Pilot Addicted | The Strain

Un po’ in ritardo (mea culpa) arrivano anche le nostre impressioni sull’episodio pilota di The Strain, nuova serie soprannaturale/horror di FX.
The-Strain-FX

Nel corso di questi mesi si è parlato molto di The Strain principalmente per un motivo: Guillermo del Toro, ideatore della serie, autore della trilogia di libri pubblicati dal 2009 in poi, regista del pilot (e probabilmente di altri episodi nel corso della stagione).
Le aspettative erano altissime e alcune sono state deluse; ero pronta ad una puntata “da paura” nel senso letterale del termine, con l’elemento horror a farla da padrone. Quello che ho visto è, invece, un pilot che getta le basi per una buona storia ma che di pauroso ha poco o nulla.
Tutto ruota intorno ad un aereo che atterra al JFK di New York, con a bordo dei passeggeri apparentemente morti.
Presentata come una storia di vampiri, di certo è quanto di più lontano ci sia dalle storielle a cui ultimamente siamo abituati. Vengono recuperati alcuni elementi del Dracula di Stoker (e non può che far piacere), ma alcune soluzioni risultano essere troppo finte e prevedibili. Inoltre, se i protagonisti sono attori eccellenti – David Bradley, il Walder Frey di Game of Thrones e Corey Stoll di House of Cards – gli attori secondari lasciano molto a desiderare e non mi sono sembrati all’altezza del cast principale.
Ma io vi voglio dire un solo motivo per guardare questo pilot: SAMVISE GAMGEE, ho fangirlato per una buona mezz’ora!
-Fran

Dopo aver letto la trama e visto il trailer, ho deciso di dare una chance a “The Strain”. La visione del pilot mi ha lasciato molto soddisfatto e per questo mi sento di consigliarlo. Nonostante una più lunga durata rispetto al solito (70 minuti circa), l’episodio mi ha tenuto incollato allo schermo ed è riuscito a trasmettermi una sorta di “ansia positiva” e lasciato la voglia di guardare subito un altro episodio. Fortuna che l’ho visto solo a pochi giorni di distanza dalla nuova puntata.
“Night zero” ci mostra come parte l’epidemia di Zombie che colpirà New York: ho trovato davvero positivo il modo in cui la questione dell’aereo è stata affrontata, dal punto di vista medico-scientifico, con l’utilizzo di tutti quelle apparecchiature che qui probabilmente ce le sogniamo. Una cosa che non mi è particolarmente piaciuta è stato l’aspetto della bara e del possibile “essere sovrannaturale” che la abita: anche se in parte l’epidemia è causata da quei “vermetti” che sembrano abitare il cuore degli individui, mi aspettavo che la causa fosse qualcosa legato prettamente alla scienza. Però, detto questo, la questione bara aggiunge sicuramente un ulteriore mistero a tutta la vicenda. Quello che più mi incuriosisce è saper il motivo perché qualcuno possa volere lo spargersi di un’epidemia zombie e spero che questo aspetto venga meglio analizzato nel corso della serie. Oltre l’argomento, gli zombie, mi son piaciuti particolarmente i discorsi di inizio e di fine episodio, dove vengono paragonati i concetti di fame e amore, quest’ultimo espresso come un desiderio continuo, implacabile e insito in ogni uomo. Ho trovato geniale da parte degli autori l’idea di usare l’amore come mezzo per la diffusione dell’epidemia, d’altronde ognuno di noi è legato a un numero più o meno grande di persone, e di sfruttare esso per placare la fame tipica degli zombie: il finale ci ha dato modo di capire come l’epidemia si propagherà, anche se ancora non ci è stato chiarito il come.
-Etty90

The Strain era sicuramente attesissimo come pilot, io aspettavo di vedere l’approccio di Del Toro verso questi superutilizzati vampiri. Il pilot si è fatto guardare, attingendo anche nella mia mente a qualche ricordo di altri show (sono l’unica ad aver pensato a Fringe con la storia dell’aereo? xD) e mi ha incuriosito quel tanto che basta de volerne sapere di più. Mi è piaciuto il fatto che l’approccio non sia stato troppo horror e/o aggressivo, e che gli elementi siano stati introdotti man mano per fornirci un quadro generale senza scervellarci troppo.
I personaggi principali li ho trovati molto convincenti, quelli secondari un po’ meno, ma diamogli tempo!
Di misteri da scoprire e di puzzle da completare ce ne saranno a iosa e ciò è quello che mi spaventa. Non vorrei che venisse messa troppa carne al fuoco a rovinare quello che sicuramene si presenta come un validissimo prodotto.
Lu

Voi cosa ne avee pensato di questo nuovo pilot? Scrivetecelo nei commenti

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,428FollowersFollow

Ultimi Articoli