Revenge | Recensione 1×22 – Reckoning

Siamo giunti così al tanto atteso finale di stagione. Revenge ci saluta e ci da appuntamento al prossimo settembre, regalandoci un episodio intenso e rivelatorio. Chi di voi ancora non è convinto della bellezza di questa serie?

Cerchiamo prima di fare un attimo il punto della situazione. Nolan è tenuto prigioniero nelle grinfie del misterioso uomo dai capelli bianchi. Emily decide quindi di scendere a patti con il killer, pur di poter salvare la vita del suo fedele compagno. La ragazza è molto tesa, e mentre Daniel vorrebbe avere delle spiegazioni riguardo al bacio che Emily si è scambiata con Jack, i due hanno una sonora discussione e finiscono per rompere il fidanzamento. Intanto continuano le liti tra Victoria e Conrad. Mentre la prima cerca di convincere Lydia a testimoniare contro il suo attuale compagno, il diabolico marito cerca disperatamente le prove che riguardano David Clarke, ora nelle mani di Emily. La ragazza finalmente riesce a liberare Nolan e a mettere fuori combattimento l’uomo dai capelli bianchi, anche se non riesce ad ucciderlo. Nolan intanto prende le prove contro i Grayson e, con un escamotage, li fa trovare all’FBI. Emily sembra felice perché ormai ha concluso il suo piano e vorrebbe recarsi da Jack per rivelargli tutto. Purtroppo Amanda è tornata e per di più è in dolce attesa. Ben due colpi di scena chiudono l’episodio, mentre Emily potrebbe aver scoperto che sua madre è viva e vegeta e potrebbe nascondere un torbido segreto, Victoria e Lydia, in fuga da Conrad, hanno un terribile incidente aereo.

Decisamente una season finale intrigante e densa di avvenimenti, che non ha fatto altro che confermare l’ottima qualità della serie e la bravura degli attori. Sfruttando quindi dei colpi di scena ben strutturati, Revenge ci lascia con molti punti interrogativi. Non solo abbiamo il sospetto che Victoria e Lydia siano morte, ma quale segreto nasconde la madre di Emily? Prevedibile è stato il ritorno di Amanda, che ha inscenato il classico triangolo amoroso, che sicuramente animerà le vicende della prossima stagione. Tanti colpi di scena, quindi, al servizio di una trama fluida ma allo stesso tempo tesa ed appassionante. Sono stati questi i punti di forza di tutta la serie, ma non solo. Il successo di Revenge che in poco tempo si è trasformato in una seria tv davvero ben fatto sta in alcuni fattori fondamentali:

– I personaggi: tutti i protagonisti della vicenda, sono di grande impatto, con una psicologia contorta e di grande fascino. Si sono apprezzate non solo Emily e Victoria, ma Nolan e il giovane Declan spiccano tra i volti più noti dello show.

– Intrighi old- style: altro punto forte sono le trame di fondo. Sfruttando il tema della Vendetta, la serie è riuscita ad incastrare molte storie attorno alla ”mitologia” della serie: storie d’amore, trame d’affari, torbidi segreti, omicidi…

– Atmosfere patinate: nonostante la seconda parte della stagione abbia acquistato atmosfere più “dark”, il mondo falso perbenista degli Hamptons è stato descritto egregiamente. Patinato, festaiolo, ma anche intrigante e peccaminoso. Tutte queste caratteristiche, hanno rafforzato la vicenda.

– Soap-drama anni’80: ultima qualità fondamentale di Revenge, è stata proprio quella di aver preso e rimescolato tutte quelle che sono le tematiche old-fashion di un drama anni’80. Non si tratta però di situazioni trash e scontate, anzi proprio attingendo da quelle tematiche, Revenge ha riportato il drama in tv in una veste ancora più sexy, hot e spregiudicata.

Per ora chiudo i miei vagheggiamenti. Voglio ringraziare chi ha letto le mie recensioni, sperando di ritrovarci tutti qui il prossimo settembre. Emily ritornerà tra qualche mese, in tutto il suo splendore. Tacco 12, abito bianco, viso angelico ed una grande determinazione, oltre ad un obiettivo ben preciso: distruggere la famiglia Grayson.

1 comment
  1. Ottima serie, appassionante e in continua evoluzione senza cadere nel banale. Speranzosa per la seconda stagione… Voglio il mio bello e bravo Danny di nuovo tra noi… questo Conrad junior non si può vedere ç__ç Condivido l’analisi del successo del Tf, ha un che di retrò che ti stimola a seguirla…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.