Quotes of Week #45

Buona domenica a tutti e ben ritrovati con Quotes of the Week! Vi siete ripresi dai vari festeggiamenti? O state ancora cercando di smaltire cibo e sbornie? O ancora, vi siete resi conto del fatto che stanno ricominciando più o meno tutte le serie che seguite e nonostante vi siate guardati qualcosa come cinque/sei episodi al giorno nelle ultime due settimane, siete ancora ben lontani dall’aver recuperato tutto ciò che vi era rimasto indietro?

Qualunque sia la risposta, l’appuntamento di quest’oggi potrebbe essere rinominato “throwback sunday”, perché andremo a rispolverare qualche scena vecchia tratta dalle nostre serie preferite, nell’attesa che escano le nuove puntate e poi mi piacerebbe parlare di alcune serie concluse ma che adoro, nella fattispecie One Tree Hill e Roswell.

Inizierei però partendo dagli albori dell’Olicity, ovvero dalla 1×12 di Arrow, nella quale Oliver e Felicity si ritrovano a confrontare i rispettivi metodi d’azione.

4500 4501

Oliver: It’s not how I typically get my information.
Felicity: How do you you typically do it?
Oliver: I find the person, and then I put the fear of God into them until they talk. But we can try your way.

Oliver: Non è così che mi procuro le informazioni di solito.
Felicity: E come lo fai di solito?
Oliver: Trovo la persona in questione e poi le metto addosso una paura boia fino a che non parla. Ma possiamo provare alla tua maniera.

Cambiando completamente registro, vi ricordate questo momento fra Adam e Julia in Parenthood?

4502

Adam: Hey, Julia, listen to me, okay? Whatever is feeling good right now about Ed is just related to how bad things are feeling with Joel, and it is not worth it. It’s not about him, this is about you and Joel, and you gotta focus on your marriage. It’s about you, it’s about your family. It’s not worth it, okay? You gotta get this guy out of your life and forget about him. Figure your stuff out with Joel.

Adam: Hey Julia, ascoltami, okay? Qualunque cosa sembri bella con Ed, lo sembra solo in rapporto a come vanno le cose con Joel e non ne vale la pena. Lui non c’entra, c’entrate solo tu e Joel, e ti devi concentrare sul tuo matrimonio. Si tratta di te, della tua famiglia. Non ne vale la pena, capito? Devi farlo uscire dalla tua vita e dimenticarti di lui. Cercare di sistemare le cose con Joel.

*********

Ma adesso voglio fare un salto nel tempo molto più grande e tornare alla 3×22 di One Tree Hill, The Show Must Go On, in particolare al discorso di Lucas al matrimonio di Haley e Nathan.

Lucas: You see, they do something that’s very rare to see in someone our age. Actually, it’s very rare to see in anybody. They give their hearts to each other, unconditionally. And, that’s what true love really is. It’s not this fairytale life that never knows pain, but it’s two souls facing it together and diminishing it with unconditional love.

Lucas: Vedete, stanno facendo qualcosa che è molto raro vedere in qualcuno della nostra età. A dire il vero, è molto raro in chiunque. Stanno donando l’un l’altra i propri cuori, incondizionatamente. Ed è questo il vero amore. Non è una vita da favola priva di dolore, ma due anime che lo affrontano e sconfiggono insieme, grazie all’amore incondizionato.

Rimanendo a Tree Hill ma cambiando soggetto, una delle mie coppie preferite è sempre stata quella formata da Brooke e Julian.

4503

Brooke: If this was a movie, you’d kiss me right now.
Julian: No, I’d say “I love you” and then I’d kiss you.

Brooke: Se questo fosse un film, ora mi baceresti.
Julian: No, ti direi “Ti amo”, e poi ti bacerei.

Anche se il mio personaggio preferito in assoluto sarà sempre Peyton. Vi ricordate una delle sue prime interazioni con Lucas?

4505
 

Peyton: First of all, you don’t know me. Second of all, you don’t know me.

Peyton: Primo, non mi conosci. Secondo, non mi conosci.

E la sua amicizia con Brooke, è anch’essa qualcosa di meraviglioso.

4506

Peyton: A best friend… okay, this one is so important. Choose wisely, okay? I got really lucky with mine. My best friend is funny, intelligent, creative, beautiful and successful and very kind. And she’s also impulsive, frustrating, um… complicated, childish. But I would not have her any other way. And the best part about Brooke Davis is that she always puts friends first. So… if you are ever in any kind of trouble, now you know who to call. I can’t think of anyone I would rather have watching over you.

Peyton: Una migliore amica… okay, è molto importante. Sceglila con cura, capito? Io sono stata molto fortunata. La mia migliore amica è divertente, intelligente, creativa, bella, di successo e molto gentile. Ma è anche impulsiva, frustrante, um… complicata, infantile. Ma non vorrei che fosse in nessun altra maniera. E la parte migliore di Brooke Davis, è che mette sempre gli amici al primo posto. Quindi… se sei nei guai, sai chi chiamare. Non riesco a pensare a nessuno di migliore per vegliare su di te.

*********

Uno dei miei personaggi preferiti in Roswell invece, è senza ombra di dubbio Alex. A nella prima metà della prima stagione, quando Liz e Maria continuavano a inventarsi storie di ogni tipo e genere pur di non dirgli la verità, soffrivo insieme a lui poverino!

4508 4509

Alex: Okay, I want some answers. Alright, ‘cause first of all there’re rumors going around that last week you were shot here in the café. And then at the Crash Festival you were seemingly run over by a car, but then you weren’t. And every time I walk up to you two, you go silent or you make up some ridiculous story about Czechoslovakia which is a country that has not existed for ten years. So, I want the truth and I want it now.

Alex: Okay, voglio delle risposte. Perché prima girano voci che la scorsa settimana ti hanno sparato, qui al locale. E poi al Crash Festival tu sei stata apparentemente investita da una macchina, solo che in realtà non lo sei stata. E ogni volta che arrivo fate improvvisamente silenzio oppure vi inventate qualche ridicola storia sulla Cecoslovacchia, che è una nazione che non è esiste più da dieci anni. Quindi voglio la verità, e la voglio adesso.

L’altra cosa che amo immensamente di Roswell, sono ovviamente Michael e Maria.

4510 4511

Maria: I thought you were leaving.
Michael: I am… but I just wanted… I don’t know.
Maria: To say goodbye?
Michael: I wanted to say that this thing has been screwed up from the beginning. You and me. Us. Just the whole long, stupid story.
Maria: Thanks.
Michael: But I wouldn’t trade it for anything. It’s meant so much to me, you know. From day one, from the moment I kidnapped you and stole your car… I knew you were the girl for me. I never wanted anyone else.
Maria: Michael…
Michael: I still don’t. Just… Wherever I’m going, whatever I’m doing, just know I’ll always love you.

Maria: Credevo che te ne stessi andando.
Michael: Sto andando… ma volevo… non lo so.
Maria: Dire addio?
Michael: Volevo dire che questa cosa è andata male fin dal principio. Io e te. Noi. Tutta la nostra lunga, stupida storia.
Maria: Grazie.
Michael: Ma non la cambierei per nulla al mondo. Ha significato tantissimo per me, sai. Fin dal primo giorno, fin dal momento che ti ho rapita e ho ti rubato la macchina… sapevo che eri la ragazza per me. Non ho mai voluto nessun altro.
Maria: Michael…
Michael: Ed è ancora così. Solo… Ovunque andrò, qualunque cosa farò, sappi solo che ti amerò sempre.

Ovviamente però – preferenze a parte – non si può parlare di Roswell senza parlare di Liz e Max, e ho scelto questo quote tratto dal pilot, che riassume un po’ tutta la loro relazione.

4512 4513

Liz: When you healed me you risked all of this getting out, didn’t you?
Max: Yeah.
Liz: Why?
Max: It was you.

Liz: Quando mi hai guarita, hai rischiato che tutto questo venisse alla luce, vero?
Max: Yeah.
Liz: Perché?
Max: Per te.

*********

E anche per oggi è tutto, da settimana prossima la rubrica riprenderà a essere sicuramente più corposa visto che riprendono praticamente quasi tutte le serie… io per ora vi saluto e vi consiglio di godervi appieno questi ultimi due giorni di vacanza, almeno voi che potete…

Cheers!

Elsa Hysteria
Nella sua testa vive nella Londra degli anni cinquanta guadagnandosi da vivere scrivendo romanzi noir, nella realtà è un’addetta alle vendite disperata che si chiede cosa debba farne della sua laurea in comunicazione mentre aspetta pazientemente che il decimo Dottore la venga a salvare dalla monotonia bergamasca sulla sua scintillante Tardis blu. Ama più di ogni altra cosa al mondo l’accento british e scrivere, al punto da usare qualunque cosa per farlo. Il suo primo amore telefilmico è stato Beverly Hills 90210 (insieme a Dylan McKay) e da allora non si è più fermata, arrivando a guardare più serie tv di quelle a cui è possibile stare dietro in una settimana fatta di soli sette giorni (il che ha aiutato la sua insonnia a passare da cronica a senza speranza di salvezza). Le sue maggiori ossessioni negli anni sono state Roswell, Supernatural, Doctor Who, Smallville e i Warblers di Glee.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,330FollowersFollow

Ultimi Articoli