuro successo della saga. I problemi con l’alcol chiudono il cerchio dell’abbandono di FP. Lasciata da parte questa pista, l’attenzione si sposta sulla società segreta della Stonewall Prep e sul grande ritorno di Dark Betty. Uno strascico delle birbanterie di quel furbone di Edgar Evernever sembra aver scatenato in Betty la scissione definitiva tra luce e lato oscuro, portandola, come si intuisce, a  macchiarsi addirittura del sangue del suo amato Jug.

Queste svolte di per sé sono assolutamente interessanti, però qualcosa non quadra con quello che abbiamo visto fino ad ora.

Se davvero Forsythe non avesse nulla da temere, perché vivrebbe isolato dal mondo e con un fucile a  portata di mano? Vero, potrebbe essere il classico americano di mezza età con qualche disturbo sociale, che colleziona lattine e parla con gli opossum, ma non mi sembra troppo verosimile. Allora perché spedire copie dei libri dei Baxter Brothers al nipote? E nulla da dire sulla società segreta? Sul fatto che, a parte lui, DuPont sia l’unico sopravvissuto? E non credo sia una coincidenza il fatto che Charles sia coinvolto in entrambe le questioni (la scoperta del nascondiglio di Nonno Jones ed il viaggio nella mente di Betty), così come mi pare abbastanza strano che qualcuno della  banda di Dodger abbia sparato a FP proprio mentre si stava preparando a  lasciare Riverdale… Insomma, troppe cose non quadrano per farmi abbandonare  le teorie costruite fino ad ora.

RIVERDALE – RECENSIONE 4×09: I MOMENTI TOP DELLA SETTIMANA
  • Sul podio la nostra carissima Cheryl e la sua scena madre con la maschera a gas accanto ai fratelli. Bonus per la nonchalance con cui tutti sembrano aver accettato la presenza della salma di Jason, da Toni che ci fa colazione la mattina agli amici che accettano di partecipare al (secondo) funerale vichingo.

Riverdale_4x09_Cheryl_Jason

  • Veronica, la cara Ronnie, che non è finita nella vera e propria recensione di  questa 4×09 di “Riverdale” ma che merita di essere menzionata per le sue infinite qualità: spirito imprenditoriale, genio sopraffino, ugola d’oro e un talento nella danza da fare invidia a Mauro Repetto degli 883.
  • FP e la sua ritrovata maschia arroganza che tanto ci era mancata. Si rimette la giacca di pelle da Serpent e via a conquistare il mondo a suon di testate.

Ora vi lascio al trailer della 4×10 e vi do appuntamento al prossimo anno!

Nel frattempo buon Natale e buone feste carissimi Telefilm Addicted!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.