Quotes of the Week #23

Si ricomincia con le estenuanti pause varie e visto che ultimamente il numero di serie che seguo è persino aumentato, il mio cervello è un po’ in confusione. Cosa si è fermato? Cosa è iniziato? Chi sono? Dove sono? Chi ha ucciso Laura Palmer? Where are my dragons?

Sì Briarcliff mi aspetta, ne sono consapevole! Dunque da cosa cominciare? Ma sì via al vampire trash, TVD è in pausa e ci lascia con un episodio molto intenso. Jeremy è morto e io sono felice! Felice perché era un personaggio completamente inutile, felice perché forse forse le cose stanno migliorando e felice perché nonostante Elena sia sempre una lagna costante questa volta Nina Dobrev è stata eccellente. Ha catalizzato l’intero episodio e si è dimostrata molto più brava di quanto credessi e a parte la scena finale con l’incendio e la sua crisi, sono stata particolarmente colpita dal suo scontro con Meredith.

Elena: He’s not dead okay?! Now you’re all about science, where was science when you used vampire blood to save my life huh? There is no science here, it’s just magic. We need magic, we have to  find Bonnie. Bonnie can fix this, somebody just get me Bonnie.

Elena: Non è morto ok?! Ora parli tanto di scienza, dov’era la scienza quando hai usato il sangue di vampiro per salvarmi la vita eh? Non c’è scienza qui, è solo magia. Ci serve la magia, dobbiamo trovare Bonnie. Bonnie può sistemare tutto, qualcuno mi porti subito Bonnie.

 

Vediamo un’Elena mai vista prima, non è più in fase di rifiuto ma è ancora molto lontana dall’accettare l’idea e non è neanche ancora sprofondata nel dolore, è soltanto furiosa. Tutto questo ci riporta alla sua situazione, una ragazza normalissima, con una vita quasi banale, caratterizzata da vette ed abissi come quella di tutti, trasformata in puro delirio dal giorno alla notte. E allora cosa c’è di sbagliato in questa ostinazione? Nel mondo dei vampiri, delle streghe e dei licantropi, in un mondo in cui non l’è neanche stato permesso di morire, perché dovrebbe perdere tempo a discutere di scienza con una dottoressa da strapazzo? Per la prima volta mi ritrovo ad ammirare questo personaggio e sostenerla nel suo dolore.

Continua a svilupparsi la mia OTP del momento, Nick e Jess fanno progressi nonostante tutto e diventano sempre più adorabili.

Nick: I don’t regret kissing you, I regret what it did. I regret that it made things weird. We are roommates and we gotta figure this out.

Jess: A no nail oath? You thought I was going to sleep with one of you? Like I just couldn’t help it?

Nick:  It was me. I couldn’t help it.

Jess: Shut up Nick!

Nick: Non mi pento di averti baciato, mi pento di ciò che ha portato. Mi pento di aver reso le cose strane. Siamo coinquilini e dobbiamo risolvere questa cosa.

Jess: Un patto di non scopanza? Credevi che sarai andata a letto con uno di voi? Come se non potessi farne a meno?

Nick: Ero io. Io non potevo farne a meno.

Ti sono caduti i bastoncini di pesce.

Jess: Sta zitto Nick!

E qui ci stava un altro gran bel bacio, ma purtroppo Schimdt ha deciso di intromettersi e rendere il tutto alquanto paradossale, ma questa si sa, è una sua prerogativa e lo amiamo per questo. Inoltre credo che la sua reazione abbiamo contribuito ad una presa di coscienza da parte di Nick e Jess e credo che i prossimi episodi li spingeranno sempre più oltre.

A questo punto era mia intenzione inserire una piccola quote da 666 Park Avenue visto il prematuro addio, ma purtroppo credo che dovremo rimandare almeno fino alla messa in onda statunitense. Già è stato abbastanza duro guardarlo in spagnolo, non riuscirei a trovarci nulla di buono ora come ora, perdonatemi.

Per farmi perdonare ripiegherò su una serie da me appena scoperta, Girls. E’ la prima volta che vedo la HBO cimentarsi in questo genere e devo dire che ci riesce molto bene e come sempre in maniera accattivante e dissacrante.  Tutte e quattro le protagoniste sono dei personaggi unici e brillanti, molto ben caratterizzati, ma la mia simpatia è stata dirottata immediatamente verso Shoshanna. Non poteva essere altrimenti visto che ha esordito da vera telefila.

Shoshanna: I think I’m definitely a Carrie at heart, but like sometimes… sometimes Samantha kind of comes out.

Shoshanna: Credo di essere decisamente una Carrie nel cuore, ma a volte… a volta Samantha spunta un po’ fuori.

Con tanto di poster appeso in camera, Shoshanna vorrebbe tanto vivere in un episodio d Sex and the City ma si ritrova in Girls il che forse è molto meno patinato ma direi che va comunque più che bene!

Anche Once Upon A Time va in pausa ma ci regala un episodio ricco di colpi di scena. Rincontriamo Neal/Baelfire e saltano fuori quindi nuovi legami di parentela che complicheranno ulteriormente le cose, e come se non bastasse una terribile profezia incombe sul destino del neo nonno e di suo nipote.

Seer: The boy will be your undoing.

Rumplestiltskin: Then I’ll just have to kill him.

Veggente: Il ragazzo sarà la tua rovina.

Tremotino: Allora mi basterà ucciderlo.

Facciamo la conoscenza di un nuovo interessantissimo personaggio, la Veggente, che seppur per breve tempo ha regalato nuova essenza alla storia. Bellissimo il costume e l’idea degli occhi sulle mani, bravissima inoltre Shannon Lucio volto conosciuto da tutti i telefili. L’avrete sicuramente vista in O.C. o Prison Break. E’ un peccato che il personaggio sia durato così, sarebbe stato interessante conoscere la sua storia.

Gioite questa settimana sono riuscita ad essere abbastanza sintetica, e badate che non è certo facile per me. Non sono nata col dono della sintesi, non quando scrivo almeno! Vi aspetto tutti la settimana prossima, miei cari, pause permettendo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.