Outlander | Jamie e Claire conquistano Parigi nella Stagione 2

outlander-02-9999

Anche se la seconda stagione del bollente drama di Starz Outlander non andrà in onda prima del 2016, faremo ora un metaforico viaggio attraverso le pietre di Craigh na Dun facendo un salto nel futuro, mostrandovi le prime foto esclusive dei nuovi episodi!

L’ultima volta che abbiamo visto Claire (Caitriona Balfe) e Jamie (Sam Heughan), i due stavano lasciando la Scozia per la Francia. Cosa succederà alla coppia a Parigi? E questa nuova location cambierà in qualche modo questo show che amiamo così tanto? Abbiamo quindi posto alcune domande al produttore esecutivo Ronald D. Moore, che ci ha gentilmente chiamato dalla Scozia per darci qualche dettaglio.

ENTERTAINMENT WEEKLY: Ho capito che andrai in giro per il mondo man mano che la stagione progredisce, Ron. A che punto dell’Outlander world tour siete adesso?

RONALD D. MOORE: Siamo alla fine dell’inizio, come direbbe Churchill. Siamo al secondo blocco a questo punto. Giriamo due episodi alla volta. Adesso siamo agli episodi 4 e 5.

Quali luoghi ci sono sul vostro itinerario? Diverse città serviranno per ricreare Parigi, giusto?

Parigi è una combinazione di tre posti sostanzialmente: la Scozia, dove stiamo ricostruendo gli interni e dove troveremo case ed esterni che possano funzionare come appartamenti parigini o qualche palazzo o giardino. Poi andremo a Praga, e a Praga gireremo le scene in strada per Parigi. Così quando vedrete i nostri personaggi attraversare le vie di Parigi in realtà saranno quelle di Praga, in gran parte. Ci saranno anche delle location a Praga che serviranno come Palazzo di Versailles. Poi avremo anche dei posti nel sud dell’Inghilterra, alcuni palazzi inglesi che hanno qualche sala francese. In questi palazzi infatti ritroviamo dell’architettura francese che useremo per Versailles, alcuni giardini, altre case intorno a Parigi. Quindi useremo queste tre location…ed è così che costruiremo la nostra storia parigina.

A che punto riprenderà la Stagione 2 rispetto alla prima? Vedremo Jamie e Claire appena scesi dalla barca con cui sono salpati dalla Scozia?

Beh, non voglio dire come si aprirà la seconda stagione, ma la storia di Jamie e Claire nel XVIII secolo si può dire che inizi con il loro arrivo in Francia. La storia riprende da dove era terminata la Stagione 1, ovvero dal momento in cui Claire e Jamie decidono di cambiare la storia cercando di fermare la ribellione giacobita in modo da evitare che avvenga la terribile e sanguinosa Battaglia di Culloden e la consequente distruzione della cultura delle Highlands. Questa è la storia principale man mano che la stagione andrà avanti.

L’assalto a Jamie per mano di Black Jack avrà delle ripercussioni nella nuova stagione?

Sicuramente definisce il suo personaggio. Non è la parte centrale della storia, ma è comunque una parte molto importante, quindi gli effetti causati da quella violenza avranno delle conseguenze sulle relazioni che Jamie porterà avanti nella stagione.

Grazie a queste prime immagini della nuova stagione, si può subito notare che Jamie e Claire hanno decisamente migliorato il loro abbigliamento. Che tipo di discussioni avete affrontato tu e Terry [costumista e moglie di Ron] riguardo il nuovo guardaroba e il look che vuoi ottenere?

Ne abbiamo parlato molto tempo fa in realtà, a metà della prima stagione perché ci vuole tempo per creare i costumi e comprare i tessuti che servono, quindi queste discussioni risalgono a quel momento circa. Si tratta semplicemente di un look completamente diverso. Tutto a Parigi è completamente diverso, soprattutto i costumi, perché ora si tratta di un mondo nuovo – il mondo aristocratico è quello che Jamie e Claire frequentano mentre cercano di cambiare la storia. A quell’epoca era la città con più stile. Molti più soldi, molta più raffinatezza. In Scozia abbiamo visto lana e colori più scuri, legati alla terra. A Parigi tutti vogliono essere un pavone. Hai una palette di tessuti, stili e colori molto più ampia rispetto a quella scozzese. È un mondo completamente diverso.

E questo riguarda un po’ tutto onestamente. Il dipartimento d’arte ha avuto un cambiamento molto simile. Non c’era neanche un set di quelli che abbiamo usato in Scozia che potesse andare bene per rappresentare Parigi. Abbiamo dovuto ricostruire un intero appartamento parigino per Jamie e Claire. Ci sono carrozze, c’è la servitù e ci sono mobili e arredamento. È assolutamente diverso. È uno show completamente nuovo. Sarà totalmente diverso rispetto alla Stagione 1.

outlander-01

Domanda importante: Questo vuol dire che Jamie non indosserà il kilt?

Si e no. Indosserà il kilt durante alcune occasioni, mentre in altre no.

La nuova location avrà degli effetti anche su come lo show sarà girato?

Visivamente sarà molto diverso. Ora siamo in un ambiente urbano. La qualità della luce che entra attraverso le finestre a Parigi è di una qualità diversa rispetto a quella che entra in un castello in Scozia. Quindi sarà più luminoso. E per quanto riguarda quello che le persone indosseranno sarà più appariscente. I tessuti usati avranno dei riflessi più luminosi; ci saranno più gioielli. Tutto è semplicemente più ricco in termini di colori e tessuti, quindi visivamente siamo passati dalla legna pesante e dalle pietre della Stagione 1 alla raffinatezza di appartamenti parigini. È semplicemente tutto più ricco con una palette visiva più dinamica.

Ci sono delle lezioni che avete imparato mentre giravate la Stagione 1 che vi possono servire per la Stagione 2?

Direi semplicemente la grandezza della produzione. Quanto sia complessa. È uno show molto complesso da produrre. È difficile realizzarlo perché la storia continua ad evolversi. Appena trovi una location che puoi chiamare casa ti devi spostare in un’altra. E continui a perdere personaggi e ad introdurne nuovi, e ora ci spostiamo dalla Scozia a Parigi. La lezione principale imparata è di non sottovalutare quanto tutto possa essere complesso e come ognuno di questi blocchi formati da due episodi sia un nuovo inizio. Normalmente con le serie tv è più semplice realizzare uno show, e quando arriva la seconda stagione pensi “Ok, sappiamo di cosa si tratta. Ritorniamo a quel ponte; torniamo all’appartamento, e giriamo altre scene qua, ed ecco che c’è il nuovo colpo di scena per questa stagione.” Con questo show è come se ogni singolo blocco sia un film a parte. È una nuova sfida. Non mettersi comodi e non pensare di avere imparato qualcosa settimana scorsa, ecco questo è quello che ti aiuterà settimana prossima. [Ride] Si tratta di questo.

Per i fan che hanno letto il secondo libro della serie, Dragonfly in Amber, questa seconda stagione quanto sarà diversa dalla storia originale?

Credo che sia più un adattamento. Credo ci siano dei cambiamenti. Per i fan che hanno detto il libro, sanno che il libro è una struttura complicata nel mondo in cui Diana l’ha scritto. Il punto di vista cambia un paio di volte nel libro. Lei ha giocato con più fattori in questo secondo libro. La storyline politica interna  della ribellione giacobita e di Parigi in generale è più complessa. Quindi non è stato semplice questo adattamento come lo è stato per la prima stagione. La prima stagione era più diretta: Claire cerca di tornare a casa, poi incontra quest’uomo di cui si innamora, poi ha dei conflitti interni, tornerà a casa? La storia è molto lineare. Il secondo libro è semplicemente più complesso. È scritto molto più complessamente, e quindi il risultato è che è stato più complicato adattare la storia alla serie tv . C’erano più complicazioni, più personaggi, più punti di vista. Una sfida più grande. La cosa che mi conforta di più è che a Diana piace molto. Ha detto, “Oh, mi piace davvero come l’avete fatto. Era una trama complicata, lo so, ma credo che ne abbiate trovato l’essenza. Avete trovato l’approccio giusto e grazie a questo si capisce quale parte del loro viaggio e del loro percorso si tratta.” Quindi sono positivo. Non sarà un adattamento alla lettera perché non credo sia possibile con il secondo libro…ma credo che la storia sia la stessa, tutti i personaggi principali sono rappresentati come anche le scene principali e ti fa provare le stesse emozioni.

C’è qualcosa delle scene del 1960 del libro che puoi anticipare?

Non c’è ancora niente da dire. É una parte fondamentale del libro e credo che possiate presumere che farà parte della nostra stagione.

Ci sono delle scene che non vedi l’ora che gli spettatori vedano?

Ci sono diverse scene, ovviamente del libro, che i fan probabilmente non vedono l’ora di vedere nello show. In generale, sono molto eccitato all’idea di vedere le strade di Parigi e Versailles. C’è un interessante fattore “wow” che non vedo l’ora di vedere realizzato, come anche vedere i nostri personaggi in un ambiente urbano così diverso da quello precedente.

 

Fonte

FeFraise
Fraise, o meglio Federica, ragazza milanese di 25 anni, ha sempre amato sin da piccola tutto ciò che riguarda libri, telefilm, film, musica e viaggi. Grazie ai suoi genitori che l'hanno fatta viaggiare dall'età di 6 anni, ha sviluppato un amore incondizionato per Inghilterra e Scozia, tanto che da 7 mesi si è trasferita ad Edimburgo (che ama alla follia), insieme a quel santo del suo ragazzo. Si santo, perchè non fa altro che cercare di coinvolgerlo in tutto quello che fa e vorrebbe fare (per non parlare delle serie tv che vuole che lui veda insieme a lei!)! Il suo amore per i telefilm è nato vedendo ER e Beverly Hills, per passare poi a Friends, Dawson's Creek, Buffy, Angel e chi più ne ha, più ne metta!! Attualmente è fissata (si FISSATA) con Game of Throns,The Walking Dead, Vikings, Supernatural, Sherlock, Arrow, Revenge e tante altre! Non riesce a smettere di guardare telefilm, sono una vera ossessione! E non riesce neanche a smettere di cercare qualsiasi news telefilmica qua e là per cercare di sognare cosa potrebbe succedere! E ad ogni nuova stagione telefilmica, riesce anche a fare una lunga lista di nuovi pilot da non perdere! Passerebbe giornate intere a leggere ed ascoltare musica. Altra sua grandissima passione sono i Beatles (soprattutto Sir Paul McCartney) e i Mumford and Sons. Amante degli animali, è una convintissima vegetariana da ben 6 anni e no, se ve lo state chiedendo, non tornerebbe mai indietro e non le manca nulla! Ha viaggiato tantissimo, e continuerà a farlo, ma sente che nonostante la nostalgia della sua famiglia e dei suoi amici, abbia finalmente trovato la sua casa qui, a Edimburgo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,333FollowersFollow

Ultimi Articoli