Once Upon A Time | Recensione 6×12 – Murder Most Foul

“Murder Most Foul”, dodicesimo episodio di questa sesta stagione di “Once Upon A Time”, è stato un episodio modellato a più strati, per ciò che concerne le tematiche, e ha avuto un colpo di scena finale che farà parlare a lungo.

Vi annuncio che questa sarà la mia ultima recensione per quest’annata dello show, perché, come vedrete proseguendo nella lettura (questa è una recensione a quattro mani), è tornata Ocean, colei che vi ha intrattenuto con le sue belle recensioni e che io in questi mesi ho sostituito.

Voglio partire subitissimo con ciò che non ho amato per nulla: la rivelazione finale, che non solo si è vista arrivare sin dal promo (“Non ti perdonerò mai per questo!” E’ vero che la frase non era riferita all’evento effettivo ma ad altro, eppure la pulce nell’orecchio l’aveva messa a tutti), ma è anche del tutto fuori luogo. Andiamo, era proprio necessario rendere Killian l’assassino del padre di Charming? No. Era del tutto evitabile, è una complicazione inutile, soprattutto visto che la rivelazione avviene quando David si è liberato dal peso di aver sempre malgiudicato il proprio padre e il “fantasma” di questo è sparito, soddisfatto, pur avendo il suo assassino a un metro di distanza; per di più, in merito al quale non ha rivelato nulla, il che è anche un controsenso.
E poi, possiamo capire da dove spuntava quel “fantasma”?

In secondo luogo, ma questa è una cosa minuscola in confronto, lo stacco, e dunque il passaggio da Charming a Snow sveglia è stato un po’ troppo repentino, piazzato lì senza soluzione di continuità.

Infine, Zelena. Quella sua unica scena è sembrata messa lì giusto per ricordarci che c’è anche lei nella storia.

Ora passiamo a ciò che ho apprezzato.
Innanzi tutto, è apprezzabile che abbiano voluto “chiudere” (almeno sino al finale dell’episodio) la questione inerente al padre di Charming apertasi nella prima parte di stagione.

Incredibile ma vero, tra gli aspetti positivi c’è di nuovo Rumple. Ovviamente c’era di mezzo lui nella questione della “separazione di baby James e baby Charming” ed ovviamente la moneta era sua. Quando mai Rumple non è in qualche modo legato agli eventi inerenti a uno dei personaggi? Quasi mai, appunto, e d’altronde avendo lui centinaia di anni è normale che sia così.
Mostrare come fosse capace di azioni altruistiche anche quando non si trattava di Belle è stata davvero un’ottima idea. Inoltre, bisogna dire che il messaggio che ne è emerso è positivo, per lui. Anche la frase sul coraggio detta al padre di James e Charming, quando questo è arrivato nel suo castello, non era una critica ipocrita ma, al contrario, un parlare per esperienza, un rivedere se stesso in qualcun altro, già in quel momento e, anzi, ben prima, sapendo che l’uomo (che pure aveva tutte le migliori intenzioni del mondo, per salvare i suoi bambini) non aveva mai cercato il piccolo James.
Un guardarsi allo specchio che, per l’appunto, lo ha portato a compiere questo gesto altruistico, fingendo di attuare la sua solita politica di contrattazione e do ut des ma, in realtà, volendo aiutare un padre che cercava disperatamente un figlio, da padre che a sua volta cercava il proprio e faceva ogni cosa come passo ulteriore per arrivare al compimento di quel piano atto a trovare Bealfire.


Tutto questo è stato inserito in un quadro generale che ha avuto come tema proprio quello delle figure paterne: King George (meschino come al solito); Rumple e il padre di James e Charming, nonché Charming stesso, dilaniato tra la sua duplice veste di figlio e padre (di Emma e il piccolo Neal). E, per quanto appena accennato, Robin che non è il vero Robin papà della bambina avuta con Zelena.

Killian e Charming. Innanzi tutto, è stato davvero divertente vedere Killian andare dallo psicanalista. Davvero spassose, poi, le scene dei due che usavano gli attrezzi da piccolo chimico per compiere il rituale necessario a trovare l’assassino del padre di Charming.
A tratti Charming è sembrato un po’ sopra le righe, ma la scena in cui ha sfogato tutto il suo dolore, tutta la sua frustrazione, tutta la sua paura di non essere un buon padre è stata molto toccante, così come è stato bello che sia stato Killian a farlo ragionare e a essere l’appoggio per lo sfogo di quella tempesta interiore. Davvero una bella parte, questi due sono una BROTP, quindi, di nuovo, perché inserire Killian come vero assassino? Non poteva portarselo a bordo della Jolly Roger, piuttosto? Pessima scelta.
Vorrei fare una cosiderazione molto profonda e tecnica: August sei sempre bellissimo; nonché August e Killian more like separati alla nascita.




Infine, Regina e Robin. Ovviamente, è sempre apprezzabile vedere Regina e Snow che si confidano e si consigliano a vicenda. Entrambe hanno esperienza, una in un verso, una in un altro, e come amiche si completano, in tal senso. A mio parere più di Emma e Regina, che pure come team hanno la loro bellezza.
Questa linea narrativa inerente al nuovo Robin è piuttosto interessante. E’ chiaro che lui non sia quello originale e, come abbiamo visto, è più rabbioso e oscuro, ma proprio qui sta il lato interessante. Si rivelerà un villain, oppure è solo qualcuno che deve compiere un percorso? In questo secondo caso, che è quello auspicabile, si inserisce un ulteriore elemento che ha un notevole potenziale, ovvero il percorso che lui e Regina dovrebbero compiere insieme, così come quello di Regina stessa, che dovrebbe pian piano imparare ad amare questo nuovo Robin. Era chiaro che lei non avrebbe provato nulla baciandolo, in quanto sono due persone diverse (anche lei) che, se Robin non si rivelerà come villain, devono imparare a conoscersi e accettarsi per come sono.
C’è da augurarsi che sia così, sarebbe terribile se Regina perdesse Robin per la seconda volta.




Bene, io, Sam, mi fermo qui e ripasso le recensioni a colei che le deteneva, ovvero Ocean. Grazie per aver letto e commentato in questa mia fase di supplenza, alla prossima!

Ehm … *bussa con discrezione* E’ permesso?
Sì, lo so che accollarvi me, di nuovo, dopo le splendide recensioni di Sam, è una palla. Lo so benissimo. Ma dato che Sam sarà molto impegnata, ho pensato di aiutarla e liberarla di un peso, chiudendo la stagione con voi.
Non sarò mai altrettanto brava, e non sarò davvero mai altrettanto imparziale, ma di farvi ridere per dimenticare la mia inettitudine.

Nelle puntate precedenti:
mentre tutti gli spettatori dello show credevano finalmente di aver avuto UNA gioia una volta tanto, gli showrunners ridevano sotto i baffi aspettando il finale.
Anticipo: a me questa stagione sta piacendo un sacco. E finora le scelte narrative [ritorno alla stagione 1, con relativo risolversi di bagagli emotivi che ci portavamo appresso oramai da 6 anni] sono state azzeccate, emozionanti e dannatamente divertenti in alcuni casi.
Il finale di questo episodio, e qui sono perfettamente e totalmente d’accordo con Sam, mi ha lasciata spiazzata e un pochino delusa.
Sì, perché anche a mio parere la storyline era completamente evitabile.
Voglio dire: sappiamo tutti che Killian ha ucciso. Sappiamo tutti che era un Villain, un pirata malvagio e dedito solo alla vendetta, e che ha fatto cose orribili.
Sì. Lo sapevamo TUTTI. Anche voi laggiù che continuate a borbottare che lui è una persona orribile e Regina invece è la donna perfetta: ricordatevi, per cortesia, quanta gente Regina ha ammazzato e che Snow le ha perdonato la morte del padre e adesso fa parte integrante della famiglia, perché altrimenti è inutile parlare. NESSUNO dei personaggi che ha seguito un percorso di redenzione è immune al rancore di un intero fandom, quindi rimettiamo le cose in prospettiva.

Detto questo.
È stato un episodio davvero BELLO, sotto moltissimi punti di vista. Avevamo bisogno di un episodio dedicato finalmente a Charming, a mio parere, perché dalla season 2 e dalla sua presa di coscienza come Principe e leader, era andata via via scomparendo questa sua battaglia costante contro se stesso per essere all’altezza della situazione. L’ultima volta che lo avevamo visto protagonista, in “The Perilous Seat” a Camelot, la cosa era stata esplorata sì e no, smezzata con la rivelazione di quanto fosse bastardo Artù in realtà. Adesso invece ritorna in pompa magna quel Principe Azzurro che avevamo imparato ad amare, leader naturale ma costantemente preoccupato di non essere abbastanza, spalla perfetta per una Biancaneve forte e coraggiosa, ma umile a sufficienza da lasciarle ogni merito e mettersi in secondo piano, quando invece senza di lui Snow non sarebbe stata in grado di trovare il coraggio e, diciamocelo, le palle, di fare quello che ha fatto.
David/Charming è un personaggio che adoro, e lo sapete. E Josh è l’unico volto che vedrei bene in questo ruolo, perché la sua espressività lascia trasparire tutta la fragilità e la forza di un personaggio come questo, sempre in bilico tra il “non sono abbastanza” e il “devo essere un principe”.





E mi piace molto anche il fatto che sia Killian ad accompagnarlo in questa avventura, mettendo per una volta Emma da parte a riposarsi [dopo tutto quello che le capita ne ha dannatamente bisogno] e pensando lui ai guai della famiglia. E questo perché Killian, diciamocelo, ha molti aspetti in comune con Charming, SOPRATTUTTO il fatto di non sentirsi mai abbastanza eroe per far parte della famiglia.
Una delle tante dicotomie di Killian Jones è di avere duecento anni, e l’esperienza che ne deriva è fonte di almeno un po’ di saggezza, ma di rimanere sempre e comunque un trentenne eternamente ragazzino, quasi che Neverland abbia lasciato su di lui l’impronta di eterna fanciullezza che lascia sui bimbi sperduti, e che stia imparando adesso a “vivere davvero”, come se fosse nato nel momento in cui ha conosciuto Emma.
Per questo dico, come Sam, che una storyline del genere era del tutto superflua,
Once durerà ancora… quanto? Terminerà probabilmente con la fine di questa stagione, o con la prossima. Mentre Regina ha avuto tre intere stagioni per redimersi agli occhi di Snow e del pubblico, prendendosi il tempo di analizzare ogni sfaccettatura di quello stesso perdono e farlo accettare agli spettatori per quello che è [il termine di un conflitto inutile durato troppi anni e iniziato da un’altra persona, quella sì veramente malvagia], quella di Killian rischia di essere una redenzione, unita a perdono, buttata via, affrettata, superficiale, quando il tempo stringe e di storie da raccontare ce ne sono tantissime.

[Ehilà, Sam che vi parla qui! Intervengo solo un secondo per dire: ma perché, ne ha ancora bisogno? No, non ne ha. Quindi basta. Proseguiamo.]

Regina e Robin, ad esempio. Ricordatevi che “qualcuno” ha desiderato che la Evil Queen abbia QUEL CHE SI MERITA. E nessuno più di Regina, anche della sua parte malvagia, merita una persona accanto che la sappia amare.
Il problema con la parte malvagia di Regina è che un Robin Hood qualsiasi non la guarderebbe nemmeno col binocolo… e allora perché non darle un Robin tutto suo… e poi magari farglielo perdere in un prossimo futuro? Magari proprio a favore di Regina? O magari semplicemente per portare entrambe le Regina a riunirsi, finalmente, e mettere la parola fine a questa assurdità.
Emma per prima, e poi tutti gli altri, dovrebbero poter confermare alla grande che NON È COSÌ FACILE liberarsi della propria Oscurità, quindi a monte, detesto ripetermi, avrebbero proprio dovuto impedirle di fare una mossa tanto stupida.
Oppure, e anche questo è plausibile, è possibile che tentino di farci digerire un’accettazione da parte di Regina dell’Oscurità del nuovo Robin che la porti poi ad accettare anche la propria?
Chissà. Sta di fatto che mi sembrava superfluo darle l’ennesima mazzata. Amo i produttori, e lei ha un sacco di cose da scontare nel suo passato, ma questo mi sembra accanimento.




Gold invece, a differenza degli altri, sta brillando per coerenza.
ERA ANCHE ORA.
Finalmente, dopo aver ammesso negli inferi di essere un bastardo opportunista e senza cuore, si è deciso a ritornare ad essere il BELLISSIMO villain che era nelle prime due stagioni. Torna quindi quell’unica cosa che può davvero toccargli il cuore e che non è assolutamente Belle: i sentimenti di un padre.
Baelfire è stato da sempre, per lui, l’unico punto debole, e la stessa cosa sta diventando Gideon, e il Rumple del passato ha riconosciuto la stessa vulnerabilità nel padre di David e James. La coerenza fa grandi cose per una storyline! Anche farla diventare credibile dopo 4 stagioni passate a saltellare allegramente da “voglio essere migliore per Belle” a “però voglio esserlo ammazzando tutti”.

Specialmente poi [L’analisi di Sam è impeccabile e perfetta come sempre] quando si parla così tanto di rapporto padre-figlio, delle responsabilità e delle gioie che questo rapporto porta con sé e degli aspetti che ogni padre ha saputo o non ha saputo affrontare di questa continua battaglia.

Il resto dei personaggi regular, a parte August [Ciao Eion *occhi a cuoricino* torna più spesso Eion *occhi a cuoricino*] che, evidentemente, deve piacere davvero UN SACCO agli autori, perché è sempre scritto bene e coerente con se stesso, è superfluo e totalmente dimenticabile. La sclerata a caso di Zelena è assurda e non sta in piedi. Archie non ha brillato come al solito. Altri davvero non pervenuti, specialmente quel citrullo di Nottingham, che continuano a far comparire a caso, e che continua ad essere utile come una torcia a un cieco.

So di aver ripetuto praticamente pari pari le cose scritte da Sam, perché sono generalmente sempre d’accordo con lei. Quindi adesso tolgo il disturbo [fino alla prossima settimana] e vi lascio in pace!
Promettendo, ovviamente, di fare del mio peggio per ciò che resta del nostro tempo assieme, e ringraziando Sam per essere stata preziosa, splendida ed insostituibile come sempre! [Siete ancora in tempo per scappare eh… almeno fino a domenica. Poi dovrete sopportare me…]

 

Vi lasciamo con il promo del prossimo episodio, “III – Boding Patterns”.

 

Appuntamento alla prossima settimana!

Ricordatevi di passare in queste meravigliose pagine per news, aggiornamenti e spoiler settimanali sugli episodi, news sui nostri personaggi preferiti!

 

Ginnifer Goodwin Italia •

You’re not a villain, you’re my mom ღ

Sam
Simona, che da bambina voleva diventare una principessa, una ballerina, una cantante, una scrittrice e un Cavaliere Jedi e della quale il padre diceva sempre: “E dove volete che sia? In mezzo ai libri, ovviamente. O al massimo ai cd.” Questo amore incondizionato per la lettura e la musica l'ha portata all'amore per le più diverse culture (forse aiutato dalle origini miste), le lingue (in particolare francese e inglese) e a quello per i viaggi. Vorrebbe tornare a vivere definitivamente a Parigi (per poter anche raggiungere Londra in poco più di due ore di treno). Ora è una giovane legale con, tralasciando la politica, una passione sfrenata per tutto ciò che all'ambito legale non appartiene, in particolare cucina, libri e, ovviamente, telefilm. Quando, di recente, si è chiesta in che momento, di preciso, sia divenuta addicted, si è resa conto, cominciando a elencare i telefilm seguiti durante l'infanzia (i preferiti: Fame e La Famiglia Addams... sì, nel fantasy ci sguazza più che felicemente), di esserci quasi nata. I gusti telefilmici sono i più vari, dal “classico”, allo spionaggio, all'ambito legale, al “glamour”, al comedy, al fantastico in senso lato, al fantascientifico, al “giallo” e via dicendo. Uno dei tanti sogni? Una libreria. Un problema: riuscirebbe a vendere i libri o vorrebbe tenerli per sé?

Related Articles

1 COMMENT

  1. Episodio molto molto bello, anche a me sta piacendo molto questa stagione!

    Onestamente per me era telefonatissimo il fatto che fosse stato Kilian ad aver ucciso il padre di Charming (anche senza aver letto spoiler o visto promo) e mi associo alla vostra domanda.
    Perchè?
    Perchè doverci mostrare una cosa del genere adesso?
    Sappiamo tutti che lui era un Villain, e piazzare una cosa del genere adesso, quando dovrebbe trovarsi nel periodo più bello da molto tempo (la prospettiva di un matrimonio con Emma), è come se gli autori volessero dirci “Eh ma lui è cattivo”, “Eh ma lui ha fatto le cose brutte”, ripeto lo sappiamo.
    Avrei apprezzato moooolto di più se fosse stato Charming ad aver causato la morte del padre (involontariamente e non ricordando niente), e dovesse cercare di perdonare se stesso, o fosse stato un personaggio da farci cadere la mascella (Snow, la madre).
    Invece così è proprio voler affondare ancora di più un personaggio che, al pari di Regina, non ha mai una gioia…
    Anche perchè, come dite voi, non ci sarà il tempo per lui di redimersi, perchè è ovvio che questa cosa salterà fuori, e quindi cosa succederà? Lui e Charming faranno pace in 5 minuti dimenticando tutto?

    Ho adorato anch’io la scena di Rumple, ricordarci di quanto lui fosse legato a Bae, quanto per lui fosse importante essere un padre, ci fa ben sperare per la situazione con Gideon, questa volta Gold imparerà dai suoi errori, ne sono sicura.

    Stendo un velo pietoso sull’apparizione di Zelena, le scene di August hanno un senso, uno scopo, lei invece è piombata da Regina, ha fatto una sfuriata che neanche L’Isola dei Famosi e poi ciao. Vabbè…

    Regina e Robin. Onestamente tra Regina e Hook non so chi sia il personaggio più odiato dagli autori perchè anche lei non scherza in quanto a #maiunagioia.
    Era ovvio che non sarebbe scoppiato Lammore dopo il bacio, ma sapere che questo Robin magari è pure malvagio è proprio il colmo!
    Ma magari appunto, il fatto che lui abbia un lato oscuro (che forse quello di prima non aveva) farà in modo che Regina lo accetti anche per quello e che arrivi, finalmente, ad accettare anche il suo lato oscuro.
    Forse questo Robin completerà Regina, molto più dell’altro…
    SE poi decidono di renderlo un Villain e di non dare un lieto fine a Regina allora siamo proprio “No Maria io Esco”!!!!
    Nell’episodio del Mondo-Desiderio ci hanno fatto rivedere la scena con Trilli che porta Regina dal suo True Love, e io non voglio credere che non ci possa essere un lieto fine per lei!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,503FollowersFollow

Ultimi Articoli